Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘compagna’

Franca il giorno del suo diciottesimo compleannoEsattamente quarantaquattro anni fa era una sera esattamente come questa. Un po’ indolente e un po’ malinconica. Venezia aveva il fascino che ha Venezia in sere come questa: cullava col rumore ovattato delle sue onde. Sotto questo stesso cielo una patina velata di nuvole nascondeva la luna. E sopra quel ponte ero solo con lei. Ed eravamo soli dal mondo. Io, un po’ pentito nel darmi dello stupido e un po’ indispettito delle sue provocazioni. Lei che sembrava sempre voler giocarsi di me. Le parole erano caute come quelle di chi le teme e come piccoli segreti appena sfuggiti. E’ stato solo un attimo di quarantaquattro anni fa e quarantaquattro anni sono un’intera vita. A pensarci provo una specie di vertigine. E per altro ma anche allora è stato così: una grande vertigine. Ci siamo trovati all’improvviso abbracciati. Le nostre labbra si sono trovate come non aspettassero altro. Con disperazione. Ed è stato come se ci liberassimo di tutte le parole inutili. E delle maschere. E delle nostre paure. E mi son sentito volare, ho dovuto aggrapparmi a quell’abbraccio. E stringerla più forte a me. E incredulo dirmi che tutto era vero. Anche un attimo lontani sarebbe stato solo “Che spreco immenso”. E di quello spreco, raccontato con queste sole parole, con malinconico rimpianto, come può fare il poeta ma il poeta che racconta la vita senza bisogno di raccattare i propri versi, di quello spreco lo sappiamo solo ora. Ma per tutti questi anni c’è stato in me un posto per lei. E’ sempre stata con me come un attimo di tranquillità, come quella presenza amica, come qualcosa che non accetta quel lento trascorrere del tempo. E quarantaquattro anni fa è cominciata quella storia che poi ho ritrovato e che oggi stringo come la cosa più bella che un uomo possa avere, che mi da la più grande ricchezza. Cosa importa se questa storia, senza pudore, l’ho già raccontata un’infinità di volte? Se la conosci. Non mi stanco mai di ripeterla. Cosa importa se non ho saputo allora dirti che ti amo? Lo grido forte oggi, padrone di tutta la mia stupidità, e so che sarà per sempre. E vorrei gridartelo ancora mille e mille volte, e dedicarti tutte le canzoni che un cuore innamorato ha saputo scrivere. Grazie di Esistere “amore”.

Read Full Post »

Quel piccolo grande amore, “veramente breve, non piccolo“, dicevo… quel piccolo grande amore doveva accompagnarmi tutta una vita. E’ stato sempre un rifugio, come una stanza serena nella memoria, un sogno, una voce amicale. Poi…
…e forse nemmeno oggi saprei cosa dire.
Ti amo e oggi Ti ricordo così e Ti canto per tutto questo amore e per tutti quelli che sanno ancora amare.

quella sua maglietta fina
tanto stretta al punto che mi immaginavo tutto
e quell’aria da bambina
che non glielo detto mai ma io ci andavo matto
e chiare sere d’estate
il mare i giochi e le fate
e la paura e la voglia
di essere nudi
un bacio a labbra salate
il fuoco quattro risate
e far l’amore giù al faro…
ti amo davvero ti amo lo giuro…ti amo ti amo
davvero!
e lei
lei mi guardava con sospetto
poi mi sorrideva e mi teneva stretto stretto
ed io
io non ho mai capito niente
visto che ora mai non me lo levo dalla mente
che lei lei era
un piccolo grande amore
solo un piccolo grande amore
niente più di questo niente più!
mi manca da morire
quel suo piccolo grande amore
adesso che saprei cosa dire
adesso che saprei cosa fare
adesso che voglio
un piccolo grande amore
quella camminata strana
pure in mezzo a chissacchè l’avrei riconosciuta
mi diceva “sei una frana”
ma io questa cosa qui mica l’ho mai creduta
e lunghe corse affannate
incontro a stelle cadute
e mani sempre più ansiose
di cose proibite
e le canzoni stonate
urlate al cielo lassù
“chi arriva prima a quel muro…”
non sono sicuro se ti amo davvero
non sono…non sono sicuro…
e lei
tutto ad un tratto non parlava
ma le si leggeva chiaro in faccia che soffriva
ed io
io non lo so quant’è che ha pianto
solamente adesso me ne sto rendendo conto
che lei lei era
un piccolo grande amore
solo un piccolo grande amore
niente più di questo niente più
mi manca da morire
quel suo piccolo grande amore
adesso che saprei cosa dire
adesso che che saprei cosa fare
adesso che voglio
un piccolo grande amore…

Read Full Post »

Caro amore, anche in questi giorni faticosi, vissuti intensamente, il mio pensiero non poteva non andare a Te che sei sempre al mio fianco.Vorrei che tutto non corresse così in fretta da toglierci anche il tempo per una parola in più. Tu sai che il mio cuore batte all’unisono con il tuo. Sai che tutto è semplicemente… nostro. Non ho che la possibilità di augurarti tutta la felicità possibile e di ribadire questo eterno TI AMO. Ripeto solo che, ancora una volta, questa è solo una canzone, per TE e per tutti quelli che sanno ancora amare. E anche per chi, come noi, ha ancora voglia di sognare.

Le nubi che sono nel cielo
sono le stesse nubi di una volta.
i fiori che sono nei prati
da quando esiste il mondo sono nati
e gli occhi tuoi che ora mi guardano
sono profondi grandi occhi di bimba
che vuole saper cos’e’ la vita,
che vuol sapere cos’e’ questo mondo.
e’ dall’amore che nasce l’uomo
e dalla terra matura il grano,
non c’e’ altro tra le mie mani
il nostro tempo che e’ nato ieri
e’ gia’ lontano sull’orizzonte
e non tornera’,e non tornera’
e non tornera’,
e non tornera’.
la pioggia che bagna il tuo viso
bagna da secoli la nostra terra.
il sole che e’ nel tuo sorriso
splendeva gia’ quando nasceva il mondo
e gli occhi tuoi che ora mi guardano
sono gli stessi grandi occhi di bimba
che vuol sapere cos’e’ la vita,
che vuol sapere cos’e’ questo mondo.
e’ dall’amore che nasce l’uomo
e dalla terra matura il grano,
non c’e’ altro tra le mie mani
il nostro tempo che e’ nato ieri
e’ gia’ lontano sull’orizzonte
e non tornera’,e non tornera’
e non tornera’,
e non tornera’.
e’ dall’amore che nasce l’uomo
e dalla terra matura il grano,
non c’e’ altro tra le mie mani
il nostro tempo che e’ nato ieri
e’ gia’ lontano sull’orizzonte
e non tornera’,e non tornera’.
e non tornera’,
e non tornera’.

Read Full Post »

Ti chiedo scusa, scusa con tutto il cuore, per questo omaggio frettoloso. Questi sono giorni pieni di cose, cose vissute intensamente, insieme, e pieni di Te. Ma tutto questo lo sai. Mi senti canticchiare canzoni che tornano da quel passato. Sono lo stesso. In tutto questo tempo non sono mai stato da solo. Sei il mio amore da sempre e per sempre. Solo che a volte ci rubiamo anche il tempo degli altri, per le altre cose. E mi riduco all’ultimo minuto. Ma tutto è bello quando mi sei vicina. E questi non sono che piccoli omaggi. Non riescono a dire quello che provo, né quello che mi dai. So solo che TI AMO. E allora come ogni domenica cerco di dirtelo. Così oggi. Così sempre. E questa è solo una canzone, per TE e per tutti quelli che sanno ancora amare. E anche per chi, come noi, ha ancora voglia di sognare.

Quando ti ho vista arrivare
bella così come sei
non mi sembrava possibile che
tra tanta gente che tu ti accorgessi di me.
È stato come volare
qui dentro camera mia
come nel sonno più dentro di te
io ti conosco da sempre e ti amo da mai.
Fai finta di non lasciarmi mai anche se dovrà finire prima o poi
questa lunga storia d’amore
ora è già tardi ma è presto se tu te ne vai.
Fai finta che solo per noi due passerà il tempo ma non passerà
questa lunga storia d’amore

Ora è già tardi ma è presto se tu te ne vai
È troppo tardi ma è presto se tu te ne vai.

Read Full Post »

Gli impegni di questi giorni, giorni intensi questi nostri, hanno rischiato di farmi mancare a questo appuntamento. Non mi sarei perdonato il non aver fasteggiato questa festa, come ogni domenica, dedicando una canzone d’amore alla donna che amo e che ho sempre amato e che ha reso la mia vita una meravigliosa storia da vivere. Lucio e stato un frammento, non so quanto piccolo, della vita di tutta la nostra generazione. E’ stato buone sensazioni con una chitarra intorno al falò. Una spiaggia. Un viaggio. La spensieratezza. E mille altre cose ancora. Con poche parole auguro buone emozioni alla mia Compagna e a tutti quelli che sanno ancora amare ricordando solo una piccola stupida frase che ripeto ormai tanmente spesso da diventare quasi un mantra o una gioiosa ossessione: TI AMO.

Io lavoro e penso a te
torno a casa e penso a te
le telefono e intanto penso a te
Come stai? E penso a te
Dove andiamo? E penso a te
Le sorrido abbasso gli occhi e penso a te
Non so con chi adesso sei
non so che cosa fai
ma so di certo a cosa stai pensando
è troppo grande la città
per due che come noi
non sperano però si stan cercando, cercando
Scusa è tardi e penso a te
ti accompagno e penso a te
non son stato divertente e penso a te
sono al buio e penso a te
chiudo gli occhi e penso a te
io non dormo e penso a te

Read Full Post »

Sono ancora qui, come ogni domenica dall’8 marzo, a cantarti del mio amore. Certo lo faccio attraverso la voce e le parole di altri, ma sono le parole che vorrei dirti e che parlano di noi. E poi non potrei fare di più essendo, come sai, intonato come una campana rotta. Scegli la voce che preferisci, il testo è lo stesso: sono i versi del mio amore. Anche oggi lascio questa musica per te, mio grande amore e meravigliosa Compagna, e per tutti quelli che sanno amare.
Più vedo te, più ascolto te, e più ti amo.
ogni parola che dici, t’amo un pò di più;
parole che sono per te sempre le stesse
ed io lo so che parlerai sempre così.

Più vedo te, più ascolto te, e più ti amo
ogni parola che dici, t’amo un pò di più.
Parole che sono per te sempre le stesse
ed io lo so che parlerai sempre così.

Più vedo te, più ascolto te, e più ti amo,
vivo perché tu mi lasci stare vicino a te,
perchè se tu mi dici di no, mi fai morire,
e tu lo sai, la vita sei per me.

E vedo te, e ascolto te, e t’amo sempre
ogni parola che dici t’amo sempre di più.
Parole che sono per me sempre diverse
quando sarà la voce tua che le dirà.

E vedo te, e ascolto te, sempre la stessa
vivo perché tu mi lasci stare vicino a te.
Perchè per me la vita mia non conta niente
è tutto qui quello che ho e lo do a te.

E non dirai, non dirai mai parole uguali
se parlerà la voce tua per me.
E non dirai, non dirai mai parole uguali
se parlerà la voce tua per me.

Read Full Post »

Ci sono momenti che appartengono solo ad un sospiro o al silenzio. In cui è meglio tacere. Non c’è nulla che possa sostituire le parole: TI AMO. A te che sei la mia meravigliosa Compagna e a tutti quelli che sanno amare: buon ascolto.

ti ringrazio perché
sei ancora mi… a
e mi sai dare
tante cose
che io non ti do’
ti ringrazio perché
quando vado vi….a
sai aspettare
che ritorni da te
io vorrei trovare in me
quello che io sento più
e so che tu
mi aiuterai
ti ringrazio perché
nel mio cielo grigio
resta soltanto
il tuo bene per me
io vorrei trovare in me
quello che io sento più
e so che tu
mi aiuterai
ti ringrazio perché
nel mio cielo grigio
resta soltanto
il tuo bene per me

Read Full Post »

Cara Ross
Foto in BN della 17nne Franca con Venezia alle spalleQuesta è una storia che abbiamo raccontato e raccontato più volte. Ma non c’è stanchezza perché questa storia è la nostra Storia. Certo solo nostra eppure mi pare come un buon augurio. Certo può succedere. Così è successo. Sfiorando l’incredibile. Come una favola: la nostra Favola. Due anni, fa di questi tempi, proprio il 13 marzo, ma era un venerdì, alle 21.30 arrivava un messaggio in Facebook. Spero che mi perdonerai, anzi ne sono certo, se metto a nudo le tue parole nel raccontare il veramente com’è andata, senza un briciolo di pudore:
«Dal nome potresti essere un “antichissimo” amico di giovinezza, dipende quanti anni hai e se hai un fratello di nome …
Se così fosse, e parlo di quel fratello, potresti essere il Mario che conosco.
Non cercare di capire chi sono dal nome perché è evidentemente un nick.
Se vuoi rispondimi e se sei tu potremmo riaggiornare la nostra amicizia
Ciao Ross»
Dalla fessura aperta da questa mail è entrato subito un uragano. Difficile spiegarlo. Incredibile, è il termine più vicino alla realtà. Io Ti ricordavo così, come nella foto (anche se non una bella foto). O come in quella sotto (sempre una foto non proprio riuscita ma poteva una foto ritrarre la tua bellezza o almeno come Ti vedevano i miei occhi?). Nemmeno io, è stupido dirlo, ero rimasto lo stesso. E mi ricordavo molte cose, quasi troppe, forse tutte. Sono passati due anni e qui li voglio ricordare. I due anni più belli in una vita. E il nostro è un amore incredibile ma ancora giovane, nonostante noi. La cosa più incredibile è stata certamente che abbiamo ripreso il filo logico dei nostri discorsi come l’avessimo interrotto solo alcune ore prima. E c’era solo un grande bisogno di non tornare a interromperlo, nemmeno per un istante. Invece erano trascorsi più di quarant’un anni. Non sto scherzando: proprio 41. Non posso allora che dedicarti ancora una volta una canzone del grande Luigi Tenco perché in fondo non siamo mai stati veramente lontano. E quello che racconta il poeta-cantante l’ho veramente provato. Ed è difficile dirlo e capirlo ma non c’è mai stato un solo istante in cui tu non mi sia in qualche modo mancata. Eravamo cambiati e non lo eravamo affatto. Forse eravamo stati degli altri, diversi, ma in quel momento eravamo tornati a casa. Ci eravamo ritrovati. Ritrovati completamente. Auguro a tutte le persone che si amano un amore così grande. Pieno di serenità, di felicità e di passione. Lo auguro nel momento in cui ti dedico questo pensiero per il nostro anniversario. Mille di questi giorni mia cara Ross.

Foto in BN in cui Franca ha ancora una volta il volta di una figlia dei fiori tipico di quegli anni

Read Full Post »

Si svegliò quella mattina. Guardò verso di lei. Scoprì un’estranea nel suo letto. Non avevano nulla da dirsi. Se mai c’era stato certo era finito. Non restava che silenzio nel silenzio. Si vestì. Si lavò e si sbarbò. Uscì per andare al lavoro. Una mattina come tutte. Fuori anche il giorno era indeciso. Gliel’avrebbe detto per telefono. Era meglio così. Meno penoso per entrambi. Avrebbe inventato una ragione. Non c’era una ragione. Forse era già finita. Forse se ne era reso conto solo in quel momento. Persino il pensarci gli andava a noia.
Carla era carina, premurosa. Carla aveva sempre una parola giusta. Carla arrivava al momento giusto. E aveva anche un gran bel culo. Era certo che avesse una simpatia per lui. Capì che la ricambiava. Quella mattina Carla era un poco scontrosa. Non era proprio giorno. E poi doveva rivedere quel progetto. Però ci avrebbe fatto un pensierino. In seguito. Magari domani. Non era per lei che si era deciso. Forse però la sua presenza l’aveva aiutato in quella decisione.
Quando era tornato a casa Angela aveva capito. Aveva trovato le stanze vuote e un biglietto: “Mi organizzo e passo a prendere le mie cose”. Forse era stato precipitoso. C’era un silenzio allarmante. Era stata troppo comprensiva. Troppo arrendevole. C’erano delle lettere sul tavolo. Le loro lettere. Quelle che lui aveva scritto quando l’aveva conosciuta. E lei viveva ancora a Milano. Non avevano altro m,odo di comunicare durante la settimana se non scriversi. Scrivere e telefonare.
Forse era stata lei a lasciarle. Le aveva conservate. Ricordò che non facevano altro che scrivere e parlarsi al telefono. Per delle ore. Per giornate intere. Aveva cominciato a sfogliarle. Non era possibile. Non poteva essere stato lui a scriverle. Erano piene di parole d’amore. Di tenerezze. Di romanticherie. Di progetti. Non era mai stato così. Le leggeva come se non le avesse mai viste. Come se fossero della mano di un altro. Chiamò Carla ma non volle parlare con la segreteria. Certamente lei era cambiata.

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: