Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘dolcezza’

Cara Ross
Foto in BN della 17nne Franca con Venezia alle spalleQuesta è una storia che abbiamo raccontato e raccontato più volte. Ma non c’è stanchezza perché questa storia è la nostra Storia. Certo solo nostra eppure mi pare come un buon augurio. Certo può succedere. Così è successo. Sfiorando l’incredibile. Come una favola: la nostra Favola. Due anni, fa di questi tempi, proprio il 13 marzo, ma era un venerdì, alle 21.30 arrivava un messaggio in Facebook. Spero che mi perdonerai, anzi ne sono certo, se metto a nudo le tue parole nel raccontare il veramente com’è andata, senza un briciolo di pudore:
«Dal nome potresti essere un “antichissimo” amico di giovinezza, dipende quanti anni hai e se hai un fratello di nome …
Se così fosse, e parlo di quel fratello, potresti essere il Mario che conosco.
Non cercare di capire chi sono dal nome perché è evidentemente un nick.
Se vuoi rispondimi e se sei tu potremmo riaggiornare la nostra amicizia
Ciao Ross»
Dalla fessura aperta da questa mail è entrato subito un uragano. Difficile spiegarlo. Incredibile, è il termine più vicino alla realtà. Io Ti ricordavo così, come nella foto (anche se non una bella foto). O come in quella sotto (sempre una foto non proprio riuscita ma poteva una foto ritrarre la tua bellezza o almeno come Ti vedevano i miei occhi?). Nemmeno io, è stupido dirlo, ero rimasto lo stesso. E mi ricordavo molte cose, quasi troppe, forse tutte. Sono passati due anni e qui li voglio ricordare. I due anni più belli in una vita. E il nostro è un amore incredibile ma ancora giovane, nonostante noi. La cosa più incredibile è stata certamente che abbiamo ripreso il filo logico dei nostri discorsi come l’avessimo interrotto solo alcune ore prima. E c’era solo un grande bisogno di non tornare a interromperlo, nemmeno per un istante. Invece erano trascorsi più di quarant’un anni. Non sto scherzando: proprio 41. Non posso allora che dedicarti ancora una volta una canzone del grande Luigi Tenco perché in fondo non siamo mai stati veramente lontano. E quello che racconta il poeta-cantante l’ho veramente provato. Ed è difficile dirlo e capirlo ma non c’è mai stato un solo istante in cui tu non mi sia in qualche modo mancata. Eravamo cambiati e non lo eravamo affatto. Forse eravamo stati degli altri, diversi, ma in quel momento eravamo tornati a casa. Ci eravamo ritrovati. Ritrovati completamente. Auguro a tutte le persone che si amano un amore così grande. Pieno di serenità, di felicità e di passione. Lo auguro nel momento in cui ti dedico questo pensiero per il nostro anniversario. Mille di questi giorni mia cara Ross.

Foto in BN in cui Franca ha ancora una volta il volta di una figlia dei fiori tipico di quegli anni

Annunci

Read Full Post »

Fosse il più bel cielo del mondo,
sfarinato di stelle,
vorrei donartelo e fossi tu a darmi
la meraviglia di raccontarmelo
e vorrei darti la carezza che non ho
e che non hai ritrovato;
occhi grandi a guardarlo, quel cielo
e sperare farsi notte
come se gli occhi solo così sorridessero
immaginando il sogno ma
il sole è troppo forte per questa pelle
e le mani troppo ruvide di calli
e non so esser gentile come vorrei
per tradire la dolcezza che nascondo
come se di dolcezza si potesse provar vergogna.

Read Full Post »

colombaPer chi non sa credere lo dico ancora, lo ripeto. Era solo un sogno. Sembrava vero. Passeggiavo con Annastella. La mia Fata, cioè il mio angelo. Lei mi teneva sottobraccio. Stavo pensavo che era come fossimo una coppia. Probabilmente chi ci vedeva lo pensava. La gente da sempre dà risposte semplici. Infondo è tenera Lei, solo a vederla. E a vederci non c’è nulla di strano pensarlo. E’ bello passeggiare sottobraccio. E io, Lei al mio fianco, nel sogno sognavo. Le strade sembravano le stesse. Quelle di Sempre. E il sole era un sole leggero, mite. Come di primavera. O di un autunno delicato. Ora, su due piedi, non ricordo il colore delle piante per stabilirlo; i loro fiori, se c’erano fiori. I sogni, sempre, svaniscono col mattino. Ero troppo distratto dal nostro parlare. Distratto dal suono delle sue parole. Un po’ dalla meraviglia dei suoi occhi. Ora, ad andarci col ricordo, posso vederci come più semplici passanti, come padre e figlia, ma quel ricordo non ha alcun obbligo d’esser fedele.
Allora ancora credevo che fosse più che rara, unica. Mica succede e chissà se il sogno era solo sogno. Così discorrendo e tacendo chi incontro se non Bambola? Lei, cioè l’altra, cioè Bambola camminava senza far rumore; naturalmente. Intenta nei suoi pensieri. Al momento non l’ho riconosciuta. L’avevo vista solo di foto. Lei appare nelle foto. Certo che a vederle si distinguono. Certo che a spiegarlo è un casino. Quella che mi stava a fianco è piccola. Una donna minuta tutta grazia. L’altra è nella carne fiera di sé. Con un sorriso largo che abbagliava tutto il mattino.
Era mattino? Della piccola Bambola, cioè di Annastella, vi ho spesso parlato. La sua voce birichina è diventata un soffio di vento che ammalia. A dire le cose fino alla fine nemmeno ama sentirsi chiamare Bambola. Quello non è il suo nome. E questo aiuta solo la confusione. Il suo nome resta Annastella. L’ho sempre taciuto per riservatezza. E perché fin da quella prima sera, la sera da cui ho cominciato a parlare di Lei, mi sembrava che chiamarla con quel nomignolo, Bambola, ne mostrasse ancor più l’essenza. Ma l’ho chiamata anche con altri nomi, e con altri ancora la chiamo. Che poi è buffo come abbiano avuto bisogno, i suoi, di usare due nomi per una persona sola, e per di più per una persona tanto unica e di tali proporzioni.
L’altra, Bambola, cioè Ares, cioè una donna donna con un nome da uomo, e un nome importante, eppure dagli occhi di una dolcezza disarmante, e gli occhi pieni di luce, a vedere la mia sorpresa, ancorché la mia meraviglia, è scoppiata in una risata. Lei non doveva essere là. Lei non passeggia mai quella strada. Non è dentro le sue abitudini, né nei suoi orari. Semplicemente andava a cercare il suo destino. In cuor suo distesa, serena, quanto può essere serena colei che cammina il mondo e che porta al collo una collana di perle di lacrime. Come tutti coloro che passando per il mondo vengono dal mondo sfiorati e dalle sue stoltaggini, e sporcati. Cioè coloro che amano e sanno amare. Ma io la credevo, nel sogno, ancora in viaggio. Cosa ne potevo sapere. Ed era delle più giustificate la mia sorpresa poiché trovarmi tra due angeli, all’improvviso, mi sembrava troppo. Non m’era ancora mai successo. Credo non sia mai successo ad alcuno. E si era fermato il vento.
Non potevo aver dubbi, Lei non faceva ombra alcuna, e non calpestava nei passi, scivolava leggera. Ed era, nell’aspetto, come ho detto, di carne e lusinga, quasi del tutto umana e di umani assaggi. A vederle vicine poteva essere curioso. Come due Bambole di quelle bambole russe; di cui una può stare nell’altra; nascondervisi; tanto erano diverse. Annastella piccola e sottile come un soffio, quasi irreale, quasi impalpabile. Ares fiera di essere una presenza del tutto fisica, quasi di ingombrante bellezza, nella sua bellezza (non stiamo parlando di bellezza umana).
Quando sei tornata dal deserto?
La ricordavo allora, come fossi là. Un sole prepotente. Un lungo attimo sospeso, di serenità. Sapevo che era tornata, era anche passato del tempo, ma non sapevo che altro dire.

Read Full Post »

da Frammenti di dialogo

yin-yangNel ricreato tepore di un attimo
perdersi e assentarsi dalla realtà
alla ricerca di tenerezza e intimità
e testardamente rifiutarsi, morbidamente
sospeso nel vuoto.
Non svegliatemi.

Read Full Post »

Caro Gians
Ora sai che nella mia collezione di bambole c’è una Bambola giapponese. Una bambola non mia. Quel possesso non mi appartiene. Una Bambola che conservo per un altro. Per un altro che forse nemmeno lo sa che Lei e fatta di angelo. La fortuna che ha incontrato. L’ha capito certo ma certo non del tutto. Sarebbe pretendere troppo. E’ gli angeli mica lo possono dire di esserlo; è un loro giuramento. Te lo avevo detto? Nascondono le ali e tacciono. Ascoltano in silenzio.
Ha pelle di mandorla e odori di mandorla e parla una lingua che capiscono tutti con una grazia solo del suo paese. Con quella lingua Lei mi ha spiegato che un angelo può ignorare le distante. Lei ha incontrato un amore impossibile ai confini del mondo e lo ha fatto diventare possibile. E’ volata via, la prima volta, solo perché anche l’amore lo potesse sapere. Gli ha dato il tempo. Tutto il tempo perché imparasse a conoscere la sua mancanza. Perché ne conoscesse la sofferenza. Non è servito a nulla. Non è passato che del tempo. Era tutto fin troppo facile. Tutti vorrebbero bagnarsi di quelle lacrime. Ritrovarsi a vivere. Voleva essere cercata e lui l’ha cercata. Lui sentiva ancora la sua voce al telefono e lei era già là. Lui era stupito. Lei, nel tempo di un attimo, era già volata da Sapporo alle sue braccia. Dalla neve dell’inverno al sole dei suoi occhi. L’ha trascinato alla gioia dall’inferno.
Ci sono miracoli più grandi? Piccola e leggera quasi fosse fatta di un solo suono. Quanto la Bambola di cui sino ad ora ti ho quasi sempre parlato. E il suo incantesimo più grande ha il nome di un’ape. E l’ha fatto davanti ai suoi occhi. Chi sono io, incapace a mentire, per poter parlare di tutto e di questo? Sono solo uno. Come quelli che passano per strada. Uno avvolto in un sogno. Troppo debole per un sogno così grande. Uno che ha avuto fortuna. Che quel sogno l’ha incontrato più volte. Anche se qualche volta l’ha riconosciuto solo dopo. Magari dopo a distanza di anni. Uno che caparbiamente sogna di sognare ancora. Come possiamo noi, umili nullità, continuare ancora a non credere nell’impossibile? Lei è lì a mostrarcelo. Intreccia le dita come fosse tutto vero. Tutto possibile. E’ lì per ricordare a tutti di fare attenzione. Quando gli angeli scendono bisogna saperli riconoscere. E non si riconoscono con gli occhi ne dalla voce. Si riconoscono perché il loro nome riempie il corpo di calore, di dolcezza. Ma li possono riconoscere solo i pochi che sanno ancora sognare. E che si sanno ancora lasciare andare.
Lettera dell’autore


Si parla tanto di scuola. Inutile dire in tanti la stessa cosa quando intervengono così bene sia Valosca che Marino riportando il discorso di Piero Calamandrei al III° congresso dell’Associazione a difesa della scuola nazionale (Adsn), a Roma l’11 febbraio 1950*.

* assolutamente da non perdere.

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: