Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 27 marzo 2009

politica3

Esco. Per essere mattino è mattino. La luce è diversa. Tutto è diverso. Sfilo gli occhiali. Mi stropiccio gli occhi. Il sole è abbacinante come da tempo non lo era. Qualcosa di questo e di quello pare irreale. Non è il mio paesaggio. Guardo l’ora ed è la stessa ora. Mi specchio in una vetrina e nel vestito ci sono io. Dovevo immaginarlo, da ieri sera. Impulso notturno. La città non è la stessa. Non è la mia. Difficile spiegare, straordinario, non è la mia e lo è, o meglio lo era. Sono uscito in strada quarant’anni prima di oggi, e, tutto, è ancora esattamente come allora. Frugo con lo sguardo. Cosa cerco? Nemmeno io lo so. Forse non cerco ed è il ricordo a cercarmi. Qualcosa mi spinge verso quei percorsi, vissuti. Una violenta nostalgia si trascina nell’aria impalpabile. Riconosco ogni angolo. Ricordo ogni angolo. E in ogni angolo si aggrappano pensieri struggenti. Può sembrare impossibile ma sono nato a Venezia e veneziano sono rimasto. A Venezia tutto può succedere. O forse è solo perché allora era tutto bello. Forse perché avevo vent’anni e l’Italia il sessantotto. O forse è perché oggi è tutto così desolatamente banale e vigliacco.

[Audio “http://se.mario2.googlepages.com/ValleGiulia.mp3”%5D

Annunci

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: