Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘epistole’

Caro millenovecentosessantotto

bustaQuanto tempo è passato, ed è tempo che non sembra passato; che ha corso in fretta. Ti scrivo perché torni a battere a questa porta. E perché solo un pazzo furioso potrebbe scrivere una lettera ad un anno. Io pazzo, folle di vita, lo sono sempre stato. Curioso e curiosante. Dei tuoi istanti. Dei tuoi abitanti. Di tutte le cose che tutti raccontano e non sono mai state. Come si fa a dirlo ai giovani che tu sei l’anno che non c’è? A quei giovani che piangono di non ricordare, e ti aspettano ancora. Oppure a quei giovani che giovani lo sono rimasti da allora. E a tutti quelli, poi, che non lo sono stati mai. A tutti loro, con una faccia impassibile, hai raccontato una illusione.

Sia tu che io non c’eravamo a quell’incontro. E lo sai. Ognuno metteva in gioco il suo cuore; ed io potevo essere da meno? Anch’io ti ho amato. Come si ama un bacio, quella canzone, un attimo che fugge. Come si ama l’altro doppio di te. Come si ama giovane non sapendo ancora amare. Per quello che avrei voluto fossi ma non sei stato. Non potevi essere. Ed ero anch’io pieno di sogni. Come si fa a non sognare quando si ha l’età più bella? E le più belle cose. E non temi nulla. E pensi di poter sfidare il mondo. Cioè quando puoi possedere l’arroganza dei vent’anni. Pensi che tutto ti sia dovuto. E puoi gridare forte controvento. E non sai vivere niente a metà. In seguito è facile per tutti fare gli eroi.

Dove c’era un fuoco c’era una canzone. Eri quella canzone. Eri la voglia di partire. Eri la strada. In realtà il tuo non essere erano volti, erano nomi precisi. Loro diventano e prendono il tuo posto. Era la strada a prendere il tuo posto. Erano gli incontri. Erano persone; private. Non abbiamo cambiato che noi stessi. Abbiamo speso e contato i grani di un sogno. Ma, a volte, i sogni hanno una sostanza dolcissima. Ti trattengono la mano. Ti aiutano ad andare. Ti spingono all’avventura; loro sì. Non tu che promettevi una promessa che si è rivelata vana. Il giorno dopo non avevamo più quei giorni. Il giorno dopo era il giorno di fare i conti. Del risveglio. Era giorno di rancore. E solo per il giorno dopo eri stato. E io ero a ritornare.

Sulla strada si alzava un fumo nero. E vampe rabbiose.

L’autore

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: