Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 19 ottobre 2010

Avrei una dedica da fare:
A Franz Kafka, l’unico sconfitto a vincere sempre

Fotografia in BN di KafkaNotte. Motore immenso. Una luna come un’arancia, una luna conficcata nel cielo. Nero che sembra di pece. Una luna come un pugno nello stomaco. Come una ferita. Secca. Sfrigolano milioni di microscopiche nacchere. I suoni del silenzio. Silenzio: antologia di sussurri.
Anzi. Solo meccanismo d’ombre. Hanno due toni, quello d’avorio più alto, un sibilo. Quello d’ebano, più cupo. Un treno; forse, ma lontano. Indizi. Uno sfrigolio, s’insegue. No. Non proprio. Ruvido. Improprio. Piccole note. Appunti. Sassi sull’acciaio. Suono freddo. Frammenti. Grandine secca. Silenzio. Rumori sporchi.
Forse la notte è solo una bugia di buio. Una promessa. Dopo, la cena fredda. Si era pentito sulla tazza del cesso. Lì, riverso a bestemmiare; mentalmente. In quel momento, in cui, verosimilmente si pensa a Dio. Gli doleva l’operazione. La bocca amara. Amara come il rancore. E sapore di varecchina; sogno biondo. La bocca una ferita sbavata: rossa. Rosso volgare.
E piange di stelle il cielo come solo un bimbo può, con tutta la sua grande capacità di disperazione. Suono muto. L’insonnia mescola tinte di nero. Non un unico nero; questo mai. Ora lucide, ora opache. Ora uccide, ora nasconde. Come zanzare schiacciate, lassù, le stelle. Mozziconi. I fili li nasconde il buio. Lì, infisse. Microscopiche impronte. Ha troppi occhi il cielo per non sentirsi osservati.
La raucedine di un motore qua e là. Quasi rumori di macchine. Sempre lontani. I cassonetti tacciono. Hanno perso i loro sacchetti. Come visceri. Senz’anima. Hanno perso. E non parlano. Si frugano animali muti; frugano. Frugano rapidi. Con sguardi assassini.
Sguardi che scivolano via. Senza timori. Sguardi e ombre. Stilettate. Graffi. Eppure fiere. Belve. Ma solo ombre a frugare le ombre.
Odore gravido. Odore di terra ubriaca; d’acqua. Seminata di croci. Gravida terra, notturna. Anche Kafka scriveva di notte. Ma gl’occhi si sporcano d’insonnia. Frugare é l’itinerario. Come quegl’animali di antracite. Morbidi. Plastici. Felini. Frugare. Rimestare. Solo rimasticare. Ruminare. Pulsa.
E i lampioni. Sono sabba. I lampioni grammofoni, grammofoni di quelle ombre furtive. Se l’aria è umida che appiccica, appiccica i capelli. Appiccica le cose alle case. Troppo scontato Wagner. Troppo temeraria la bestemmia. Tutto si scrive sulle carta della notte. Cerca il manoscritto.
La città é solo luci; luci; estranee. Abbozzi. Punture di colori viste dal di fuori. Aloni. Notte di note blue. Illusione. Il nero cola come marmellata di mirtilli. Sui muri. Lucido. Cola. Silenzio aggressivo. Le finestre son tarli. Pettegoli. Rimorsi. Chiacchierano luci false. Luci narrate. Luci acide di televisori. Sagome le spezzano. Bugie. Solo sagome e solo per rapidi momenti. Impressioni. Sbavature, Scoloriture. Eppure, tutto sbava e scolora. Ti tradisce l’affanno.
Lei si muove alla stessa ora ma su un’altra strada. Lei che ha un profilo sottile. Lei che ha un’ombra lunga. Scritta a scatti. Lei che si fa fretta. Lei che non incontrerà mai. Lei. Tacchi a spillo. Piccola tosse asmatica. Ma più piccoli colpi frettolosi. Scariche simmetriche, elettrostatiche. Picchiettare. Suono d’ossa o di vetro. Senza opacità. Senza echi. Suono puro. Gonne corte. Lunghe gambe. Curva larga e si perde. Lei che non esiste già più. O che non é esistita mai. Lei. Lei che é suono blues.
La notte che culla il poeta. E’ indulgente con lui. Lo accarezza. Lo coccola e gli racconta la sua fola. Forse “la notte è ancora troppo poco notte”.¹ Ne è impietosita. Come da un bimbo. Lo consola. Lo perdona e lo perde. Perché il suo tradimento é l’amore. Non una preghiera gli lascia. Non un rimpianto. Non un ricordo. Non dolore. Sillabe confuse. coriandoli. Artigli gl’alberi. Ma lui cerca la storia, la storia lo trova, non se ne avvede.

Kafka, Kafka, Kafka. Ne ho piene le palle di Kafka“. – Disse Felice – “Vorrei liberarmi di questa storia”.


1] FRANZ KAFKA: dalle Lettere a Felice.
scritto il 14.04.1991

Annunci

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: