Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 13 novembre 2008

Da questo mese è terminata la mia collaborazione con il sito-rivista-amicale fulminiesaette e pertanto anche l’appuntamento mensile del 15 con La colonna sonora proseguirà qui per i post che erano già stati, in anticipo, preparati.

Musica e dada

musicaAncora un modo diverso di fare musica e di approcciar visi e riferimenti diversi da cui partire per una musica che l’autore stesso definisce come “stupide canzonette”. Coretti alla Beatles, irriverenti, cambi di ritmo e armonici, rumori mescolati ai suoni come in Stockhausen; è già presente tutta la sua filosofia musicale. Quelle stupide canzonette vengono da lontano e cambiano, a modo loro, il modo di fare musica.

col11musica1Maschere per un dialogo. Tecnica mista su cartone telato di Mario DG

Ancora una volta il riferimento, il passato, viene da un ambiente a suo modo estraneo a quello dell’industria discografica del momento e della “musica leggera”. Certamente memore di un mondo blues ma contestualmente amante della musica contemporanea e in particolare, in modo evidente, delle esperienze di Edgar Varèse, etc. il suo modo di concepire e proporre musica richiama lo sberleffo iconoclasta dell’esperienza del dadaismo. Spesso il suo è un prendersi gioco dei miti del momento (anche discografici; vedi We’re Only in It for the Money del settembre 1968, da cui è tratto il pezzo che ho scelto). Ci raggiunse prima la sua immagine seduta sul water della sua musica allora con la sua creatura, i Mothers of Inventions, parliamo di Frank Zappa (Baltimora, 21 dicembre 1940 – Los Angeles, 4 dicembre 1993).
Chitarrista ma soprattutto maestro di cerimonie. Costruttore di un universo di musica assordante e debordante, a velocità spaventosa. Fin troppo prolifico fin quasi a rischiare di apparire prolisso eppure mai scontato o banale.
Sfrontato fustigatore e fustigato: spesso, anche a suo dire, la casa discografica interveniva in fase di missaggio nascondendo le parole dietro la musica perché le sue stupide canzonette graffiavano davvero quella AmeriKa perbenista. Troppo curioso per essere facilmente etichettabile.
Chiunque lo accompagni rischia d’essere un comprimario. Qui, Frank Zappa (guitar, piano, lead vocals), lo troviamo con Billy Mundi (drums, vocals, yak), Bunk Gardner (woodwinds), Roy Estrada (electric bass, vocals), Don Preston (retired), Jimmy Carl Black (drums, trumpet, vocals), Ian Underwood (piano, woodwinds), Motorhead Sherwood (soprano, baritone saxophone), Suzy Creamcheese (telephone), Dick barber (snorks).
Frank Zappa and The Mothers Of Invention: Mom and dad:

Mom and dad

Mamma e papà

Mama! mama!
Someone said they made some noise
The cops have shot some girls & boys
You’ll sit home & drink all night
They looked too weird…it served
Them right

Mama! mama!
Someone said they made some noise
The cops have shot some girls & boys
You’ll sit home & drink all night
They looked too weird…it served
Them right

Ever take a minute just to show a real emotion
In between the moisture cream & velvet
Facial lotion?
Ever tell your kids you’re glad that
They can think?
Ever say you loved ‘em? ever let ‘em
Watch you drink?
Ever wonder why your daughter looked
So sad?
It’s such a drag to have to love a plastic
Mom & dad

Mama! mama!
Your child was killed in the park today
Shot by the cops as she quietly lay
By the side of the creeps she knew…
They killed her too.

Mamma, Mamma
Qualcuno ha detto che hanno fatto un po’ di rumore
La polizia ha sparato a delle ragazze e a dei ragazzi
Tu stai a casa e bevi tutta la sera:
Sembravano degli strambi
Serviti a dovere.

Non hai mai trovato un minuto per mostrare un’emozione sincera
Sotto la crema detergente e la lozione per il viso?
Non hai mai detto ai tuoi figli che sei contenta che abbiano la testa a posto?
Non gli hai mai detto che gli vuoi bene non gli hai mai mostrato che bevi?
Non ti sei mai chiesta perché tua figlia è sempre così triste?
E’ così noioso dover amare una Mamma e un Papà di plastica.

Mamma! Mamma!
La tua bambina è stata uccisa oggi nel parco
Le hanno sparato i poliziotti mentre era sdraiata tranquillamente
Vicino alla gentaglia che frequentava…
Hanno ucciso anche lei.

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: