Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 25 gennaio 2010

VIII – COME NOI ALLORA
e COME NOI ANCORA
eccole se vuoi
e se non vuoi
le mie misere parole
che tu credevi, e credi, incanto
perché dopo non è mai lo stesso.
Ancora li vedo cantare
con le ali intrise di pianto
li vedo tentare di ridere ancora
per gl’occhi venduti al mercato
per quattro carabattole
per un niente appena
con il cuore spezzato
il profilo bruciato – di giorno
le labbra gonfie (rosso
corroso screpore): in mano
solo cinque dita.
Di notte non so
né ho mai potuto sapere.

Giovani uomini
giovani amanti
giovane amore
ch’è sempre misurarsi
(cifra antica: dolore)
e tutto soffrire
e tutto lottare
con unghie e denti ancora bianchi
e farsi male
perché anche la carezza
è urlo immane
è graffiare fondo…
è soffocante.¹


1] 23 marzo 1983

Annunci

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: