Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Freedom Flotilla due’

Ponza: veduta del mare
Oggi il mare è tranquillo. Di un blu cobalto. Attorno agli scogli non c’è un minimo di colletto bianco. Quelle che chiamano ochette. Solo poche vele sfruttano il poco vento. L’aria è calda. Un urlo d’estate. Estate: stagione di voglia di leggerezza. Lì in fondo il mare diventa cielo senza soluzione di continuità. E’ un unico sfondo. Tutto fa frivolo, allegro. Non ti aspetti di vedere le navi dei pirati. Si stanno radunando. Ormai manca poco. Sono pronte a dirigersi verso Gaza. Solo chiudendo gli occhi sembra di vederle. E sulla prua lui, il pirata che chiami per nome. Strani pirati pronti ad affrontare la flotta dei tiranni. I cannoni, se serve, il piombo e il fuoco. Armati solo del loro coraggio. E davanti a loro arroganza e disprezzo. Davanti a loro il potere della forza e della violenza. I fuorilegge del potere che seminano terra e mare di odio. Il pensiero va agli amici coraggiosi. Alla loro traversata, all’impresa. Ed è allora che ricorda quella vecchia storia di pirati; altri pirati. Un pensiero leggero va anche a loro, e un po’ d’invidia. Un pensiero dice che in quel mare c’è spazio per tutto e per tutti. Loro solcano un altro mare. Lui sale sull’albero, non c’è un orizzonte più lontano che possa vedere. E gli occhi si bagnano di mare. Ha una leggera vertigine, una piccola paura di vuoto. Gli sembra di poter sfidare il mondo. Ha un sogno folle che gli bagna le ciglia. E si sente libero.
Non prova più nessuna stanchezza. Non c’è altro rumore che quello impercettibile delle foglie. Il raro grido lontano di qualche gabbiano. Alcuni cinguettii. Due piccoli gattini nati da poco nascosti in un cartone, tra i rovi, chiamano mamma e pigolano sommessamente. Alvise ha aperto loro gli occhi. Con acqua, cotone e delicatezza. E’ quasi silenzio. Il grande gelso si allunga per due terrazzamenti ma non si alza mai troppo verso il cielo. Si lascia stuzzicare dalle ginestre. Le sue membra sembrano rattrappite come in un grido muto. Sembra incerto e volersi tenere sul sicuro, vicino a terra. E’ robusto e frondoso e pieno di frutti maturi e saporiti. Poi all’improvviso più in basso scorge due ragazzi. Come sono giovani. Golosi cercano i frutti più lontani. Quelli che sembrano inarrivabili. Sono sempre quelli a sembrare più gonfi e più buoni. E’ lui il più ardito. E li raccoglie con gioia per l‘amica. E glieli porge. Hanno solo i costumi, come corressero verso quel mare che continua a stare distante. E ha parole piene di risa. E qui sorrisi abbagliano come il sole. Non potrebbero vestire diversamente. Lei ha ancora forma da ragazzina. Lui si finge uomo e coraggioso. I frutti li sporcano di gioia e d’un rosso acceso. Ne hanno le mani impiastricciate, e i capelli, e il viso, e tutto il corpo. E si guardano e tornano a ridere. Lui ha paura di farsi scorgere, si raggomitola e sale più su. Non sa staccare gli occhi da quella loro allegria. Gli sembra un altro mondo il loro. Crede di ricordare qualcosa. E’ passato tanto tempo. Poi lo riconosce, quel ragazzo è lui. Quella ragazza è lei. Loro sono tornati. Sì! è passato veramente molto tempo, ma non troppo. Vorrebbe ma non può parlare, chiamarli. Si sente il cuore leggero. Non si tenesse aggrappato al ramo quei sogni d’estate potrebbero farlo impazzire. Chiude gli occhi e in quel cielo assolutamente sereno e luminoso si lascia volare. E tutto il mono è fuori. Ed è bello essere nuvola ed essere leggero. La ragazza chiede al ragazzo un bacio. Non bisognerebbe andare a Ponza se non si è disposti a credere ai sogni.

P.S. l’immagine del gelso è ancora dentro la macchina fotografica. Ci sarà bisogno di tempo perché possa essere postata.

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: