Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 11 agosto 2011

Per queste nostre canzoni del giovedì, per continuare ad attraversare quegli anni che abbiamo attraversato con percorsi separatati, per ricordare la musica di quel periodo qui ho scelto questo brano di Robert Wyatt del 1974 da quel piccolo gioiello non da tutti riconosciuto che è Rock Bottom. Storia complicata e strana quella di questo interprete-cantautore che proveniva dai grandi Soft Machine, e poi dai Matching Mole, che animavano la scena di Canterbury allora molto seguita. Storia strana e dolorosa la sua, anche legata alla nostra città, ma per soddisfare la curiosità basta seguire i due link. Qui mi limito a augurare a tutti buon ascolto e per chi non lo conosce: buona scoperta e buone vibrazioni.
P.S. manca solo una buona traduzione del testo, ma più essere un invito per qualcuno di buona volontà.You look different every time you come
From the foam-crested brine
Your skin shining softly in the moonlight
Partly fish, partly porpoise, partly baby sperm whale

Am I yours? Are you mine to play with?
Joking apart, when you’re drunk, you’re terrific when you’re drunk
I like you mostly late at night, you’re quite alright
But I can’t understand the different you in the morning

When it’s time to play at being human for a while please smile
You’ll be different in the spring, I know
You’re a seasonal beast like the starfish that drift in with the tide
So until your your blood runs to meet the next full moon

You’re madness fits in nicely with my own
Your lunacy fits neatly with my own, my very own
We’re not alone

Annunci

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: