Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 8 maggio 2010

Quel giorno che naufragò nelle sue fantasie. Aveva pensieri confusi e lasciava penzolare la sigaretta che si consumava. Il cielo non prometteva niente di buono. Il melo si stagliava secco contro quel cielo piatto. Non era mai stato un uomo di parole. Sapeva sentirsi comodo nel silenzio. Per quella strada aveva accompagnato un figlio, il loro. Non aveva voluto mostrare lacrime nemmeno per lei. Non capiva tutto quel bisogno di ricordare. Si chinò per prendere una manciata di quella terra, la sua terra, per annusarne il sapore. Eppure era terra buona.

Read Full Post »

Le abitudini

Preparò il caffè e senza chiederlo versò una tazza anche per lui. L’odore si sparse velocemente nella stanza. Era impregnata di più di quel loro solido silenzio. Non avevano certo bisogno di parlare per saperlo. Il loro rancore stava diventando rassegnazione. Niente è peggio. Un nevischio sottile e rutilante confondeva tutto al di là delle finestre. Forse dietro quel tempo d’inverno tutto era realmente sparito e non c’era più niente. Forse uno se lo chiedeva. Forse uno o entrambi lo sperava.

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: