Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘comitati’

Venezia: 11 maggio 2013 ore 17.00

Sala Casa di Riposo S. Lorenzo
Campo S. Lorenzo – Castello 5071

il coraggio della nonviolenza

incontro con i

Comitati popolari di resistenza non violenta all’occupazione

LUISA MORGANTINI

Già europarlamentare e presidente di Assopace Palestina

HAFEZ H. I HURAINI

Contadino di At-Tuwani coordinatore dei comitati popolari delle colline a sud di Hebron

MAHMOUD H.J. HAMAMDA

Contadino resistente di Al Mufaqarah

SAWSAN M.H. HAMAMDA

Studentessa beduina di Al Mufaqarah
At-Tuwani è il villaggio dove operazione Colomba (angeli) operano dal 2004 per la protezione dei bambini e dei pastori.
Al Mufaqarah è uno dei villaggi da evacuare secondo la scelta dell’autorità israeliana ed è estremamente attivo nella lotta non violenta contro l’occupazione. Oltre a Al Mufaqarah altri 13 villaggi sono in pericolo di evacuazione per l’addestramento militare dell’esercito israeliano, che in realtà è anche un pretesto per far posto all’insediamento di nuove colonie. Mahmoud e Sawsan sono padre e figlia ed è molto importante la presenza di Sawsan non solo come donna beduina ma perché è importante che possa studiare all’ Università (cosa non per niente consueta tra i beduini).
Sarà con noi anche Abuna Aktham Hijazin che ci aiuterà anche con le traduzioni dall’arabo.

 

Read Full Post »

Mercoledì 10 aprile ore 20.00
Venezia – Mensa Ca’ Badoer – lato Basilica Frari dietro all’archivio di stato

Venezia apre le porte al Convoy Vik – Gaza to Italy

6 giovani artisti dello Shababik Center di Gaza – Finestre su Gaza – sbarcano in città.
9-10-11 aprile 2013
IL 10 ALLE ORE 20.00 INCONTRO CON GLI ARTISTI E LA LORO ARTE E CENA PALESTINESE

9 aprile – arrivo ore 16 alla Stazione Ferroviaria accolti da giovani attivisti che li porteranno in giro per Venezia.
Trasporto bagagli nella casa dove sono ospitati.
Serata di benvenuto tra pizza italiana e tiramisù. Sala eventi Teatro ai Frari, chi vuole partecipare si prenoti al 3483209160.

10 aprile – Giornata di contatto con realtà studentesche – Liceo artistico M.Guggenheim – Carmini – Laboratorio di tessuto e video arte.
Colazione veloce e partenza, con altri giovani attivisti, per giro musei veneziani.
Ore 20 Serata di scambio culturale e umano tra artisti e studenti delle varie università veneziane. Mensa Ca’ Badoer – lato Basilica Frari dietro all’archivio di stato. Proiezione lavori dei giovani artisti, scambio di idee e proiezione cortometraggi offerti dal Videoconcorso Pasinetti sulla Palestina, Gaza e Vittorio Arrigoni per il secondo anniversario della sua morte.
Cena palestinese.

11 aprile – breve giro artistico della città – Tarda mattinata partenza per Bologna.

Invitiamo tutte le persone interessate a partecipare alla sera del 10 presso la Mensa di Ca’ Badoer ai Frari per far sentire a questi giovani gazawi la nostra considerazione e il nostro affetto.

Associazione Restiamo Umani con Vik
Coordinamento per il Medio Oriente
Centro Pace Comune di Venezia
SOSDiritti
Tuttiidirittiumanipertutti
VideoConcorso F.Pasinetti
Liceo Artistico M-Guggenheim
Ca’ Tron Città Aperta

Read Full Post »

22 – 25 FEBBRAIO 2013

GIORNATE D’AZIONE PER LA RIAPERTURA DI SHUHADA STREET!

Assopace Palestina vi invita a partecipare alla quarta azione globale per la riapertura della Shuhada Street che si celebrerà, in tutto il mondo, dal 22 al 25 febbraio. Il 25 febbraio 1994 è il giorno in cui il colono Baruch Goldstein ha massacrato  29 palestinesi mentre stavano pregando, nella moschea e tomba di Abramo ad Hebron.

Shuhada Street è la via principale di Hebron, unica città della West bank in cui i coloni israeliani vivono all’interno della città vecchia. Questa arteria, che fino a pochi anni fa era un’affollata via commerciale, ora è deserta. Solo i coloni israeliani sono autorizzati a camminarci, i palestinesi non possono metterci piede. I negozi sono stati sigillati e gli abitanti arabi sono costretti a fare il giro della città per arrivare in un posto raggiungibile, in linea d’aria, in pochi minuti.

La chiusura di Shuhada Street non è solo un modo per rendere loro la vita difficile, non è solo un modo per affermare il principio della forza dell’occupante. Shuhada Street è il simbolo della condanna al silenzio e alla morte a cui Israele sta condannando molti villaggi e città palestinesi. E’ la strada dell’Apartheid e dell’occupazione militare.

Crediamo, come affermiamo con il nostro nome, nella pace. Ma crediamo che la pace sia possibile solo attraverso la giustizia. Per questo, anche quest’anno, chiediamo, a chi si oppone all’apartheid israeliana, di organizzare azioni di solidarietà, durante le giornate dal 22  al 25 febbraio.

Alcune indicazioni:

  • scendere in piazza con manifestazioni, marce, fiaccolate, sit-in, flash mobs
  • organizzare mostre fotografiche o proiezioni di filmati sull’apartheid di Hebron
  • inviare messaggi video a forum, media e social network che chiedano alla comunità internazionale di utilizzare pressione diplomatica per riaprire la Shuhada street
  • scrivere lettere alle famiglie palestinesi di Hebron per dimostrare solidarietà
  • visitare la città di Hebron per vedere con i vostri occhi la sofferenza quotidiana della gente
  • ogni altra azione nonviolenta e creativa che vi sentite possa sostenere la causa!

Comunicateci le vostre iniziative, fotografate le vostre azioni e inviatecele, via mail a
lmorgantiniassopace@gmail.com
o a liviaparisi@hotmail.com
verranno pubblicate sulla pagina face book del gruppo di attivisti nonviolenti
Youth against settlements (www.youthagainstsettlements.org)

Anche se  saranno giorni di elezioni, non possiamo lasciare cadere nel vuoto l’appello alla mobilitazione  che anche quest’anno   i Giovani contro gli insediamenti di Hebron – Palestina ci lanciano.

Anche piccole iniziative, ma facciamole, e comunicatele e fate fotografie, video delle vostre azioni, inviatele a
lmorgantiniassopace@gmail.com o liviaparisi@hotmail.com – mettetele su fb, su youtube.
Noi le manderemo ai Giovani contro gli insediamenti  che le raccoglieranno. A giorni invierò il volantino in italiano.
Lusia Morgantini

www.assopacepalestina.org

Read Full Post »


Vieni anche tu in PALESTINA E ISRAELE
dal 30 marzo al 7 aprile 2013
accompagnati da Luisa Morgantini
già Vice Presidente Parlamento Europeo

… conoscere nella solidarietà

È dal 1988 che l’Associazione per la Pace organizza viaggi di conoscenza e solidarietà in Palestina e Israele, un “andare e tornare” per contribuire a tenere aperta la strada per la libertà e l’indipendenza del popolo palestinese, per una pacifica coesistenza tra i due popoli.
Anche questa volta il viaggio vuole dare voce all’altro volto della regione, alla forza e all’instancabilità di uomini e donne palestinesi, israeliani e internazionali, che resistono quotidianamente all’occupazione, rispondendo alla forza militare con la
nonviolenza e battendosi per la fine dell’occupazione ed una pace equa e giusta.
Durante il nostro soggiorno, viaggeremo attraverso i Territori Palestinesi Occupati e Israele, per villaggi, città, campi profughi. Nazareth, Jaa, Tel Aviv, Haifa, Ramallah, Hebron, Jenin, Betlemme, Nablus, Gerico e la Valle del Giordano, i villaggi di
Bili’in, Nabi Saleh, At Tuwani, Gerusalemme: luoghi pieni di fascino e storia, ma anche pervasi dal dolore e dall’ingiustizia della illegalità dell’occupazione militare israeliana.
Incontreremo i comitati popolari, le famiglie dei prigionieri, parlamentari, rappresentati politici, associazioni per la difesa dei diritti umani, donne dei centri antiviolenza e tanti e tanti altri. Al ritorno racconteremo ciò di cui saremo stati
testimoni ed agiremo per riaermare il diritto dei palestinesi e di tutte e tutti alla libertà, alla dignità e all’autodeterminazione.
Il costo complessivo del nostro viaggio sarà di 1.200 euro, incluso il biglietto aereo a/r, la camera d’albergo (doppia, supplemento per singola), colazione e cena,oltre a guide e trasporti sul posto. Le partenze e i ritorni sono da Roma Fiumicino con volo Alitalia con possibilità di connessione da altri aeroporti nazionali.

ISCRIVETEVI SUBITO!
Per info e prenotazioni: lmorgantiniassopace@gmail.com
tel. 348.3921465 –
Rossella Palaggi 333.7630116

www.assopacepalestina.org
ASSOCIAZIONE PER LA PACE

Read Full Post »

Manifesto de Il viaggio di Vittorio - Venezia

Venezia – Sabato 16 febbraio 2013

Liceo Artistico Statale M. Guggenheim – aula magna – ore 10.00
Scoletta dei Calegheri – S. Polo – Campo San Tomà, 2857 – ore 18.00

Egidia Beretta Arrigoni presenta il libro “il viaggio di Vittorio
scritto sul figlio Vittorio Arrigoni, volontario ed attivista per i diritti umani, ucciso a Gaza , Palestina il 15 aprile 2011
l’Associazione “Restiamo umani con Vik” presenterà la figura di Vittorio Utopia Arrigoni
don Nandino Capovilla introdurrà e intervisterà Egidia che ci racconterà il suo libro. Vi aspettiamo numerosi.
Non è un eroe né un martire, solo un ragazzo che credeva nei diritti umani. Eravamo lontani, ma più che mai vicini. Come ora, con la sua presenza viva che ingigantisce di ora in ora. Come un vento che da Gaza, dal suo amato mar Mediterraneo, soffiando impetuoso, ci consegni le sue speranze e il suo amore per i senza voce, per i deboli, per gli oppressi, passando il testimone. Restiamo Umani”.
Egidia Beretta Arrigoni

Read Full Post »

Uno dei logo dei referendum 2011Non ho nessun ruolo per azzardare un’analisi del voto. E’ solo che vorrei capire, ma che diritto ho io di pretendere di cercare di capire? Hanno perso tutti e ora cercano di perdere anche quelli che stanno festeggiando. Con quel tutti voglio dire i partiti. Nessuno certamente può prendersi il merito di questa vittoria. Magari hanno collaborato, strada facendo. Magari qualcuno, per i secondi due referendum, si è anche speso a raccogliere le firme. Non ho risposte. Solo dubbi. Una cosa è certa: i quesiti non avevano valore politico. E’ quel quarto quesito che mi frastuona.
La mia non appartenenza a partiti. Attenzione, questo non significa che non sia di parte, tutt’altro. Il mio non coinvolgimento diretto in un comitato. Tutto questo mi consiglierebbe un mite silenzio. Ma ho firmato, invitato, partecipato, collaborato, posto i miei 4 doverosi ““, infine goduto. Goduto come un porco. Proprio come nel vero senso della parola. Cosa mi spinge a chiedermi cosa è cambiato? Forse solo una speranza o una illusione. Forse un vizio.
Sicuramente è una vittoria degli italiani, delle genti di questo paese chiamato Italia. E’ sempre una vittoria degli elettori ad ogni elezione. Questa volta lo è di più. Trovo inutile tornare su quanto quel popolo si sia manifestato in piena autonomia e, anche, in aperto contrasto con il mondo della politica. Un mondo forse quest’ultimo che ha definitivamente e drammaticamente perso il rapporto con il paese reale. Un mondo che ha paura della piazza. Della gente. Della sua stessa gente. Che non sa tessere un rapporto con la realtà. Con quella famosa società civile. Con l’universo delle associazioni. Che non ha sensibilità per capire le “nuove” esigenze. Ma cosa spinge chi ha vinto a mutilare la vittoria?
C’è sempre quel quarto quesito che mi frastuona. Intono a me ho tutte persone di sinistra e tutte si sono spese per il “”. Senza risparmio. Ma è probabilmente un campione non attendibile. Si dice in giro che è una vittoria della “Rete”. La mia pagina di Facebook è invasa da richieste di dimissioni del Premier, e di bandiere rosse. Tutte, le une e le altre, del popolo del “”.Ma anche quello può essere un campione non significativo. I comunisti si mescolano solo tra loro. La televisione ci spiega che hanno votato, e perciò vinto, anche quelli del centro destra. Mi sento un po’ espropriato, è il prezzo delle vittorie di oggi che paiono sempre mezze sconfitte. I “” a questo quarto quesito però non mi sembrano un consiglio amichevole.
Roma – Piazza Bocca della Verità: giustamente i romani si ritrovano a festeggiare. Qualche bandiera “di parte” ma soprattutto vessilli referendari. E tanta gioia. E tanto orgoglio. Giustamente. Sono anche i miei sentimenti. Mi sento parte, piccola parte, di quel popolo. Il popolo del “se non ora quando” con cui mi sono mescolato. Il popolo di tante piazze che in tanti anni ho vissuto e gioito. I comitati, che paiono essere usciti dal niente, chiedono di essere loro i protagonisti, giustamente. Chi? Non vogliono il dialogo in televisione perché non accettano l’intrusione dei partiti, giustamente. Vogliono il palco. Loro hanno proposto i quesiti, almeno (in via quasi esclusiva) i primi due. Loro hanno fatto il lavoro duro, anzi tutto il lavoro. Ma chi rappresenta quei voti? Anche il mio? Lo rappresenta quel manipolo che attacca un unico politico: Bersani? Quelli che non accettano il dialogo con quella parte del servizio pubblico che è RAI3? C’è un unico nome o una elite di nomi che può rappresentare quel voto e che decide che la piazza non dialoga e non è politica? Di quella politica che è di parte e può essere persino ideologica pur non militando sotto una precisa bandiera? Cioè senza incrementare il mercato delle tessere?
E tutto come ieri? Non credo. E’ un voto privo di carattere politico e senza una ricaduta sull’assetto del potere? Non credo. Il dato finale non è patrimonio della sinistra ma, a mio modesto parere, ne contiene una gran parte. Di quella stessa sinistra che ama farsi male. Di quella sinistra che diventa mille sinistre e mai una vera. Qui potrei anche aver usato il termine di centro-sinistra. Non vedo istanze radicali in questa espressione di volontà che sono i “”. Se c’è una radicalità dovrà andarsi ad esprimere trasformando il risultato in politiche. Ed è a questo punto che è doveroso tornare alla piazza. A questa ed a ogni piazza. A quelle piazze che gridano insieme e che nel fare si muovono in mille individualismi e autonomie. Mi resta in gola la domanda: allora, sono tra chi ha vinto, tra chi ha perso o tra chi ha pareggiato? Nel mio comune siamo andati oltre il 60% e al successo ho partecipato anch’io che non sono né partito né comitato. Io, cittadino. E uomo di sinistra.

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: