Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 11 ottobre 2010

Non riusciva a togliere gli occhi dalle sue labbra. Era questo che gli aveva dato il coraggio di chiederle un bacio. E capì subito d’essere stato incauto. E precipitoso. Lo conosceva appena. Avrebbe voluto tornare indietro. Rimangiarsi le parole. Era troppo tardi. Lei lo ascoltò e poi ci pensò con uno sguardo distratto. Non si mise fretta. Gli spiegò, parlando come parlasse ad un altro, che non le sembrava proprio il caso perché poi lui gliene avrebbe chiesto un altro. E poi probabilmente un altro ancora. E poi magari si sarebbe fatto pieno di pretese e non sarebbero più bastati i baci. E magari anche sfacciato. Perché lei sapeva che si comincia… e poi come si va a finire. Si era fidata anche troppo. Non riusciva a trovare nessuno che non ci pensasse. Gli uomini erano tutti uguali. Si finisce sempre come non dovrebbe finire. E che non voleva che le stropicciasse l’abito perché tornando a casa avrebbe dovuto giustificarsi. Gli aveva detto tutto questo con un tono monotono prima di tornare a pensarci con aria annoiata. Controllò l’ora e cercò di fingere un sorriso per chiedergli dove avesse lasciato la macchina e per dirgli che tanto valeva… se aveva un posto… e ne aveva proprio voglia… che beh! era inutile aspettare. Se si sbrigavano poteva rincasare per cena.

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: