Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 27 aprile 2010

Venezia è morta

Basta che ti va su na riva in canaglaso, te par da esser da popa de na nave. Beh! na nave? insoma… na peata parché Venesia non ga mai furia. Invese se vodi ma parè tutti insemenii. No se come nialtri o i nostri veci o i veci dei nostri veci o i nostri barba. Gavè storie de caigo e gle scarpie sui oci.
Se come foresti nati qua co quea ingua pastrociada; co provè a parlar el venesian gavè soni redicoi che par che ne toè in giro e putei non ghe ne più, sconti come e pentegane o scampai inmatonii drio un pifero
”.
Che cosa c’entra papà”?
Ma gavè mai visto Strigheta? O Ciaci? O l’aqua alta del sesantasie”?

Read Full Post »

Un ritorno

Michele era tornato per Venezia, per lavoro. Erano anni che le cose lo tenevano distante ma la riconobbe subito. Nulla vi era di cambiato perché Venezia non cambia eppure… erano le persone. Non le persone in quanto persone ma un che di indefinibile, si muovevano in modo differente; insomma… come fossero una razza diversa, non appartenevano più a quella città. Improvvisamente se ne rese conto e si sentì estraneo, turista, melanconico, come se gli anni fossero diventati troppi e la distanza si fosse enormemente dilatata. Il volto che specchiava l’acqua gli parve quello cieco di fantasma e galleggiava triste.

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: