Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘realismo’

tazzina di caffèNon so a voi ma a me a volte capita di introdurmi nei pensieri più strani. A volte anche profondi. Che se ne vengono dal niente. Avete mai provato a pensare a come la vita altro non è che un rosario di rinunce? Almeno per alcuni, per molti. Io, per esempio, ho una macchina. Un vecchio modello. Con più di dieci anni. Non che sia tenuta male, tutt’altro, io ne ho cura. Eppure anche il colore non mi era piaciuto del tutto nemmeno da subito. Arancio tarocco. Era già vecchia che non avevo nemmeno finito collaudo. Quella dei miei sogni l’ho già vista, naturalmente. Dovrei dire quelle. Ogni volta guardo il prezzo e poi capisco e la rimetto nel gran bazar delle rese. Certo che una macchina è una spesa grossa, e impegnativa. Ma se si pensa a volte ci si deve arrendere anche davanti a cose ben più banali.
Se potessi non mi spiacerebbe nemmeno una barchetta. Invece la vita è un vero calvario. Soprattutto quando hai superato i cinquanta. A dire il vero, nel mio caso, anche di un bel po’. E allora devi stare attento agli zuccheri. E a questo e a quello. Al goccio di vino in più. Al far tardi alla sera. A parte il fatto che si hanno sempre meno occasioni. E anche per le scuse ci vuole un bel po’ di fantasia. E allora vai a fare la spesa ed è tutto un “vorrei ma non posso”. E i prodotti e le confezioni sembravo fatti apposta. Per invitarti. Per lusingarti. Un intero scaffale di nutella. Barattoloni maxi. Te ne innamori ogni volta, e la lasci lì. A volte alla deroga sei costretti. Ma sono proprio le eccezioni che fanno la vita. Ma anche che la soffocano. Non nego che un goccetto ogni tanto non me lo nego. Che la partita con gli amici… ma a volte la partita finisce ma non la voglia di giocare. Ormai ogni persona ha gli orari dentro. “Devo andare”. Come se tutti al mondo avessimo qualcuno che ci aspetta.
Per non dire quando sei costretto a contarti i soldi in tasca e non hai quelli della puntata. E’ vero che sono i vizi che ammazzano l’uomo, in tutti i sensi, ma cos’è una vita senza vizi? Ma a parte i vizi. Ieri passo per via del corso. Mi fermo ma solo per allacciarmi una carpa. Odio i mocassini. Bisogna aver presente quando ti imbatti in una casa senza nessun motivo. Nella vetrina vedo un abito che mi avrebbe reso l’uomo più attraente del mondo. Sembra un desiderio al femminile. Era splendido e di un blu veramente elegante. Non era solo l’abito. Era di una stoffa che cadeva a pennello. Di una morbidezza da sogno. Sono anche entrato per provarlo. Sembrava confezionato su me, non aveva difetto tranne uno: il prezzo. Onestamente non sono disposto a spendere un paio di mesate per un abito ma non è che questo mi renda felice. Più avanti né ho trovato uno simile, ma ad un prezzo più consono alle mie tasche. Non era proprio uguale. La stoffa era un po’ un’altra cosa; ed era grigio. Sono uno che si accontenta, ma avrei preferito il blu. Per dirla fino in fondo ho adocchiato anche un paio di scarpe. Ma queste un paiono di settimane fa.
La tele non è male. Se si ha presente: quarantadue pollici, ultrapiatta. Anche il suono è accettabile. Ma se voglio vedere le partite debbo andare al bar. Se dico a Giovanna di prendere Sky mi chiede se sono matto. Che non ce lo possiamo permettere; tutti i mesi. A lei piacciono i film e i polizieschi all’americana. Se d’impulso, una notte, uccido Giovanna posso fare l’abbonamento e guardarmele in santa pace. Magari invitando qualche amico. Magari qualche amica a vedere qualcuno di quei filmetti. Se uccido Giovanna posso godermi al calcio. Ma se uccido Giovanna cosa faccio quelle sere che non c’è nessuna partita? E d’estate? E chi mi stira le camicie? Insomma non si può avere la moglie piena e la botte ubriaca. A volte è proprio vero che chi ha il cibo non conosce la fame. Che piove sempre sul bagnato. Luigi da quando ce l’ha, quel maledetto abbonamento, non che io sia un tipo invidioso, ma si da arie e non si vede più in giro dopo cena. C’è solo da dire che la sua, sua moglie, se n’è andata. Anche questo non mi pare giusto. Anche se è capitato ad un altro; a Luigi.
Però pare che adesso, lui, il Luigi, ne abbia una nuova. Si dice una russa. Pare sia in verità una bielorussa. Secondo me gli mangia tutti i soldi e poi si trova punto e accapo. E una nuova non ti lascia certo il tempo per gustarti la partita in santa pace. Ma restiamo con i piedi per terra. A cose ben più terrene; appunto. Meno frivole. L’altro giorno mi si è rotta una cerniera di una porta della cucina. Pendeva tutta da una parte, pericolosamente. E pareva che crollasse il mondo. Giovanna, che lei no! non più rinunciare alla ginnastica, due volte alla settimana, e al massaggio con tanto di massaggiatore, sembrava fuori di testa. “Ecco, vedi”. Pareva crollare il mondo. Ho dovuto fare un rattoppo. E’ la stessa da quando siamo sposati. La cucina, voglio dire. Anche lei comincia a mostrare i segni del tempo. Giuseppina, intendo dire; ma anche la cucina. Per quello che sa fare, mia moglie, potevano anche non inventarle; le cucine. Se la pasta non impara a chiamarla continuerà ad arrivare tardi e scotta. Certo che le ho detto di leggere la confezione e di mettere il timer ma quello, il timer, non ha mai funzionato. Allora non ci potevamo permettere niente di più Oggi non ci possiamo certo permettere di cambiarla.
Per il telefono avrei anche risolto. Perché di telefono oggi si spende quanto per la macchina. Ho pensato di fare un contratto a tariffa fissa. Non va bene nemmeno quello. Ha detto che così non imparerò mai a tenere sotto controllo le spese. Pare che lei sia d’accordo per la divisione del lavoro. Lei crede in un mondo dove io solo prendo i soldi e lei solo li spende. Il mondo dei sogni esiste purtroppo solo nei sogni. Se badasse più alla casa non avrebbe tanto tempo per spendere. E’ una regola matematica. Non è forse vero che il tempo è denaro? Stefano ha trovato la sua soluzione: ogni inizio settimina le da un tot. Lo strettissimo necessario. E se li deve fare bastare. E alla fine vuole vedere gli scontrini delle spese. E nemmeno la fa avvicinare alla carta di credito. Quella è la vera tentazione. Il supplizio di Tantalo. Dice Stefano che va meglio, da quando ha preso in mano lui la situazione, magari prima, che prima spendeva capitali in detersivi e altre stupidaggini. Loro hanno cambiato la macchina in primavera. I pantaloni in casa, dice, li mette solo lui. Forse è per questo che lei, Cristina, fa la carina con il medico di base e non solo per lui. Per arrotondare la miseria che riceve. Magari lo farebbe ugualmente. Magari anche solo perché lei è fatta così. C’è chi nasce santa, e poi ci sono le altre. Lei dice: “Non l’ho mai detto”.
In ufficio poi è un infermo. Chi è quel cretino che non ha un mattino in cui non si vorrebbe alzare? O che vorrebbe essere da un’altra parte? Il lavoro poi è sempre lo stesso. Non cambia di una virgola. Chi non sognerebbe qualche vacanza esotica’ Sono anni che andiamo in quel posto sperduto di montagna, in mezzo al niente. A Tambre. E quest’anno abbiamo anche saltato. Con la scusa della crisi. Per colpa del fatto che, come dice lei, dovrei imparare anche a risparmiare. Cosa vuol dire tenere sotto controllo le spese. Lo sono le spese ad essere troppe, sono i soldi a non bastare mai. La benzina: ci vuole la benzina altrimenti la macchina non parte. Il telefonico: non fai tempo a fare una ricarica che sembra farlo a posta e hai già i minuti contati; come se fossi un condannato al braccio della morte. La colazione al mattino, caffè e brioche: uno non può mica arrivare in ufficio a stomaco vuoto. Fa presto a dirlo lei che se ne sta in casa. Però si fa la spremuta e a meta mattinata esce per far colazione al bar; lei. Chi dovrebbe rinunciare sono sempre solo io. Lei si è presa anche un vestito aragosta. No! forse l’ha preso l’anno scorso. Non posso ricordarmi di tutto.
E io ho ancora questa camicia con il collo frusto. La cravatta su cui faccio i salti mortali per nascondere la macchia d’unto. Va bene che è mi è costata uno sproposito, me… Non ci si può affezionare alle cose. Lei di quella borsetta s’è liberata e non era costata di meno, anzi. La sua è una vita comoda. Ha pochi capricci e se li toglie. Non capisco perché una donna non più vivere lontana dal parrucchiere neanche un’intera settimana. E a cosa serva il visagista. Quando torna la riconosco subito. Mi sembra uguale. Che poi bastasse il viso per tornare a far sembrare attraente una donna. Alla minestra riscaldata è inutile aggiungere una spezia. Sempre quella del giorno prima resta. A sentire lei non ha difetti. Innanzitutto da due anni meno di me e la cosa non è di poco conto. Poi il profumo che usa costa come una bottiglia dello scotch che preferisco e le dura uguale. Quand’è al telefono con la madre non la finisce mai e finisce che per me il fisso è off limit. Stoviglie e bicchieri potrebbero denunciarci per crimini contro i più fragili. Attila al suo confronto era un dilettante. In casa nostra, per le suppellettili, è un continuo olocausto. Non è sopravvissuto un servizio intero. E ogni volta che vedo una cosa è pronta a chiedermi se sono proprio sicuro che sia necessaria. Finisce che nemmeno l’aria è necessaria. Se vogliamo vedere nemmeno le vacanze. Ma per lei è vacanza tutto l’anno. Una volta non era così. Pensava anche a me.
Nemmeno i film finiscono mai come speravi. La salute: il raffreddore che arriva quando nemmeno te lo aspetti. E quando hai finito tu: comincia lei. La neve che viene quando sei costretto in città. Mai per la settimana bianca. La piaggia? Quando hai lasciato a casa l’ombrello. I pullman: mai in orario. Mai un secondo prima quando ti servirebbe. Qualcuno lassù rema decisamente contro di noi. Mai che quel biglietto della lotteria sia il tuo. Mai che tua suocera sbagli giorno o ora. Puntuale come un orologio. Certo che, come tutti, vorrei vivere una vita diversa. E’ proprio questo il punto. Scegliere il ristorante e le portate senza dover preoccuparmi del conto. A lei piacciono i gerani alla finestre. Che ti tocca cambiare ogni anno. Io preferisco le begonie. A lei piace il rosso. A me il blu. E quando la vorrei rossa allora arriva con in testa quel castano che non è né questo né quello. Né capelli né crema di melassa. Io la vorrei dolce e lei ha mal di testa. E odio il brodo. Non ho letto in nessun libro che un brodino fa sempre bene. Invece amo la matriciana. E l’impanata. Vorrei un rolex al polso. E’ vero che fa la stessa ora, ma secondo me le ore diventano un balletto piacevole. E vorrei lavoro per tutti. O almeno che gli operai non rompessero i coglioni. Ma lo vogliono capire che sono una razza in via d’estinzione.
E vorrei che se la sbrigasse Claudio con la Brunetti & figli s.p.a. Che Aristide, una volta nella vita, portasse a casa una cosa buona; di cui andare orgogliosi. Anche per quella povera donna. E rinuncio al pane per mantenerlo in quella scuola. Mentre lui ha solo quello in bocca e in testa. Devo rinunciare ad aver fame quando ce l’ho perché bisogna aspettarlo. E lui arriva, se arriva, all’ora che gli pare. Rinuncio allo scooter perché l’ha prestato e deve sempre tornare domani. Rinuncio alla rete perché lui sta sempre a giocare in linea. Ai miei momenti di riservatezza, quei pochi, perché lui è sempre tra i piedi solo quando non dovrebbe. Potessi scegliere scioglierei una vita da singolo, ma lei aveva bisogno di essere madre. Avevo suggerito di prenderci un cane. Sempre di bastardino si sarebbe trattato. Non è forse il cane il miglior amico dell’uomo? Per la donna non ho ancora trovato la risposta. Avevo messo un annuncio per una muta. Facciamo i conti: la macchina da cambiare, la Sky: nisba, questa cipolla al polso, la cravatta macchiata, l’amante: se l’è fatta il direttore. Occhio non vede cuore non duole. Ma giocoforza poi non è solo lei per prendermi per un fallito.
La vita è proprio un rosario di rinunce? Danno la Juve e in Milan entrambi in prima serata. Una sei costretto a registrala. Con rischio che ti mettano il risultato. Devi contare il bicchierino e comunque lei percepisce l’alito già al citofono. C’è un bel dire di no. Distribuisco le buste e consegno a fatica quella di Pierpaolo. Mi si appiccica alle dita. Non sono mai andato a Berlino. Dicono sia bella. D’inverno è troppo freddo. D’estate non è il posto adatto alle vacanze e non c’è il mare. La casa: non mi dispiacerebbe una stanza in più. Per me. Per tenere le mie cose. Per andare in rete. Fumare e starmene tranquillo. Non capisco perché debbo andare in poggiolo, all’addiaccio, per fumare. Lei è riuscita a togliersi il vizio e se ne fa un vanto. Il suo non era un vero fumare. Era solo una dilettante. Avrebbe un’amica, un paio, non le invita mai. La margherita, e una birra, ma me la dovrei cucinare io. E il forno non è il massimo. Niente è il massimo nella mia vita. L’avevo sognata una vita al massimo. Stupidaggini da ragazzo. La mia ha il massimo come il mio scassone. In autostrada mi superano anche le biciclette. Persino quelle che sono ferme. E lei ha la mania dei centri commerciali. Sono tutta una trappola. Una ressa magmatica di tentazioni. I nuovi telefonini: gli smartphone. Mille diavolerie. Colori iridescenti e invitanti. La festa del vorrei ma non posso. L’albero della cuccagna. Sono sempre stato un grande sportivo ma da poltrona. Scivolo anche tra le coperte, figurarsi lungo un palo insaponato. Nemmeno ci provo.
Per non parlare delle donne. Di tutte le storie finite male. E quelle che non sono cominciate affatto. Quelle che ti accorgi che è tempo perso dopo che quel tempo l’hai già perso. Quelle che vedi e ti fanno sognare e sai già che resteranno solo un sogno. Inarrivabili. Quella del bar che il marito non gli toglie mai gli occhi di dosso. E ha le sue ragioni. Così piena di… di… di vita. E quelle tette te le sogni anche di notte. Quella che è disposta a tutto ma che puoi conoscere solo nel film. La voce al telefono. Le notti che non riesci a prender sonno. Ricordo una ragazzina, sono diventato adulto sognando lei. Eppure l’ho amata semplicemente guardandola mangiare un gelato. Era quell’anno a Portofino. Ma chi non ne ha viste fin troppe e non ha accumulato una diluvio di “No!”? Basta provare a pensarci. A tutti quei “Non ne ho voglia”. A tutti quei “con uno sposato?” o “ma per chi mia hai presa”? Questa poi è decisamente la scusa più ridicola. Comprese quelle che son le prime a provocare. Proprio loro. E quanti non hanno nemmeno trovato la prima parola? Fortuna io non sono un tipo timido.
Non ci sono più le puttane di una volta. No! non intendevo parlare di Cristina. A dire il vero non m’è nemmeno sembrato un tradimento. E’ stata solo una cosa così. Con una che incontri anche per le scale. Che hai visto praticamente nuda al mare. Che ha circa la stessa età della tua. Con cui sei andato anche in vacanza. Che ti sembra ormai come una di casa. E’ stato come farlo con mia moglie. Tranne per il regalino che le ho dovuto fare. Non che le lo avrebbe chiesto; non tra noi. E anche lei pareva quasi annoiata. E’ stato solo il capriccio di un momento. Forse di un paio. Non molti di più. In questo caso è stata anche colpa sua. Una donna non può venire ad aprire la porta e presentarsi come s’è presentata lei. Io dico: anche se sei sola in casa, e proprio perché sei sola e non si sa mai, una donna dovrebbe mantenere il suo decoro. Ma non voglio parlare di Stefano che qualche colpa, magari piccola, ce l’ha anche lui. E’ il mondo ad andare alla rovescia.
Invece la sigaretta e sempre là, in tasca, pronta ad offrirsi.

Read Full Post »

Chi aveva visto la mano era ancora incredulo e non voleva pensare che avesse rinunciato con un full di donne, accompagnate da jack; servito: doveva essere pazzo. Lui sapeva quello che faceva: aveva già visto quella mano di carte e si era giocato tutto il suo orgoglio. Non si può giocare due volte la stessa partita; si era versato una vodka ghiacciata ed era rimasto a guardare. Voleva solo far colpo su Flaviana e non c’era riuscito. La posta era troppo alta e lo doveva ricordare anche prima di sedersi a quel tavolo. Si era acceso un’altra sigaretta. Le donne, come le carte, vanno da chi le merita o da chi le può corrompere. Non che ne fosse fiero o soddisfatto ma era meglio che lasciasse là; nessuno ama l’odore e la malinconia di chi non sa vincere. Era stato un illuso quando, per un momento, aveva sperato che lei potesse essere solo sfiorata dalla tentazione della bellezza di poterlo consolare tra le sue braccia. Doveva essere pazzo se anche per un secondo ci aveva perso la testa. Il suo vestito d’organza era leggero e i suoi occhi brillavano sulle fiches. Non per quello che valevano ma per quello che significavano, e stavano distribuendo i destini di quella sera. Ne era convinto che la ruota della fortuna prima o dopo girava come s’era convinto che i numeri erano sempre quelli. E Flaviana aveva seni piccoli e labbra sottili.

Read Full Post »

Spine@con - logo aggiornato
La lista che non ti aspetti
ma che in tanti stavano aspettando

Anche a Spinola c’è un movimento che si chiama Spine@con Silvano Checchin, come proprio in una città reale. Fa niente. Arriva Martino. Vi ricordate di Martino? Come no? Va bene che è un po’ che non si fa vedere. Eppure è tipo che resta. Vestito da operaista studiatamente stropicciato. Occhiali sopra la fronte e atteggiamento da intelligente (intellettuale sarebbe troppo, e poi non suona del tutto bene). Insieme fluido di parole ricercate che stanno bene assieme pur non trovando ragione in quella compagnia; famosa è rimasta, in abito politico, la sua “sinergie” con indifferenza. Il buon Gerardo, detto anche Vinavil, ne sta ridendo ancora. Quell’imparata disponibilità democratica da “te le spiego io le cose”.
Dicevo arriva Martino. Dove? Naturalmente al bar da Clara. Nemmeno lui manca un giorno, ma non ha più il suo tavolo. Il bavero alzato come a dire Le donne svengono al mio passaggio. Gli occhiali sulla fronte come a significare Io ci vedo anche con il cervello. Diversamente sarebbe un arredo superfluo visto che è stato abbandonato anche dai capelli. Qualcuno ha proposto la scritta “Locale libero”. Da quando ha avuto il suo grande scatto d’orgoglio. Da quando ha detto il grande NO. Insomma da quando ha smesso il saluto. Mostra una espressione che tenta di imitare l’arroganza, povero cucciolo. Al momento scodinzola, però, a tutti. Scodinzola e fa la sua pipì nell’angolo per non farsi vedere.
E’ il problema dei socialisti, oggi, in Italia. Trovare un amalgama. Socialisti sono tutti socialisti. Te li ritrovi da per tutto. Ti chiedi quanti sono se non sono mai stati più di un pugno. Sono tutti socialisti pur militando in tutti i partiti. Cioè non che ognuno sia iscritto a tutti i partiti. Né trovi qualcuno almeno in ogni partito. Tutti assieme sembrano persi in un salotto. Sì! certo, qualcuno ha più d’una tessera; certo. La chiamano diaspora. Credo sia semplicemente perché non amano starsene in piedi. Ma, poi, a chi piacerebbe, che ne so? Andare al ristorante e stare a guardare. C’è sempre quel filo di invidia. E poi ce né per tutti.
Dicevamo che li trovi da per tutto tranne che dentro il partito, ma questo non è specifico di Spinola. Tutto il mondo è paese; o quasi. E i spinolenti, in questo, non sanno distinguersi. Magari anche a parlarci ti chiedi perché socialisti. Prima almeno c’erano loro e i social-democratici. Ora ci sono anche i social-liberali, i social-cristiani, i social-forzisti, i social-fascisti (anche se mi giungono nuove che il fascismo è scomparso proprio ora che è stato praticamente riabilitato, ma non ditelo a quelli di Forza Nuova, etc.), i social-comunisti, i social-legaioli (con la elle, non con la esse), i social-idioti, naturalmente, come da per tutto, i social-leghisti, i social-burloni, i social-stanchi, e chi più ne ha più ne trova. Ma cavolo, siamo o non siamo tutti di sinistra?
Mamma dice: “Son tutti ladri, tranne te che sei troppo mona per esserlo”.
Non si riesce a capire se è un complimento o solo uno sfottò.*

mariangela

Mariangela Vaglio

Perché noi sui giovani crediamo
(non li usiamo solo per specchietto per le allodole)

P.S. NOVITA’ DELL’ULTIMA ORA: anche a Spinola si sono arruolate le veline come supporters, solo che sarebbe stato più carino almeno prenderle in Italia o minimo avvertirle; probabilmente sarebbero state disposte anche ad autografarla quella foto. All’ultimissimo sembra che tra i sostenitori si sia riusciti ad arruolare anche persone purtroppo non più tra noi. Sembra che tali persone siano impossibilitate a partecipare al voto perché trattenute ad altra vita. Il buongusto governa questa campagna elettorale fatta realmente in punta di fioretto. Ringraziano avvocati e carrozzieri.


* Naturalmente Spinola è un paese immaginario che non esiste, tanto meno ai confini di Venezia, e le avventure ivi narrate non sono vissute ma solo frutto di grande fantasia e i defunti negano ogni indicazione di voto per le prossime amministrative.

E’ per quanto contenuto nel post, e per molto altro, che gli esponenti del movimento Spine@con Silvano Checchin, che esistono nella realtà, preferiscono fare la politica fuori dai partiti e da questo blog.

Delle sedi fantasma, con le bandiere che garriscono al vento primaverile, speriamo di poter parlare in una prossima post-cronaca.

Read Full Post »

Spine@con - logo aggiornato
La lista che non ti aspetti
ma che in tanti stavano aspettando

Anche a Spinola c’è un movimento che si chiama Spine@con Silvano Checchin, come proprio in una città reale. Anche a Spinola si va al voto; il 6 e 7 giugno p.v. (che sta per prossimo venturo ovvero giugno). Come ci vanno gli spinolenti. Beh! c’è chi andrà a piedi e chi andrà in macchina, chi con la famiglia e chi frettolosamente, quelli dell’ultimo minuto e quelli che si stanno già preparando e chi non trova la tessera elettorale (Giuseppe s’è accorto che gli scade la carta d’identità proprio il 6), chi ci andrà malvolentieri e chi è già di cattivo umore e chi non chi andrà proprio.
Tra i contendenti c’è chi sa già di aver già perso e partecipa, nessuno lo sa perché, e chi, invece, lo sa ed è per far perdere qualche altro. Nessuno lo dice ma lo slogan vero della campagna è: “Che perda il peggiore”. Dovrei rivendicarne la paternità, l’avevo già usato per le primarie; le primarie della mia parte: del centro-sinistra. Già! solo il centro-sinistra fa le primarie; quando deve e ci riesce e/o non le può evitare. Qui, addirittura, abbiamo provato a farle serie, mica barzellette. Un centro-sinistra senza la sinistra o almeno un suo pezzo. Tante sinistre non fanno una sinistra. Mai è stato così vero. Strano paese l’Italia. Lo si sa che gli italioti sono bizzarri: hanno aspettato ad essere anticomunisti che cadesse il comunismo, così si offendono in pochi. E i pochi nemmeno si offendono. Io, ad esempio, non lo faccio. In verità hanno aspettato, quegli italioti, glielo dicesse il piccolo uomo, quel psiconano. Hanno bisogno sempre di un piccolo re per correre incontro alle catastrofi. Certo che la storia sta là e insegna nulla. Così la sinistra, quel pezzo di sinistra, ha deciso che meglio perdere da soli che vincere in compagnia. Per me va bene anche che se la cantino e suonino da soli. Sono realista, dovrei dire pragmatico che suona meglio e in politica funziona di più, alla stupidità si riesce ad opporre solo la stupidità.
Martino, ve lo ricordate Martino? al bar da Clara, mostra tutta la sua sicurezza. Lui e le sue truppe, in realtà lui e il suo sodale Gasparre (quei due sono tutto l’esercito di cui dispone un partito che fu un grande partito prima di diventare un efficiente ufficio d’affari), paiono aver già posto sotto assedio il palazzo d’inverno, ovvero il municipio. Marciano, le sue truppe, cioè Martino e il suo Sancio della Panza, decise. Parlano, cioè parla il solo Martino, come fossimo già alla resa dei conti: “vedremo dopo il risultato elettorale”. Proprio così. Cosa ci si può aspettare di più? Già è tanto che parli. In quanto a dire è altra cosa. Ci vorrebbe un miracolo. Il tono è di chi ha già la vittoria in tasca. Nessun tentennamento incrina la sua voce. Un sorriso astuto si sostituisce nei suoi occhi alla normale espressione del pianto. Sembra improvvisamente un miracolato. Gesticola e rovescia il caffè.
Persino loro sono tornati a chiamarsi compagni. Certo che si chiamano compagni anche i loro amici ed ex amici, con cui c’è un rapporto di amichevole odio, che se ne stanno sotto tutte le altre bandiere. E di bandiere ce ne sono parecchie anche questa volta: a Spinola non si vuole essere secondi a nessuno. Abbiamo due Popoli della libertà, ovvero nessuno. A una parte è spettato il Popolo e all’altra la Libertà. A dirla così si stenta a crederci ma nella realtà è proprio così. E si stanno a litigare su tutto come se la realtà non fosse più che semplice e che il tema della disputa non fosse chi costruisce e con chi. E tutti a dire che sono contro il mattone. Trevisan ha ancora le mani sporche e nasconde la cazzuola, piena di malta, dietro la schiena con l’aria del ragazzino che fischietta con le labbra ancora imbrattate di marmellata.
Come vedete è difficile descrivere oggi una realtà in Italia, anche se parziale. L’Italia è diventata un paese piatto. Si diceva che tutto il mondo è paese. Oggi si dovrebbe dire che tutta l’Italia a Spinolenta. Ovunque guardi è da per tutto la stessa zuppa. Un cronista le notizie se le dovrebbe inventare. E allora parliamo di Noemi. Non lo sopporto un paese che non ha di meglio che parlare per settimane di Noemi. Non so chi sia ma mi sembra nessuno. Certo che ormai per essere qualcuno bisogno essere un completo nessuno.*

mariangela

Mariangela Vaglio

Perché noi sui giovani crediamo
(mica li mettiamo per far fumo)


* Naturalmente Spinola è un paese immaginario che non esiste, tanto meno ai confini di Venezia, e le avventure ivi narrate non sono vissute ma solo frutto di grande fantasia.

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: