Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 1 marzo 2009

matrioskaPRIMA STROFA: A tutti quelli che non sanno le cose e allora te le spiegano; che per caso o per distrazione non c’erano ma è come se loro ci fossero stati e delle parole, che non hanno sentito, sanno anche il tono. A tutti quelli che credono o non credono in un dio, e alla domenica corrono alla messa perché, caspita, domenica è domenica, ma che comunque credono fermamente nella verità e quella verità loro ce l’hanno; al loro arrogantemente benevolo porgere di quella verità (del verbo) dall’alto di una saggezza di cui non devono rendere conto nemmeno all’età. A tutti quelli che hanno bisogno di un capo, di un presidente, di un segretario altrimenti la sera, a casa, non riescono a scopare; e poi ogni sera devono uscire perché hanno un incontro importante con il capo o il presidente o il segretario. A tutti quelli che si sono fatti una cultura origliando dietro le porte; che conoscono l’uomo ed è per questo che l’hanno sempre evitato; che conoscono bene le donne e lo sanno che l’unica cosa di intelligente che hanno sono quelle misure, come dire le taglie, e non ci hanno messo un niente a capirlo; che hanno dei grandi ideali e masticano la storia e la politica alta però, si sa come vanno le cose, alla fine tutto finisce a cosa vuoi? Che mi dai? A tutti quelli che, caspita, coglioni sono tutti gli altri. A tutti gli eccetera che dovrei mettere e non metto perché non mi va di dilungarmi.
Oggi è domenica. Dovrei postare qualche amenità tanto per far opera di presenza. Non mi và. Non passerò davanti al sagrato. Non intingerò le dita nell’acqua. Mi fermerò al bar. Oggi è domenica, mi prendo un giorno di vacanza. A tutti quelli di cui sopra una sola preghiera: Se mi vedete continuate a fare a non vedermi. Faccio festa anch’io. La sento arrivare, la primavera.
CANTATO: Sei come un angelo per me. Sei come un diavolo per me. Fammi sognare e sognare ancora tra le tue braccia come la prima volta.

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: