Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 3 novembre 2010

Se era stato finto era stato un magnificamente finto. In fondo aveva cercato quell’inganno, l’aveva inseguito. A volte è dolce più di qualsiasi verità. E così si era aggrappata a quegli occhi capaci di parlare ogni cosa. Al gioco meraviglioso delle illusioni e dei colori della sera. A odori e gioie per la vista. Con la gente intorno che era solo un bisbiglio sottile e gentile che le solleticava quella quieta attesa. Abbandonata alla voce dei propri silenzi; non le era mai stato altrettanto facile tacere. Le mani che non sapevano dove posarsi. Il tutto era un leggera ebbrezza. Poi il vento che le frugava i capelli e anche lui; invadente. Tenacemente invadente. Gli aveva mentito un rifiuto. Non era convinta. Lui, per fortuna, non le aveva creduto. Perché doveva essere così stupida e così donna fino alle estreme conseguenze, fino a quel doloroso rischio? Aveva pensato come la vita può essere diversa, completamente diversa, un momento per un altro. A come in qualsiasi momento avrebbe decisamente negato di essere quella che in quell’istante era. Si sorrise dietro come se potesse riflettersi in uno specchio e si perdonò. Le sarebbe bastata una rosa, aveva imparato ad accontentarsi. Invece era stato meravigliosamente volgare e bugiardo.

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: