Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘sentimenti’

Ci sono momenti che appartengono solo ad un sospiro o al silenzio. In cui è meglio tacere. Non c’è nulla che possa sostituire le parole: TI AMO. A te che sei la mia meravigliosa Compagna e a tutti quelli che sanno amare: buon ascolto.

ti ringrazio perché
sei ancora mi… a
e mi sai dare
tante cose
che io non ti do’
ti ringrazio perché
quando vado vi….a
sai aspettare
che ritorni da te
io vorrei trovare in me
quello che io sento più
e so che tu
mi aiuterai
ti ringrazio perché
nel mio cielo grigio
resta soltanto
il tuo bene per me
io vorrei trovare in me
quello che io sento più
e so che tu
mi aiuterai
ti ringrazio perché
nel mio cielo grigio
resta soltanto
il tuo bene per me

Annunci

Read Full Post »

Certo, allora avremmo detto che stiamo tornando all’età della pietra. Ci ho pensato più di un attimo. Poi me ne sono fregato. In fondo questa canzone dice proprio quello che provo per te. Niente di meglio per una dedica alla mia Compagna, a tutte le donne e agli innamorati in questo mio modo di festeggiare la donna ogni domenica. Perché l’8 marzo mi sembra riduttivo. Perché è l’amore che può salvare il mondo, e ha sdalvato me. Perché mi va e non sempre c’è bisogno di tanti perché. E alla fine mi sono detto perché no. Has vinto la ragione perché Tu sei veramente, e lo sai, UNA COSA GRANDE PER ME.
Tu si’ ‘na cosa grande pe’ mme
‘na cosa ca me fa nnammura’
‘na cosa ca si tu guard’’a mme
je me ne moro accussi’
guardanno a tte
vurria sape’ ‘na cosa da te
pecche’ quanno i’ te guardo accussi’
si pure tu te siente ‘e muri’
nun m’’o ddice
e nun m’’o faje capi’, ma pecche’.
e dillo ‘na vota sola
si pure tu staje tremmanno
dillo ca me vuoi bene
comm’io, comm’io,
comm’io voglio bene a tte…
tu si’ ‘na cosa grande pe’ mme
‘na cosa ca tu stessa nun saje
‘na cosa ca nun aggio avuto maje
nu bene accussi’, accussi’ grande…
(Instrumental)
si pure tu te siente ‘e muri’
nun m’’o ddice
e nun m’’o faje capi’, ma pecche’.
e dillo ‘na vota sola
si pure tu staje tremmanno
dillo ca me vuoi bene
comm’io, comm’io,
comm’io voglio bene a tte…
tu si’ ‘na cosa grande pe’ mme
‘na cosa ca tu stessa nun saje
‘na cosa ca nun aggio avuto maje
nu bene accussi’, accussi’ grande
accussi’ grande,
accussi’ grande

Read Full Post »

tazzina di caffèIo lo amavo e credevo che l’amore fosse una cosa facile. Forse dovrei dire che ero sicura di amarlo ma si può mai essere sicure di qualcosa? So solo che era cominciato, quell’amore, almeno inizialmente, con un senso di fretta e di passione. Poi mi ero rifugiata in lui con un senso di appagamento e tranquillità; ma questo solo dopo, un poco dopo (questioni di punti di vista). Un mattino come un altro mi sono ritrovata svegliandomi come se quell’amore fosse finito o meglio mai esistito. Lui era un estraneo ma uno strano oggetto di estraneo. La sua sola vicinanza mi creava fastidio. Ho scoperto nel tempo che provavo piacere nel fargli del male e forse gliene ho fatto abbastanza. Non c’è nessun dramma della gelosia. In seguito ho capito che fargli del male era farmi del male ma allora non lo capivo. La bambina era anch’essa un pretesto. Quello che mi faceva arrabbiare di più era che lui accettava indifeso, finché non ho preso la decisione definitiva. In quel momento mi sembrava la cosa migliore da fare. Sembrerà stupido ma appena lontana ho capito di amarlo ancora, anzi di non averlo amato mai come allora. Non c’è niente di peggio di chi vuole consolare. Niente è più stupido di certe cose che capitano quando vogliono e in quel modo. Se non fosse bastata una telefonata avrei fatto qualsiasi cosa. Ora ci vediamo ogni venerdì pomeriggio –è il nostro giorno. Il nostro amore sembra sempre una cosa nuova.

Read Full Post »

Augusto aveva sempre fatto per intero il suo dovere. Tranne una eccezione: solo lui sapeva perché quella cartolina da Agatti¹ non l’aveva mai consegnata. Quell’incarico sembrava fatto su misura per lui. Conosceva tutti e con tutti trovava un sorriso e spesso anche qualcosa di più. Incontrava persone che si facevano prendere dalla sorpresa e altre che aspettavano impazienti le notizie, gente di tutti i tipi. Ormai conosceva tutti. Per tutti aveva una lettera, della corrispondenza, e una parola. Ormai l’intero quartiere non aveva segreti e aveva stabilito amicizie e conoscenze. Ma non c’è un altro modo di fare quel mestiere. Un postino e uguale a tutti gli altri postini. C’è chi ti lascia sulla porta e chi ti scarica addosso ogni suo patema. Si deve prendere le persone per quello che sono.
Aveva dovuto imparare anche gli orari più opportuni per il recapito. E spesso dietro quelle porte si nascondevano dei veri drammi umani. A Teresa erano tre anni che il figlio dall’Argentina non dava notizie. A Sante era venuto a mancare un fratello di quarantacinque anni. Veronica era a letto con una brutta bronchite. E via discorrendo così. Poi c’erano i poveri e i nuovi poveri. Era per lui spiacevole portare alla signora Giuseppina le bollette, ed era così anche per altri. A volte con la vecchia signora le riconsegnava dopo che aveva ricevuto la pensione, ma non era una soluzione, era solo per sentirsi bene con sé. Alla Gabriella, che aveva finito il contratto di progetto, aveva cercato di mostrarsi comprensivo e l’aveva consolata, non poteva fare di più. Non poteva certo assumersi la spesa con quella miseria che riceveva dalle poste e ad essere onesti la giovane aveva virtù per le quali era di piacevole consolazione.
In quel mestiere c’è anche quello. Con alcune aveva ormai un appuntamento fisso. Non aspettavano la posta, aspettavano lui. Doveva stabilire questo particolare giro minuziosamente perché non voleva deludere le sue sposine e nemmeno il suo amor proprio. Elisabetta, ad esempio, era una vera furia scatenata ma aveva argomenti a cui è impossibile dire di no. Quelle di Augusta erano una vera arma impropria, sode ed enormi, avrebbe dovuto assicurarle. Vincenza lo faceva per mestiere ma con lui lo faceva per simpatia. Caterina faceva degli ottimi agnolotti al sugo di cinghiale ma lui lo sapeva solo per sentito dire. Aveva avuto dei piccoli problemi con Ester, e con… al momento non gli veniva il nome, che diceva di essersi innamorata. Altre avevano avuto solo un attimo di, come la chiamavano loro, debolezza; o dolcezza. Altre ancora, ma queste si potevano proprio contare sulle dita, s’erano limitate a festeggiare con lui la buona notizia. Una volta sola. Insomma, erano donne.
Ma non era sempre così piacevole. Il ragioniere del quinto era scappato all’estero nottetempo prima dell’arrivo della finanza. Il tapino aveva lasciato senza notizie una moglie e una giovane amante e la vecchia madre. Per contrappasso il meccanico dietro il distributore gli faceva sempre un prezzo speciale quando doveva ricorrere a lui. Per questo anche il veterinario. Poi c’erano i casi indelicati che avrebbe pagato per non trovarseli buttati addosso. Il martedì aveva dovuto raccogliere la disperazione di Filippo che aveva trovato la moglie intimamente abbracciata nuda con il garzone della macelleria nel loro stesso letto; nudo anche lo stesso garzone che era un ragazzotto alto e robusto. Cosa poteva dire al pover’uomo? cosa gli poteva consigliare? La sposina non riusciva a resistere alla presenza di un paio di pantaloni. Ne andava proprio di testa e se ne vedeva un paio non aveva altro pensiero che sfilarglieli. Lo sapevano tutti, tutti tranne naturalmente il povero cornuto. E lui avrebbe potuto ben testimoniare che la mogliettina sapeva cosa fare dopo, messo un uomo a suo agio senza calzoni e mutande. Ma lui portava la posta alla signora Vittori il mercoledì.
Ne avrebbe avute di storia da raccontare. Perché si incontrano quelle cotte e quelle da cucinare, di storie. Aveva interrotto Cosimo sul più bello mentre si sollazzava con l’amichetto. Non l’avrebbe mai immaginato. Come può un uomo essere uomo e no a seconda del momento del giorno? Magari nemmeno lo avrebbe capito se non si fosse presentato alla porta impacciato e sudato in accappatoio e voglia evidente e l’altro non avesse messo fuori la testa dalla porta della camera. La padrona di casa era ignara in vacanza o forse era disinteressata. Con la Albrigi era stato invece fortunato e l’aveva amaramente cancellata dalla lista. Il marito era rientrato all’improvviso senza preavviso. Per fortuna lui stava ancora prendendo il caffè e l’uomo aveva trovato tutto in ordine e nulla da ridire. Un postino in casa, se seduto in cucina davanti ad una tazza fumante, non desta sospetti, anche se la donna è il vestaglia e sotto non porta nulla. E poi anche l’abbigliamento si può capire alle dieci del mattino quando la poveretta non ha impegni di lavoro e l’obbligo di lasciare troppo presto il letto. Erano quelle le sue storie e il suo segreto. Gli amici gli chiedevano sempre meno fiduciosi, ma lui non aveva mai raccontato nulla, era come un parroco nel confessionale.
Quel dieci di giugno, la data l’avrebbe ricordata per un pezzo, quella busta l’aveva lasciata per ultima. Cosa poteva volere un avvocato da lui? L’aprì con precisione chirurgica. Adriana gli faceva scrivere e gli chiedeva la separazione. Così, all’improvviso e senza nessuna spiegazione. Passò per casa e si preparò la valigia, era meglio che lei fosse al lavoro, tanto sarebbero state inutili stupide spiegazioni. In fondo non aveva nemmeno molte cose da mettere in valigia né molte cose dietro che valesse ricordare. Avvertì la vecchia madre e richiuse la raccomandata con precisione, e la rispedì al mittente perché il destinatario non era reperibile all’indirizzo indicato.


1] Isola con aeroporto nelle Laccadive.

Read Full Post »

Un bambino guarda la realtà che è fuori della finestra dalla televisione

Fotocomposizione grafica con materiale di pubblico dominio¹

Mondo e Erina erano una coppia ormai da molti anni. Loro lo sarebbero stati per tutta la vita. Erano di quelle persone che sono così; e nel proseguo sarà evidente la ragione. Erano entrambi di bassa statura e, forse per questo, camminavano col busto eretto e la testa alta. Cercavano disperatamente di bagnare le loro teste d’infinito.
Lei amava con entusiasmo Ligabue. Lui guidava una macchina che dimostrava quasi la sua stessa età. L’unico vizio a cui raramente indulgeva era una sigaretta di tanto in tanto. Erano molto devoti e pregavano scrupolosamente per interi secoli. Non mancavano mai alla funzione della festa ne di fare la confessione e la comunione. Rispettavano tutti i precetti della loro chiesa e tutti i comandamenti soprattutto quello che gli imponeva di amare il prossimo tuo come te stesso.
Con loro sommo cruccio avevano avuto un solo figlio femmina; Ilaria. La ragazzina, come cominciò l’adolescenza, mise su alcuni chili in più e due tette ingombranti. Aveva lo stesso portamento di quei genitori ma faticava a salutare. In verità nemmeno loro erano molto ciarlieri, si può dire fossero riservati. Poi, il buon Dio, non aveva voluto allietare il loro amore con altri figli. Non che non ci avessero provato, anzi. Per certo era che non avrebbero mai versato il loro seme invano ma che colpa avevano se quel seme era arido. Così lo avevano fatto con assiduità; naturalmente al solo scopo lecito e benedetto della procreazione.
Ma quello stesso loro Dio misericordioso volle metterli un giorno di fronte alla loro prova forse più dura. Con crudeltà inaudita infierì sul povero Mondo senza ritegno. L’uomo infatti si ammalò in modo grave e per un lungo periodo si temette per la sua stessa vita. Ma la volontà del Signore è spesso imperscrutabile. Restò per un’eternità in un letto di policlinico fra la cortesia e la partecipazione di tutti. Le sue due donne si prodigarono nell’accudirlo in modo indefesso e lodevole; giorno e notte.
Certo la figlia, Ilaria, passava un momento non felice. La si vedeva fumare di nascosto dai genitori. Lasciò sul campo del dolore alcune simpatie per suoi coetanei. Ma, come detto, non fece, in quel frangente, nemmeno lei, mancare il suo apporto in casa e le sue attenzioni verso il padre invalido. Aiutò la madre in tutto e imparò quello che di una donna doveva sapere e non aveva ancora capito. E in tutto questo non trascurò gli studi che con la solita fatica continuarono a procedere. Soprattutto faticava con i numeri.
Furono quelli dell’ospedale lunghi mesi di immani preoccupazioni. Andavano su e giù per non lasciarlo mai solo. Le due donne mitigavano la disperazione nella speranza. Poi, se Dio vuole, prese lentamente a migliorare. Non vi erano che pochissime probabilità che tornasse com’era prima. L’eredità più probabile rimaneva una invalidità permanente. Su una carrozzella fu dimesso come un cencio inutile e tornò a casa. Su quella carrozzina si temeva che sarebbe rimasto.
Biascicava malamente le parole con una eccessiva emissione di saliva e le orbite degl’occhi gli cadevano molli. Doveva essere aiutato in tutto. Ormai divideva le ore solamente tra quella carrozzina e il letto. Ma, ringraziando Iddio, aveva avuta salva la vita e nella famiglia tornava ad apparire il sereno. La gente ammirava il coraggio di quelle donne e si rendeva servizievole; offriva generosamente il proprio aiuto.
Poi, pian piano, anche con l’aiuto di Dio e della fede, con una lentezza esasperante, quell’uomo iniziò a migliorare. Solo un occhio attento all’inizio poteva accorgersene. Col tempo e grazie a due stampelle riuscì a liberarsi della carrozzina. Riuscì a prendere a muoversi con le proprie forse sotto l’occhi vigile delle sue donne, ben inteso. Vederlo rinnovava la speranza e metteva di buon umore. Ma rispettiamo il naturale procedere della fredda cronaca degli eventi.
Alcune malelingue, ci sono sempre in ogni piccolo agglomerato quelli che amano spettegolare, presero a rivelare anche particolari più intimi della dolorosa esperienza a cui quel Dio benevolo aveva voluto sottoporli. Quelle voci iniziarono a circolare sussurrate ma con frequenza. E nei primi tempi sembravano mescolare alle parole la pietà e la commiserazione con una sorta di augurante rivalsa. Ma forse non c’era cattiveria. Forse dietro esisteva solo il tentativo di scuotere la noia.
Venne scoperto così che i due coniugi timorati di Dio erano stati interrotti durante un complesso amplesso. Certo il loro era un vero atto d’amore. Non si sarebbero mai abbassati ad accoppiarsi solo per il piacere. Lo avevano sempre fatto per lodare il Signore, per rispettare il vincolo del matrimonio e per allietarlo, Cristo permettendo, della gioia di una nuova nascita. Non era colpa loro se, non si sa per difetto di chi, il loro matrimonio era diventato sterile. E non si erano rassegnati mai che avevano conservato persino la culla e tutto il resto della primogenita.
Mantenevano comunque fiducia nel Signore e non disperavano in una gradita sorpresa. Avrebbero preferito il maschio ma anche una seconda femmina sarebbe stata ben accetta. Era come un ossessione, come dovrebbe sempre essere. Per questo, ignorando e negando con ostinazione quella loro situazione di infecondità, avevano continuato a impegnarsi con testarda sollecitudine. Ogni loro tentativo rivelatosi vano era la migliore ragione per moltiplicare con entusiasmo i loro sforzi in nuovi tentativi. I loro gesti d’amore avevano una frequenza inusuale, limitata a volte solo dal pudore e dalle forze.
Così, come si diceva, si era sparsa la voce che, quando lui venne preso da quel suo terribile malore, stessero facendo all’amore. Qualcuno aggiunse che l’uomo era rimasto così, pressoché irrigidito, nella posizione in cui si trovava. Era restato paralizzato lungo disteso come un ciocco di legno. La malattia lo rese ignaro ma nella moglie, che ancora ragionava normalmente, la cosa non poté che destare imbarazzo. E ridendo quella donna precisò che anche quello, si insomma l’uccello, restò paralizzato spuntando come il ramo sfogliato da un tronco.
Poi, con la clemenza del buon Dio, gl’arti avevano cominciato a ritrovare dapprima quel minimo di flessibilità a poi a risanarsi fino a permettergli la posizione da seduto; come già detto. Ma lì no, aveva continuato a restarsene paralizzato, diritto come un chiodo. E in tutto quel tempo la buona Erina non aveva mai smesso di dedicargli le sue attenzioni e il suo amore. Si prodigava nel lavarlo, nel servirlo, nello spingere la carrozzina e in tutte le altre faccende compreso in quell’amore. E, naturalmente, gli leggeva la Bibbia.
Quanto lui potesse capire non si sa. Sembrava che l’unico problema creato da quella piccola ferita lasciata aperta dalla malattia fosse nel fare la pipì: doveva sedersi nella tazza per non bagnare e bagnarsi da per tutto; si mormorava. Però la infastidivano gli sguardi, che rivolgevano all’invalido le donne, che non erano certo di compatimento. Quelle si congratulavano che fosse ritornato a casa e poi controllavano se era vero quanto si diceva in giro. Lei era, come detto, paziente.
Prima si era munita di un pappagallo ma poi lo sedeva lì con cura e aspettava tranquilla. Infine anche lo puliva e lo asciugava con attenzione e dedizione. Se lo rivestiva per riportarlo a letto. Veramente il più delle volte, soprattutto i primi tempi, non sentiva nemmeno gli stimoli e come un bambino si sporcava, e non solo si bagnava. Bisognava accorgersi ed intervenire quando il danno era già fatto ché era difficile anche costringerlo nel pannolone. Lei si limitava a brontolare in silenzio e provvedeva rassegnata.
Cioè le ferite aperte erano state due. Quell’uomo infermo nel corpo e nell’amor proprio e quella della sua cara moglie. Vederlo così le si struggeva il cuore e non doveva darglielo da vedere. Seduto su quella sua carrozzella le imponeva contorsioni quasi impossibili ma steso a letto era alto di tutta la sua lunghezza. Lo confermò con invidia la signora Pina che era andata a visitarlo in corsia. Ma quella di lei era una ferita talmente lancinante che frequentemente si trovava costretta a calmare riempiendola di lui e cavalcandolo mentre lui giaceva coricato su quel giaciglio immobile, come assente, ma con un pallido sorriso sghembo sulle labbra.
Lei che aveva sempre avuto fiducia nella misericordia del Signore e non si dava così per vinta prese a sospettare che: “Non tutte le disgrazie vengono per nuocere”. Dedicava tutto il suo tempo e la sue attenzioni al suo amore. Si prodigava indefessa per ritrovare la pace famigliare. Chetava la sua ferità in tutti i modi possibili o resi possibili da quella nuova situazione. Anzi si applicava addirittura scatenata per lenire quella ferita. E diceva: “Se Dio vuole, prima o dopo avverrà il miracolo. Sia fatta gloria al Signore”. Ma il fratello di Ilaria non veniva e non sarebbe venuto. Forse lassù, nonostante tutti quei suoi frequenti sforzi, avevano scordato il loro indirizzo e si vergognava al solo pensarlo.
Come già detto lui, sotto gl’occhi colmi di fertile commiserazione della sua donna, riprese a muoversi di forze proprie. Si trascinava pietosamente sulle stampelle, aiutato poco dalle molli gambe, con sforzi inumani. Con grandi e immani fatiche percorreva quei pochi metri che erano già il suo grande traguardo. Lentamente le gambe presero ad aiutarlo e i percorsi si allungarono. Un semplice gradito, però, restava una difficile barriera. Passò dalle stampelle ai bastoni. I soliti pettegolezzi più addentro furono lesti ad informare, senza grandi gioie ma con scherno, che stava guarendo anche lì.
Insolitamente i soliti noti non sembravano rallegrarsi tanto per i suoi nuovi progressi quanto si compiacevano della sua ormai prossima guarigione; del fatto che tornasse comodo, lo stesso, come uno di noi, nei calzoni. Sputavano a denti stretti: “Avrà finito anche lei di tanto sacrificarsi. Si è portata a casa un cero del signore ma adesso, inesorabilmente, come ogni fiamma eterna si sta smorzando. Sia fatta la Sua volontà”. E a dire il vero sembrava che in apparenza sogghignassero.
Qualcuno un poco sensato se ne ebbe e disse: “Stia attenta. Potrebbe capitare anche a lei”. Ma quella pettegola rispose sulla sorpresa dell’uomo un laconico e fiducioso: “Magari.” –e aggiunse tanto sottovoce da non essere quasi udibile– “Capita sempre agl’altri tanta fortuna”. Di quale fortuna parlasse quella povera donna sciocca, che pure frequentava anche lei le stanze del Signore e quelle del parroco, non era dato sapere.
Era difficile capire come quel rado popolo, devoto e generoso di sostegno per i bisognosi, festeggiasse la salute con tanto soddisfatto rammarico e astio ma sembra che una notte le avessero sentito pronunciare le seguenti parole precise, sillaba per sillaba, a voce alta e isterica: “Con questa, anche per stavolta, sono sette. Speriamo almeno che sia un maschio”. Se non sembrasse assurdo si sarebbe potuto sostenere che quei pettegolezzi avessero un sapore di gelosia e di rivincita.
La notizia era stata raccolta dalla signora Adele che al telefono aveva sentito la signora Pina che dice che ha sentito dire dalla Dina a cui la signora Alice ha raccontato che le hanno riferito di come si fosse svolto il fatto. Tutte le notizie circolano così: così era stato per quella grande disgrazia del venerdì diciassette. In questo caso, come era nata non si fu mai in grado di ricostruirlo veramente. Ora sembra che la piccola Erina abbia avuto sentore della completa guarigione imminente del buon Mondino e non abbia voluto perdere tempo.
Naturalmente, vivendo fianco a fianco tutte le traversie di quel lento calvario, aveva tempestivamente notato ogni piccolo miglioramento e tutto aveva annotato. L’uomo riprendeva parte delle sue forze, ogni muscolo ritrovava elasticità. Le risposte di quel fisico duramente provato tornavano su valori di normalità. Il cervello era stato il primo a ritrovare la ragione. Capiva perfettamente quello che gli si diceva. Tornava a parlare in modo usuale e sciolto senza sputare. Tornava a deambulare di fatiche proprie. Tornava padrone dei suoi bisogni. Tornava persino a sorridere. Tornava a pregare.
Così quella caritatevole donna si avvicinava alla serenità. Ma come a volte succede anche le liete notizie creano strane reazioni. Prese la sua aria corrucciata e il suo piccolo amore che, se pur basso di statura, tanto piccolo non era e lo accompagnò a sé in bagno. Lo lavò e asciugò con le cure che si riservano al figlio neonato. Provvide a fargli la barba e se lo profumò. Poi si apprestò a mettere in atto quello che aveva sentito bisbigliare dalla donnicciole e che aveva, quella volta, finto di non sentire per la vergogna.
Si sedette sopra la lavatrice. Per dire il vero vi si arrampico sopra di schiena con una qualche fatica e si accomodò. Stimò l’altezza del marito con buona approssimazione. Saltò giù e corse di là frettolosamente. Tornò e lo fece, salire rivolto alla lavatrice, su quattro volumi della Storia d’Italia Einaudi. Lui cercava di mantenere quell’equilibrio precario appollaiato sulle grucce con molta applicazione e sacrificio. La guardava esterrefatto perché non capiva cosa stesse facendo ne tanta frenesia.
Lei scivolò nel piccolo spazio che lo divideva dall’oblò e tornò sopra la macchina con le gambe a penzoloni. Allargò le gambe e si aprì l’accappatoio. “Viene qui!” –Gli disse. Era stata categorica ed imperativa. Lui cercò di eseguire il suo ordine mimando quel piccolo movimento goffamente ma lei lo trasse piano a sé tirandolo con le mani appoggiate al sedere. Quando le fu sufficientemente appresso che quasi le era addosso si liberò una mano per indirizzarlo con precisione. Non aveva avuto naturalmente bisogno di prepararlo che lui era ancora sempre pronto. Solo con l’altra lo portò ulteriormente a sé e in sé.
Lo fece accomodare e lui abbandonò le stampelle perché si poteva appoggiare a lei. “Senti qualcosa?”–chiese– “Ti sembra di sentirmi?” –e si informò. “Credo di sì!” –rispose balbettando perplesso l’affezionato marito e gli uscì ancora una eccesso di saliva nelle parole di cui non seppe nascondere il pudore ma lei non se ne ebbe. Con piccolissimi spostamenti del bacino gli andò ancora più incontro fino al bordo dell’elettrodomestico. E lui rimase lì proprio come un manico di scopa; conficcato nel fondo della sua donna.
Non fu una scena idilliaca, spiegano, ne tanto meno educativa; più che altro fu una situazione ridicola e impudica. Lei protesa tanto sul bordo da rischiare di cadere, con le gambe denudate che scalciavano piccoli passi. Lui diritto in lei che si sosteneva e la tratteneva; per il resto immobili che i piccoli passettini della donna lo facevano avanzare sempre più in fondo. Ed immobili attesero pazientemente che si compisse il volere di quel Dio e di quella macchina.
Veramente lei, curvandosi verso destra, manovrò tra le gambe del loro insolito abbraccio la manopola del programma per la biancheria. Ruotò quella manopola per quasi tutto il suo percorso così da non dover consumare troppa fatica del marito e troppa impazienza. Accelerò solo l’attesa e il volere degli eventi. Così la macchina versò acqua e schiuma ed esplose a tremare per la centrifuga. Si mise a vibrare violentemente che era anche un modello piuttosto vecchio che loro non avevano cambiato perché erano stati costretti a fin troppe economie. Invero cigolava pure un bel poco.
Immaginare di vederli stuzzicava piccoli scoppi di risa brevi ed improvvise e qualche “Oh!” e qualche mano sulla bocca. Se la macchina si scuoteva e sussultava loro, che erano l’uno appoggiato e l’altra seduta sopra, furono trascinati in quel movimento in una sorta di balletto meccanico. Dei benigni sbatacchiavano quei due poveri cristi come marionette inarticolate e austere. Lui era preso da quelle convulsioni mentre la moglie sembrava accentuare i movimenti traballanti della macchina mantenendo la sua aria altezzosa e sussiegosa. La lingua dell’uomo rischiò di scappare fuori.
E’ divertente. Scusami, credo non si dovrebbe dire. Ma mi sembra che mi piace.” –si provò a biascicare Mondo. “Stai zitto! cretino e fammi chiavare” –gli rispose lei tutta impegnata ma se ne pentì all’istante. Era stata dura, probabilmente cattiva, forse ingenerosa nei suoi confronti e quasi volgare ma ormai le era sfuggito. Insolitamente, per questo o per quant’altro vi fosse nella loro disperazione, si lasciò andare. Lo sentiva sbatterle addossò e, con precisione millimetrica, sbatterla cioè sbatterle dentro. Lì in fondo alla mona che non aveva mai avuto la sfacciataggine di chiamare con quel nome.
Dai che ci siamo! dai! dai! che se Dio vuole questa e la volta buona. Basta che stai fermo e che me lo dai. E’ davvero bello scopare. E dammelo… dammelo tutto.” –quella piccola devota donna si esprimeva in quel modo così inverecondo e tanto sconcio e triviale. E la centrifugazione durò oltre il tempo strettamente necessario. Così che l’uomo la godette e lei poté anche bissare; ebbe il tempo di fare anche il secondo tentativo. E per lui disse: “Finalmente.” –ma per la seconda volta sua gridò più piano e aggiunse prima di ritrovare il suo pudore– “Cristo santo che trombata. Ne avevo proprio bisogno. Sia fatta la volontà d’Iddio”.
Un auditore più attento avrebbe potuto cogliere un’estrema costernazione, forse inconsapevole, nel tono della moglie. Forse quello che, in cuor suo, cercava di negare e temeva era quello che in seguito si sarebbe realizzato. Lui guarì appunto completamente e non fu più quello stesso. Quando la macchina terminò di completare quel programma di risciacquo lui cadde esausto fra le sue braccia e si intimidì. Divenne cioè come dovrebbe essere ogni uomo in situazione di riposo: si ammosciò.
Pazienza.” –disse sottovoce la fedele moglie afflitta ed avvilita. Ma il suo sacrificio non rimase vano e le tornò nel petto quella speranza che non li aveva mai lasciati. Col tempo lui tornò persino ad andare in bicicletta pedalando con concentrazione. Lei cominciò ad ingrossare e presto fu evidente che finalmente, dietro quell’aria malinconicamente depressa e rassegnata, si nascondeva una nuova gravidanza. Presto la loro unione sarebbe stata, per così dire, rallegrata da un nuovo dono del signore e fu proprio un bel maschietto di quasi quattro chili e mezzo.
Nonostante la sua incrollabile riservatezza, con quell’aria stranamente avvilente, si confidò con la signora Dina che: “Mondo è guarito. Finalmente potrò dedicarmi solo ai miei figli perché il Signore ha comandato così, se Dio vuole. Ora sappiamo che non potremmo averne altri nella sua grazia. Lo avevo curato con tanto amore che quasi mi dispiace. Sia fatta la volontà di Dio”. Ma quel suo marito camminava in una vita di salute piena e non vi era più nessun’altra probabilità di una ricaduta, che tornasse cioè a soffrire di paralisi nemmeno parziali.


1] La fotocomposizione è tratta dal sito-rivista di un amico per il quale l’ho fatta. Il racconto è stato scritto il 5 maggio 2002

Approfitto… AUGURI

Read Full Post »

Se parliamo dell’uomo pigro Augusto, pigro, lo era. Ma lui si sarebbe definito a momenti attento e a momenti distratto. Leggeva steso a letto per non affaticarsi troppo e riponeva quel libro sul comodino col dorso allinsù per non fare le orecchie alle pagine. Cosa si può chiedere di più oltre a una buona sigaretta? Anzi da quando gli avevano riscontrato quel piccolo difetto che gli permetteva di restare a casa si poteva dire felice. Il giorno lo poteva vedere anche da lì affacciarsi alla finestra. Ma lei non lo capiva; son così strane le donne. E di televisione non s’era mai detto che ci si potesse ammalare. Pagare il canone doveva. Ne avevano una anche in camera, per cosa se non per usarla? Con Marilisa non lo facevano ormai quasi più. Gli scocciava doversi lavare i denti. Che poi quella donna si lasciava un po’ andare. E aveva la pelle così delicata che anche la barba di un giorno la irritava. Inoltre era diventata sempre più pignola, non perdeva occasione per dire che non riponeva le cose. Non era vero, semplicemente lui credeva che per le cose, alla fine, un posto vale l’altro. Aveva deciso di arrendersi e non darsi più pena per capirla, sapeva che sarebbe stato inutile. La stava aspettando con il caffè, ma quella benedetta donna era in ritardo.

Read Full Post »

C’è sempre un modo giusto e un modo sbagliato di fare le cose. Restò con il rasoio a mezz’aria. Chi era? Quella faccia senza luce. Gli occhi privi di qualsiasi volontà. Eppure era lo stesso di sempre. Eppure per la prima volta non riuscì a sfuggire alla domanda: aveva mai amato? Stava per dire di sì. Stava per dire di no. Insomma stava per dire. A volte la risposta è la cosa più difficile, a volte è solo inutile, altre ogni risposta è quella giusta e contemporaneamente quella sbagliata. Decise di andare con ordine alla ricerca di una piccola verità consolatoria.
In verità amava il suo gatto. Ad essere onesti e precisi nemmeno quello, ed era una gatta. Lo infastidiva quell’ammasso informe di peli in autunno sempre tra i piedi. Era la bestia che pareva amarlo. Lo cercava continuamente. Se la trovava sempre tra i piedi. Anche lì e in quel momento. Ma non era questo che voleva dire. In generale amava gli animali, ma quelli degli altri. Li amava a piccole dosi. Il tempo di un gioco prima della noia. Come i bambini. Un po’ come la natura, il grande tema dell’ecologia. Era sempre stato attento ma non riusciva ad essere sempre attento. A guardare bene tutto finiresti per impazzire. E l’aria, e l’acqua, e i cibi. E poi capita sempre un piccolo attimo di distrazione. Nessuno è perfetto o può essere rigorosamente coerente senza uscire di senno. Eppure aveva sempre amato la politica.
Sì! quella. Belle soddisfazioni gli aveva dato. Aveva sempre pagato per le sue idee. A volte un prezzo fin troppo oneroso. E ora. Gli veniva da ridere e da piangere come s’era ridotta. E come s’era ridotto il suo paese. Al comune era andata una giunta di destra. Sarebbe stata il meno. Erano peggio che disonesti. Erano una banda di incapaci. Zotici e stupidi e stronzi, ma soprattutto incapaci. E poi è sempre facile parlare. Certo amava le sue idee. Certo è facile dirlo. E’ facile anche dire che si può morire per le proprie idee. E facile da dire, magari anche da cantare, non certo da fare. A pensarci a fare il delegato aveva guadagnato solo di essere ancora quello che era quando era entrato. Finché aveva continuato a farlo aveva visto tutti passargli davanti. Bisognerebbe farsi furbi prima. Aveva capito presto che nessuno pensa per te, se non ci pensi tu. Quello che non poteva certo dire era di amare il proprio lavoro.
Degli amici meglio non parlare. Ci sono sempre quando non servono e di più quando hanno bisogno loro. Se presti un libro puoi esser certo di non rivederlo. I soldi puoi te li devi riguadagnare. Carlo non glieli aveva mai più restituiti e alla fine si erano anche litigati. Così aveva perso tutto. Non era stata una grande perdita per lui, ma diecimila son sempre diecimila. Sì! tanto meglio da soli. Almeno c’era cascato quella volta sola. Amava la sua città ma come ci si adegua e abitua ad un posto. In fondo avevano una bella casa e forse era quello. Alla fine un posto vale un altro. Qualcuno è più comodo, qualche altro meno rumoroso. Non c’è poi questa grande differenza. Ma quelli sono piccoli amori. Quelli. Certo aveva amato gli urania. Ora non aveva più tempo nemmeno per la gazzetta. Amava la sua squadra del cuore. Il presidente aveva deciso non non metterci più un euro. Non era più tempo per fare gli eroi.
Certo aveva amato sua figlia. Quel momento, quello della nascita, era il più bello ed emozionante che aveva avuto. Come si può non amare il sangue del proprio sangue? L’ultima espressione era degna di Ilaria, sua moglie. Peccato che i figli poi crescono. Non che non gli avesse dato soddisfazioni; questo non poteva certo dirlo. Era quello che si può definire il suo orgoglio; quella che si cita come una brava ragazza. Studiosa. Intelligente. Autonoma. Si stava facendo una strada. E dopo. Cosa gli dava? La sentiva sempre più raramente. Si vedevano sempre meno. Gli sembrava che non avessero niente da dirsi. E si rimproverava il mondo che le aveva lasciato; per le sue vane illusioni. E poi lui, quel… come si chiamava… Eugenio. Non riusciva proprio a farselo piacere.
Amava Ilaria, ovvero l’aveva amata. Come avrebbe potuto essere diversamente? Ilaria aveva due tette splendide e tutti gliela invidiavano. Le era stato fedele quanto può esserlo un uomo. Erano state le occasioni a cercarlo, non viceversa. Non aveva niente da rimproverarsi. Niente di cui essere rimproverato. Certo, in un certo senso, gli era sempre pesato che lei guadagnasse più di lui. Non si era mai sentito, come dire… libero. La vita a due è una vita a due. Non era più riuscito a fare le cose che gli piacevano. E la sua famiglia. E le vacanze in montagna. Al diavolo tutto perché poi tutto era diventato abitudine. Spesso una noiosa abitudine. Anche Ilaria. Anche fare all’amore il sabato sera. E non aveva più potuto essere… spensierato. Ma certo la causa sta anche nel tempo che passa. E stava diventando persino sciatta.
Erano le sette ed era ancora in mutande. Doveva sbrigarsi perché doveva andare al lavoro. Forse l’amore ha mille significati diversi e mille interpretazioni. Anzi sì! E’ una sola parola per descrivere troppe sensazioni. Troppe emozioni. Diametralmente diverse. Ma che colpa poteva muoversi se lei aveva smesso presto di avere attenzioni per se. Ormai dimostrava l’età che aveva. Le sue belle tette erano un ricordo. Sarebbe ingeneroso scendere in particolari. Fatto sta che ogni gesto era stanco, privo di trasporto. E non aveva mai avuto molta fantasia. Certo che le donne invecchiano presto o all’improvviso. Poi la loro bellezza diventa un lontano ricordo. Non resta molto di quello che una volta era servito ad affascinare. Alda invece aveva ancora quell’età, e quell’entusiasmo. L’amore con lei era ancora una cosa entusiasmante. Certo non era felice di non poter mostrare la propria felicità; che si dovessero nascondere. Ma lei gli era necessaria per amarsi perché di una cosa era certo, almeno di quella: aveva sempre amato Armando.

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: