Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 26 aprile 2010

Lo so che se lo posto poi qualcuno mi dirà che… “ma non sono tutte così.” e i più mi accuseranno di un atteggiamento “critico” verso l’altra metà del cielo se non proprio come sostenitore di falsi luoghi comuni, ma cribbio, questo è il mio blog, e anche fuori sono abituato a dire quello che penso senza mettere troppo in conto le conseguenze. Inoltre sono sollecitato dal resoconto che a chiosarlo pare un vademecun e personalmente mi è risuccesso proprio ieri. Per ultimo non dimentichiamo che alla mia tenera età ne ho passata la maggior parte vicino a donne e l’aneddotica sarebbe sterminata. Io non ho sempre portato l’orologio al polso, ma spesso mi son chiesto se le mie compagne pensavano che potesse servir loro a qualcosa oltre che quale ornamento. Alla prima obiezione potrei rispondere che ho visto persino interrogarlo, l’orologio, sperando, quando non pretendendo, che andasse contro il tempo: “Che dici, riesco ad arrivare per mezzora fa”? Nonché che sono vittima di una serie interminabile di attese, ovvero che ho passato la maggior parte dei miei giorni a guardare là in fondo in attesa di qualcuna che avrebbe già dovuto essere arrivata.

Allora, per non essere tacciato da fallocrate, non parlo genericamente delle donne ma solo di Lei e con Lei di tutte le mie ex compagne e di tutte le mie amiche e le donne che ho avuto modo di incontrare e/o frequentare. Torniamo a ieri quando mi ha detto la solita frase allarmante: “Dammi dieci minuti e faccio in un attimo”. Beninteso si doveva preparare per uscire come se ci fosse in lei qualcosa che non andava o da sistemare. Per questo strano rapporto che riescono ad avere le donne con il tempo in quei dieci minuti Lei riceve una o più telefonate (dimenticavo quanto ci sarebbe da dire sul loro amore per le parole soprattutto per quelle al telefono). Lei torna tutta allegra dopo i “suoi” dieci minuti ed in quei dieci minuti è riuscita a cambiarsi col risultato che, se non ne fossi stato messo al corrente, non avrei saputo notare nessun mutamento. Sempre in quei dieci minuti è riuscita a stare almeno due ore al telefono, spero non con la stessa vittima. Nello stesso tempo sono andato allarmato a cercarla trovandola in tranquilla conversazione. Avevo all’altro capo Sandra all’armata non vedendoci arrivare: “Il pranzo di sta freddando”.
Avevo, cellulare in mano, tutte le intenzioni di chiederLe una previsione mentre l’altra aspettava anche al telefono, ma dovevo essere al momento trasparente in quanto Lei non riusciva proprio a vedermi. Me ne sono andato in salotto trovando una qualche tranquillità nella lettura della pagina della cultura sul quotidiano. Ora so tutto della trans-avanguardia e naturalmente Lei è tornata mettendomi fretta. Alle mie rimostranze per quel fatto della trasparenza, “se disturbo potresti almeno chiedermene la ragione”, mi ha spiegato che no! mi aveva pur visto e ha aggiunto, come di consuetudine, che la mia presenza, seppur fastidiosa, non l’aveva allarmata perché aveva previsto di sbrigarsi più in fretta. Sono riuscito a scoppiare a ridere allegro mentre la sua faccia mostrava la meraviglia di chi guarda uno improvvisamente impazzito.
Naturalmente Sandra si era arresa e nel frattempo aveva abbassato impaziente il ricevitore. E per tutto quanto raccontato che siamo arrivati con i nostri consueti dieci minuti di ritardo per la cena armati (Lei) delle scuse più improbabile compresa quella del parcheggio escogitata anche dell’amica che resoconta la pizza dove quando per lei stavano passando sei minuti (che di per se non fa nemmeno record) per tutti gli altri partecipanti ne passavano ben più di venti. Ho avuto bisogno, io, persona sempre di corsa e sempre ansiosa, di tutti questi anni di allenamento per giungere alla conclusione che oggi come oggi non mi sorprende più nulla, resto solo ancora sbigottito dalle giustificazioni che hanno la fervida fantasia dei migliori costruttori di favole. Eppure, sia detto per inciso, io amo le donne perché la loro presenza non lascia all’uomo il tempo per annoiarsi.

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: