Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘sguardi’

1. Io guido e lei mi distrae dalla strada. Non è stata una buona idea. Non dovevamo nemmeno partire. Avevamo appena caricate le valigie e avrei voluto già essere arrivato. Una non può dirmi: mi ci porti al mare? E poi venire all’appuntamento così. E dopo il primo incontro. Con quella maglietta, così gonfia. E quei jeans che minacciano di scoppiare. Come sarà riuscita ad infilarli? Ad entrarci? Avesse la necessità di infilare in tasca un biglietto da cinque non ci riuscirebbe. Io non emetto fiato. Sono sette chilometri che guido questa bagnarola in apnea. Fuori il caldo è soffocante. L’aria condizionata non va; devo farla sistemare. Il finestrino aperto le da noia, e si spettina. E pare si sia portata dietro tutta la casa. Questa casa al mare a volte è una manna. Altre una disperazione. Cerco di fissare la mia attenzione sui cartelli stradali che indicano quanto manca. Inutile, mi distraggo. Cambio le marce con estrema prudenza, per non sfiorarla. Insomma faccio tutto per stare tranquillo. Perché questo sembri un viaggio normale. Chiede se per cortesia posso fermare. Accosto subito sul ciglio. In seconda fila. L’ha detto come fosse una urgenza. Cosa c’è adesso?
Mi verrebbe da dirti: il programma è sottotitolato alla pagina 771. Cosa fai? Cosa tiri gli occhi? Non credevo che sarebbe finita così. Insomma… cominciata così. Appena partiti. Prima ancora di partire. Almeno ferma questa dannata macchina. Che non andiamo anche in cerca di farci del male. Accosta. Ecco, bravo. Vuoi vedere? Allora guarda. Sembra che non ne hai mai viste. Bastava dirlo. Speriamo che non mi veda nessuno”.

Ragazza in automobile che mostra le tette (?)

La foto è stata censurata da Google+ (?)

Tira su la maglietta e le estrae dal reggiseno. Io resto di stucco. Senza parole. Carina è carina. Giovane e giovane. Forse sono io che sono un po’ più avanti. La serata. Il buon vino. La compagnia. Non mi ero reso conto… cioè… quasi… che… insomma. Che mi prende? mi balbettano anche i pensieri. E poi una non viene al mare in jeans. E vestita di tutto punto. Cioè solitamente una mette qualcosa sopra il costume. Sono curioso di vederlo, il costume. Sono curioso di tutto. E senza fiato. Lei non alza gli occhi. Mentre quelli di quei due enormi meloni guardano ognuno dalla parte opposta. Sembra anch’essa affascinata da quella meraviglia. Forse si sente in imbarazzo. Non ci avevo pensato. Non le avevo chiesto nulla. E’ solo… è solo che mi viaggiava a fianco. Non è facile guidare con una come lei vicino. Me ne rendo conto ora. Forse ho avuto troppa fretta quando sono arrivato. Nel farla salire.
Ti facevo uno… uno che si controllava di più. Così piacciono solo a voi uomini. E so che vi piacciono. Vorrei che qualche volta… insomma una parola carina. Un gesto. Non quello. Un gesto d’affetto. Una battuta spiritosa. Invece te ne stai lì senza emettere un fiato. Come tutti”.
E non c’è reggiseno che tenga. Che possa frenare quella loro aspirazione a dondolarti davanti. Definirla giunonica mi pare anacronistico. Curioso ne sono diventato curioso. Come ho fatto ad essere così distratto? A vederla salire senza valutare il volume, l’ingombro di quei due airbag naturali? Decisamente l’età rende stupidi. E pensare che avevo accettato solo perché mi sembrava una ragazza a posto, e simpatica. Mi aveva parlato di transavanguardia e non mi ricordo di cosa. Era nata una simpatia immediata e spontanea; tra noi. Era stata Enza a dire della mia casa al mare. Ho paura che me le sognerò di notte. Le ho fatto una foto. Lei se n’è infastidita. Credo che la terrò religiosamente tra i miei momenti più emozionanti.
Certo che… così… qui in macchina. Potevi almeno aspettare. A casa saremmo stati più comodi. E poi… mi potrebbero anche vedere. Sai cosa potrebbero pensare di me? Che sono una facile. Una di quelle. Che siamo qui… Mica mi piace così. Metterle al vento. Sono così…. Così… insomma. Non pensi che ne abbia troppe? E’ imbarazzante averle. Portarsele dietro. Tutti ti tengono gli occhi addosso. Solo che… potevi dirlo subito. E poi, al primo appuntamento. Forse non sarei dovuta nemmeno salire. Non sei certo un signore. E’ solo perché sei tu. Mi stai simpatico. Ma non lo dovrei fare. E’ tutto così… così… tutto. Non farti strane idee su di me; però. Sì! forse lo avrei fatto lo stesso, anche se me l’avessi chiesto subito. Ti ho detto che mi sei simpatico. Non so proprio. E con i se e i ma. Forse. Invece siamo qui”.
La sua voce è un ronzio anche piacevole che porta alla sonnolenza. Non fosse per l’adrenalina che ho in corpo, la fretta di arrivare, sarebbe pericolosa. Non mi viene proprio nulla da dire.
Spero che adesso non ti metti strane idee in testa. Ti vedevo così teso; cioè curioso. Mi son detta: «questo si distrae. Poi chissà come va a finire. Se ne sentono tante in macchina». Ora calmati. Spero che tu sia contento. Se vuoi, la sfilo. La maglietta. Ma poi ognuno al suo posto. Poi mi rimetto in ordine e andiamo. Altrimenti si arriva tardi. E a me non piace. E non vorrei che ti mettessi altre cose in testa. So come siete voi. Poi magari vuoi anche toccare. Forse era meglio se non lo facevo. Forse era meglio se non venivo. Che con questi jeans, sono così stretti. Mi chiedo cosa ci sto a fare qui. Con tutto al vento. Solo per un capriccio. Il tuo capriccio. Che poi… nemmeno me l’hai chiesto. Sembra quasi che abbia fatto tutto da sola. Non fossero i tuoi occhi a parlare. E te ne stai li zitto. Come se ti avessero rubato la parola. Respira. Devo essere proprio scema”.
E pensare che non mi ero prefissato niente. Per un attimo avevo pensato che se doveva succedere qualcosa sarebbe successo. Per un altro attimo ho pensato che più che carina aveva un sorriso fresco. Per un attimo ancora che era tanto giovane. Troppo. Forse. Poi mi ero imposto di frenare la fantasia. Non mi è frequente abbandonarmi. E’ solo che avevo bevuto un bicchiere in più. E volevo evitarmi delle stupidaggini. Da film. Mi sono spiegato che era solo una giornata al mare; come tante. Forse tutto è dovuto perché era seduta, di fronte. Avevo guardato parlare i suoi occhi; il suo sorriso. Avevo ascoltato il suono della voce. Ecco perché Giangi aveva chiesto: “Ma l’hai vista”? Non avevo capito. Non le vedevo nessun difetto. Ingrano e riparto. Sono naturalmente intralciato nei movimenti. Non vorrei che… è un attimo di comprensibile imbarazzo. Cerco di uscirne.
Che fai”?
E’ l’unica cosa che riesco a dire di questo viaggio: “Resta così. Ti prego. Almeno un po’. Non manca molto. Mi piace come mi guardano i tuoi occhi”.
Ma allora sei proprio vizioso. Ti facev”…
La macchina che sorpassiamo strombazza di clacson. Il guidatore lancia un grido a finestrino chiuso. Il suo entusiasmo resta imprigionato nella scatola di lamiera. Ci occhieggia con i fari. Lei brevemente ritrova la sfacciataggine della sua età. Si volge indispettita ad illustrargli tutta l’enorme vastità esibita dei suoi due promontori, ritta sulle ginocchia: “To’”! Gli indica il cielo con un dito; il medio. Dice ch’è uno zotico incivile. Anche di peggio. Si rimette comoda e chiede scusa indirizzandola verso la nostra destinazione. Lo vedo sbandare e frenare giusto in tempo ad un nanomillimetro dal guardrail. Credo lei si sia resa conto del mio stato. Le sfugge un impercettibile sorriso di approvazione. O almeno è questa la mia impressione. Forse di biasimo? Sembra disposta ad assecondarmi.
Sto leggendo “Quattro etti d’amore, grazie”. L’ultimo della Gamberale.[1] E’ appena uscito. Non so; conosci? Sono solo all’inizio. Non so se è un libro che può piacere ad un uomo. A me invece piace la sua scrittura. Trovo sia pieno di passaggi brillanti. Sottili e brillanti. Siamo proprio così, noi donne. Molte di noi, naturalmente. Ogni tutto è relativo. Scusa le licenze linguistiche; sono fatta così. Non esistono al mondo gli assoluti. Anche i termini debbono essere considerati nella loro relatività. Anche se crediamo solo nelle assolutità; soprattutto noi donne. Nell’amore assoluto, per esempio; anche se è un esempio banale. Ma siamo attente e riflessive. A nostro modo riflessive. Ogni uno è due. Potrei avere tutto, si parla per ipotesi, e paradossi, dicevo che avessi tutto invidierei chi ha l’amore. Per quello, quello vero, siamo pronte a rinunciare a tutto. Vorrei dirti cosa penso di te. Per vedere se ci ho azzeccato. Solitamente ho fiuto per le persone. Riesco a riconoscerle al primo sguardo”.
Non è che abbia una guida particolarmente nervosa. E’ che sono curioso di vedere la loro vita. Di vederle muoversi. Accelerare. Rallentare. Oscillare. Allargarsi. Riassestarsi. Posarsi. E poi, con impertinenza, fare un balzo avanti. Oppure indietro. E ondeggiare. Un sciabordio che prende direttamente allo stomaco. Con quei piccoli capezzoli che quasi scompaiono. Che quasi li devi cercare. Su quella carne bianca. Su quella massa. Microscopiche presenze. Quasi due punture di insetti. Nel mezzo approssimativo di quei due mappamondi. Al centro di quelle vastissime aureole. Che hanno la forma… la forma… che cazzo ne so? Di quelle aree. Non mi sembra il momento di cercare certe similitudini. Ho un enorme ronzio in testa. E la strada scivola fin troppo veloce. Il mio mostro divora vorace la pianura. Chissà se si abbronzano? Non so se è stata una bella idea.
Io leggo molto, come avrai capito, non solo romanzi, ma a volte anche nel racconto più stupido, banale, puoi trovar delle vere perle. Spunti di riflessione, Considerazioni illuminanti. Persino casuali. Chissà se l’autore ne è sempre consapevole. Tu che ne dici”?
Non so. Mi chiede di rallentare. Osserva il suo petto in movimento. All’improvviso cambia di umore. Non è una cosa rare nelle donne. Nella sua mimica silenziosa si addensano un’enorme quantità di nubi; si rabbuia. Non la conosco abbastanza per conoscere tutte le sue facce. Certo che all’improvviso la sua maschera si fa opaca. Non può essere un mistero che dietro quel suo volto, in una donna, non possano che presentarsi riflessioni. Ansie. Considerazioni. Dicono sempre le stesse cose, in certi momenti, gli occhi di una donna. Quel silenzio di un istante non può che nascondere la ricerca spasmodica di una decisione, magari una qualsiasi. Magari una delusione; seppure passeggera. Speriamo passeggera. Magari una rinuncia. Il dubbio di un fallimento. Di una sconfitta. La delusione. Più semplicemente la lista confusa delle cose che ha portato, alla ricerca di quelle che può aver dimenticato. La paura di non essere bella. Un beffardo pensiero di riscatto; magari licenzioso. A volte apertamente osceno. Nascosto. Negato. Perché contengono anche quello le cose non confidate delle donne. Quelle che non dicono che a sé. O tra loro. Non certo in presenza di un uomo. La scoperta di una macchina sulla maglietta. La rincorsa ad una testardaggine. Volitività. Ne può uscire qualsiasi cosa. E un uomo non può stare mai tranquillo quando una donna tace in quel modo.
Puoi rallentare, per favore”?
Fa uno sbadiglio che sospetto annoiato. Riporta quelle due montagne di delizia negli appositi contenitori. Si sistema la maglietta. Si controlla il trucco. Rimette la cintura. Mi studia per due minuti buoni. Legge la mia delusione. Si volta per prendere la borsa, credo, e scopre di aver messo anche quella nel bagagliaio. Districa i capelli che si sono aggrovigliati sugli orecchini. Li rassetta con le unghie. Guarda fisso davanti a noi: “Per cortesia, torniamo”. Intanto ora la vita delle gemelle è diventata più pacata. Non riescono a stare ferme nonostante il gran rifiuto della stoffa a fiori che traspare impercettibilmente sotto, ma hanno un moto più lento. Più lieve. Quasi controllato. Elastico. Anche contro improvvise accelerate e frenate, cambi di velocità e sorpassi all’ultimo, ondeggiano leggiadre, composte, rassicuranti, gentili, lievi, parche, sobrie, moderate, equilibrate, di una vita comune, quasi in un cenno.
Guarda che… non mi p… Non è più divertente”.
Come si può non fantasticare. Gli occhi azzurri come lapislazzuli. I capelli di quel morbido castano pieni di riflessi rossi. Il sorriso virginale da dea dell’amore. A guardare un po’ di pancetta ce l’ha. Chi non ha debolezze nascoste? La pelle… la pelle come… la pelle lisca e senza imperfezioni. Dev’essere soda e morbida allo stesso tempo. Della morbidezza della affettuosità. Devo convincerla a restare. La casa e libera. Che senso ha tornare la domenica dal mare? Inventerò. Se debbo insistere insisterò. Già m’immagino gli occhi in spiaggia che sbiadiscono quando passiamo. L’ammirazione di quei bagnati del dilettantismo. Tutti e tutte che invidiano lei, e me al suo fianco. Uomini e donne. Mi vedo: io e la mia regina. I miei pensieri debbono avermi fatto assentare per alcuni istanti. Superiamo un autogrill. Non mi ha chiesto di fermarmi. Non ne ho né voglia né bisogno. Probabilmente lei non è una di quelle che ci deve andare ogni cinque minuti. Non finirò mai di scoprire i suoi pregi.
Cosa dici? Ho pensato di chiedere un parere. Di consultare un chirurgo. A proposito di ridurle. Di farle stare massimo dentro una quarta. In fondo non è una decisione facile. Però questa non è vita. Sono un pericolo per gli altri e per me. Sono una fonte di incredibili imbarazzi. Se non ero con te… sono sicura che un altro ci avrebbe provato. Che rischiava di finire come va sempre a finire. Sono stanca. Stanca che qualsiasi cosa dica chi mi sta davanti guardi solo loro. Pazienza gli uomini, ma persino le donne. E con quella bava di invidia. Stanca di far fatica a trovare la mia taglia. Dei fischi per strada. Delle mani che mi frugano addosso, in qualsiasi occasione. Degli amici che diventano curiosi. Che mi chiedono come faccio. Se sono mie; persino loro. Com’è? E che anche loro, spinti da un neonato interesse, mi chiedono “Posso”? Non riesco a mantenermi un amico. E per quello nemmeno tanto un’amica. Di quelli che pensano che sarei una grande mamma, o una grande balia, perché tante tette tanto latte. Di quelli che tante tette vuol dire troia. E chissà il resto? Cretini”.
Sento un dolore al petto, una sorta di compressione. Un dolore che poi si estende al braccio sinistro. E una gran sete. Vede la smorfia sul mio viso; la transumanza. Glielo dico e lei mi ordina immediatamente: “Frena”! Scendendo rapida mi impone: “Spostati”! Scivolo nel sedile del passeggero. Lei prende in mano la situazione e il volante. Fa una pericolosissima inversione a U e accelera al massimo. Non fiata né mi dice quello che pensa, solo che: “Si va all’ospedale. Stai tranquillo!” –sembra veramente preoccupata. Comincio a preoccuparmi anch’io. Non ho bisogno di spiegazioni, mi sono imbattuto nel famoso sabato triste, anzi di merda. Credo che le sue parole cerchino di distrarmi. Continua come nulla fosse successo.
Pensare che qualcuna (delle mie amiche n.d.M. [n.d.M.: nota di Marisa]) invidia la mia fortuna. Perché sono bella, cioè carina, e così tanta bella. Invece è una disgrazia. Una vera disgrazia. E pensare non è solo l’inizio. Non hai ancora visto niente. Ho un costume nuovo che è uno schianto. Peccato. Se solo fossi stato un po’ più carino. Un po’ più paziente. Adesso proprio non so. Non so se fidarmi di te. Io non sono una ragazza come tante. Credo nei sentimenti. Credo che da cosa possa nascere cosa. Anche se doveva essere solo una giornata al mare. Forse un fine settimana. Dipendeva da te”.
So solo che mi ritrovo in una sala asettica. Piena di monitor che mi sembra d’essere precipitato in uno degli episodi di Alien. Uno stormo di medici si da un gran da fare intorno a me. L’ultimo commento che ricordo è quello dell’anestesista che mi spiega: “La sua signora la sta aspettando fuori”.

2. «Scusate se da qui la storia la continuo io. Niero non è più in grado di farlo o non ne sente la necessità. Il dottore ci ha detto che deve evitare gli sforzi e le emozioni. Non credevo che quel sabato avrebbe cambiato così la mia vita. Ma dopo tutto quello che c’era stato tra noi non potevo proprio abbandonarlo da solo. E mi suonano ancora nelle orecchie con immensa delizia e gratitudine le ultime parole che gli ha rivolto l’anestesista. Mi hanno fatto e mi fanno sentire importante. Ma la convalescenza è lenta e non si vedono grandi segni di ripresa. Tra l’altro era anche carina, e ho resistito all’impulso di strapparle gli occhi. I dottori sembrano rassegnati e fatalisti. Non me ne preoccupo: è un ottimo compagno anche così. Forse è anche meglio. E’ un uomo che sa ascoltare.
Poveretto: è rimasto completamente immobilizzato com’era; anche, incredibile, nel suo entusiasmo. Ma ora ha me. Anche il minimo movimento gli costa sforzi precari. Ma io provvedo a tutto. E cerco di anticipare i suoi desideri. Credo di riuscirci. Ha perso quasi completamente l’uso della parola. Per il poco che so non è mai stato troppo ciarliero. E fatica immensamente anche per i pochi vocaboli che riesce ad articolare. Li sputa inzuppati di saliva. Me li spruzza addosso. Usa praticamente solo quei pochi epiteti, spesso riferimenti a femmine di animali, così frequenti nella bocca di tanti uomini, come “vacca” o “maiala”. Ma in lui sono carinerie. Sono quasi, ma anche senza il quasi, nel nostro gergo segreto, segnali di gradimento. E i suoi occhi, che spesso lacrimano senza ragione, sono prodighi di muti elogi. E io gli asciugo delicatamente quegli occhi. E i contorni delle labbra. Marisa invece lo dice ormai quasi perfettamente e senza fatica. Si capisce che chiama me.
E’ tutto nuovo per me. Lo curo di tutto e gli metto in bocca tutte le medicine che deve prendere, che sono veramente tante. Se serve ho imparato anche a fargli le punture. E ho imparato a cucinare. Inizialmente cose semplici, ma sto diventando bravina. Qualcuno dice che son diventata veramente una bella signora. Non lo so, lascio agli altri giudicare. Io ci credo veramente che l’amore ti fa bella. Sono sempre io persino a radergli la barba. Con la massima precauzione perché ho sempre paura di tagliarlo. Me lo pettino e me lo vizio. Ieri sono andata a prendergli un pigiama veramente figo. Anche se non ne fa grande uso mi piace curare il suo abbigliamento nei minimi dettagli. Mi piace vederlo elegante e curato. Con i pantaloni in perfetta piega. E poi lui sta bene con la giacca. Ma anche con una bella polo dal colore vivace. Mi piace sceglierle con tonalità che si adattino ai suoi occhi. Una l’ho acquistata del colore dei suoi pochi momenti di tristezza. Perché quelli mi sanno strappare il cuore.
Deve soffrire, povero caro, in quei brevi attimi, la consapevolezza delle sue menomazioni. Io cerco di cancellargli qualsiasi nostalgia. Anche di quel nostro primo vero incontro, non ha perso granché. Solo un sabato al mare. Perché poi già nella notte il tempo è cambiato e s’è messo pure a piovere. Avremmo comunque dovuto starcene chiusi soli in casa. Perché oggi sono certa che mi avrebbe convinta. Magari ci saremmo anche annoiati. Questo non voglio che succeda mai. Con tutte le mie forze. Anche il due pezzi che avevo scelto per l’occasione poi gliel’ho fatto vedere. L’ho indossato in casa e solo per lui. L’ho indossato e poi l’ho anche tolto davanti a lui. E gli ho confessato come mi piace prendere il sole, integralmente. Ovviamente quando non ho altri occhi addosso. Non che abbia potuto stendermi in riva al mare; non c’è nessuno ma proprio per questo la stagione, cioè la temperatura, non lo permetterebbe. E con la carrozzina farei comunque fatica sulla sabbia. Mi sono stesa sul divano con la luce della finestra alle spalle. Una luce un po’ opaca. Credo ne possa aver ricavato un’idea, e nemmeno tanto approssimativa.
Anche nella mia vita privata è cambiato molto se non tutto. Oggi sono più sicura di me. Posso dire che sono una donna soddisfatta. Al suo fianco il mio mondo, più che un mondo felice, è diventato un vero sogno. Finalmente ho conosciuto il vero grande amore e lo vivo giorno per giorno, minuto per minuto, senza lasciarne nemmeno una briciola. In fondo devo tutto a lui e, nonostante i pericoli che comporta, mi capita di non riuscire a non dirglielo. A volte mi sento persino colpevole nei confronti di chi ha meno di me. Il lavoro? quello no. Ho dovuto lasciarlo. E ho dovuto lasciare anche tanti progetti nei quali pensavo di realizzarmi. Ora mi sembrano fantasticherie infantili; lontane. In realtà non è stato nemmeno un grande sacrificio. Lui è più importante di tutto.
Le tette? La storia che non può far fatica e deve evitare le emozioni non mi convince pienamente. Io credo nella scienza, ma ci vorrebbe un miracolo. Ma io credo anche nei miracoli. Comunque io ho ogni cautela del caso. Forse troppe. Forse quelle giuste. Sforzi? Che fatiche può fare uno nelle sue condizioni, tra la poltrona e il letto? Che quando usciamo se ne sta comodo sulla carrozzina? Sono io, doverosamente e con gioia, a spingere. Ma non mi costa alcuna fatica. La carrozzina poi è leggera e maneggevole. Per quanto riguarda le emozioni, povero piccolo, mon petit, ormai quelle, le mie tette, le ha viste e viste bene e riviste. E non solo; perché io non me lo trascuro. Voglio non gli manchi niente. E ormai niente di me può certo rappresentare più chissà quale turbamento. Ho messo la foto che mi ha scattato allora in una cornice sopra il canterano.
I soldi? Quelli non ci mancano. Per fortuna lui ne ha per tutt’è due. Anche se mi sento un po’ limitata nella mia indipendenza. Cioè mi sento un po’ come se sfruttassi lui o la situazione. Lo so che è un pensiero sciocco: cosa farebbe senza di me? Dipende da me in tutto e per tutto; almeno per ora. Lui ha ogni istante della mia vita. E mi succhia ogni energia. Lo cambio sopra e sotto, lo lavo (nel far questo a volte non gli so proprio resistere), lo vesto, lo accomodo nella stanza dove sono, me lo bacio ogni volta che passo, gli parlo, lo imbocco, lo coccolo, gli accendo la televisione, lo spoglio, lo metto a letto, e tutto il resto. E poi, alla fine, per dirla tutta e senza riguardi, la sua famiglia ha mostrato fin dal primo istante di volersene lavare le mani. Che per loro, di lui, importavano solo i soldi. Per me non è nemmeno fatica. Non ci manca niente, assolutamente niente. Nemmeno quello, anzi.
Come ho avuto modo di accennare: nell’incidente, perché preferisco continuare a pensarci in questi termini, è stato anche fortunato. Sì! anch’io, e arrossisco nell’ammetterlo. Lui è rimasto immobile com’era. Voglio dire che è come se mi volesse tutto il giorno, e la notte. Lui è lì ed è come se aspettasse sempre me. Non so se mi spiego. Mi sento desiderata in ogni istante della giornata. Ogni volta che ne ho voglia, e non è quella che manca, lui è immediatamente disponibile. E se per caso non mi dovesse andare, lui è pronto per quando mi torna. Sembra non stancarsi mai. Certo che al mio piccolo amore, al mio little boy, il suo zuccherino non gli fa mancare nulla, e cerca di evitargli ogni fatica. Lui ha solo il dovere di essere felice. E soddisfatto. E di aspettare me. Non fatemi dire cose che non mi piace dire. Sono particolari intimi.
Ma mi prendo cura anche del nostro spirito, per quanto posso. Per esempio al momento gli sto leggendo “Mille piccoli soli[2]. Non è certo fresco di stampa. Lo faccio proprio per lui. Io l’avevo già letto appena uscito. E’ un po’ duro ma è giusto che cominci a capire. Che diventi consapevole. E un paio di sere fa, abbracciati, comodamente accoccolati sul divano, abbiamo guardato assieme, e assieme ne abbiamo pianto, “Restiamo umani; the reading movie[3] di un mio caro amico. Gran bella testimonianza. Che ti tocca diritta nel più profondo. E ti lascia dentro quella sorta di ansiosa angoscia e di rabbia. Quando la nostra attenzione è tutta presa da cose simili ci dimentichiamo anche di noi. Nulla ci può distrarre. Abbiamo attenzione solo per quelle immagini o sulle pagine di quelle storie. Ogni altra cosa è rimandata a dopo. Alla fine mi piacerebbe sapere che ne pensa. Mi accontento di vederlo attento e di liberarmi l’anima di tutte le emozioni che la bellezza e l’intelligenza suscitano in me. Dopo lui le cose che amo di più sono la cultura e l’arte.
Quando mi va di uscire lo faccio e basta. Col suo consenso in un cenno finale degli occhi. Lui sa che sono una ragazza ancora giovane e piena di energie. Di quelle, di energie, in verità, la vita con lui me ne lascia ben poche. Ma abbastanza perché, come tutti, certe sere mi venga voglia di evasione. Come tutte mi vien voglia di indossare questo o quell’abito. Di farmi bella. Di sentirmi gli occhi degli altri addosso. Allora mi metto in ghingheri. Proprio in tiro. Curo ogni dettaglio. Biancheria compresa. Mi faccio ammirare da lui, sopra e sotto, meticolosamente, e lo saluto sulla porta. Questa vita non mi costa nessun sacrificio, ma faccio attenzione e non faccio mancare nulla nemmeno a me. Voglio evitare assolutamente di correre il rischio che questo nostro meraviglioso amore si possa un giorno sporcare di rimpianti. Mentre esco lui solitamente mi dice qualcosa che suona come “coccola” o “zoccola”. E lo dice con occhi imploranti e pieni di quella sua dolcezza.
Ma quando sono fuori non sto mai completamente tranquilla; un po’ dei miei pensieri resta con lui; è naturale. I primi tempi non lo facevo, non lo lasciavo mai solo, non potevo farlo. E mi bastava. Mi tranquillizza solo il fatto che se dovesse aver bisogno, anche se non è ancora successo, io correrei subito da lui. Le dita quelle le sa muovere e anche bene. Ormai si gira i canali da solo. Allora gli metto il cellulare vicino. Non dovrebbe fare altro che comporre il numero breve: il primo, il mio. Sa fare perfettamente il segno del medio e spesso congiunge l’indice col pollice in un messaggio che non ho ancora imparato a decifrare. Infatti gli piace, e piace anche a me, quando gli prendo le mani e me le porto al seno. La sue dita allora sanno cosa fare. Riescono a suonare nelle mie corde più intime delle armonie incredibili. Letteralmente sanno farmi impazzire. Piccoli segni di miglioramento mi sembra di vederli. Si deve aver pazienza, ma io di quella ne ho a pacchi, a pacchi, a pacchi».

[1] Quattro etti d’amore, grazie di Chiara Gamberale. Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. Milano, 2013

[2] Mille piccoli soli di Hosseini Khaled. Edizioni Piemme, 2007
[3] Restiamo umani; the reading movie (Stay Human, the reading movie) progetto di Fulvio Renzi, Luca Incorvaia. edizioni dal basso, 2013

Annunci

Read Full Post »

tazzina di caffèMaria era ancora sudata sopra ai fornelli. Giuseppe andò alla porta ad aprire. Naturalmente lui era arrivato con una bottiglia di vino, rosso. Forse si era dimenticato che per pranzo era previsto pesce o forse il rosso era il suo colore. Entrò sicuro, impeccabile come il solito (curato al minimo dettaglio), accompagnato da un alone intenso di dopobarba. Chiese il permesso di mettere la bottiglia in frigorifero. Ce ne fossero altri come lui, pensò Annastella, così decorativi; o capitasse più spesso. Due occhi azzurri sono troppo di frequente due splendidi occhi azzurri. Lui salutò prima la padrona di casa poi l’amico e in fine l’ospite, quella giovane nuova che non conosceva; poi si accomodò senza che nulla di lui rischiasse l’offesa di una piega. C’era ancora un poco da attendere. Annastella provò a informarsi cortesemente di lui: in realtà lui pesava le risposte come se dovesse districarsi tra delle scelte, ma anche i suoi argomenti sapevano di dopobarba. Più che interessarsi voleva interessare e continuò a parlare di sé anche mentre sezionava il pesce con una precisione chirurgica. Non si può sempre avere tutto ma qualcosa, a volte, e pur sempre qualcosa; soprattutto se anche piove. Non le toglieva mai gl’occhi di dosso e quando chinava leggermente il capo, per passarsi il tovagliolo sulle labbra, il suo sguardo assumeva un’espressione strana che lei non conosceva, ma che sembrava soddisfatta o forse vagamente intrigante. Vedeva, cioè, in quegli occhi quella che lei avrebbe detto approvazione e fu in quell’istante, o poco prima o poco dopo, che cominciò a batterle il cuore. Voleva che la guardasse. Si chinò apposta. Non lo aveva mai fatto. Non riuscì a verificare che lui l’avesse fatto.
Naturalmente lei, Annastella, aveva portato il dolce.

Read Full Post »

Era salito tra l’indifferenza generale.
Non appena si liberò un posto, poco lontano da me, velocemente lo occupò e con gesto rapido ma che non poté passare inosservato trasse dalla tasca un libro. Fu quella rapidità che lo tradì e che attirò la mia attenzione.
Solo allora collegai e capii l’incertezza e la provvisorietà del suo equilibrio, l’aggrapparsi con forza senza vincere il movimento ma anzi subendolo e restandone sballottato.
Passò la mano lungo l’unione delle due pagine perché si mantenessero aperte in un gesto lento e leggero, in un gesto che sembrava contenere uno strano rispetto; ed io cercai di capire che libro era, mi affannai, allungai lo sguardo sulla pagina aperta senza risultato, ma con una certezza: non vi erano giustificazioni.
Lui non aveva l’età di uno studente né l’aspetto di un insegnante, e poi la forma del libro denunciava come non potesse trattarsi per certo di un testo scolastico. La copertina non era sufficientemente colorata per essere uno di quei romanzi che si vendono dai giornalai; la carta lo distingueva decisamente sia dai manuali tecnici che dai condensati.
Oramai l’attenzione di tutti era puntata su di lui e si era fatto silenzio. Se ne doveva essere accorto e la cosa era denunciata dal fatto che stava ancora, e da troppo tempo, leggendo quella pagina a sinistra.
Ci fu una curva a sinistra, un attimo di controluce, forse credetti soltanto di vederlo sudare.
Alla fermata la porta fu aperta e lui rapidamente scese e si allontanò.¹


1] scritto il 16 giugno 1992

Read Full Post »

Oggi i gabbiani sono enormi. Non li ricordavo così, forse perché non sono gli stessi. E si accaniscono sui sacchi delle immondizie, con crudeltà. E aumentano il senso di disordine. E la città odora sempre più di piscia. E mi trovo in dovere di dirlo per spiegare. Perché quello che è qui altrove non è. Semplicemente. Non ho la patente e non guido. Per questo vado molto a piedi. Anche per andare al lavoro. E così che incontro gente. Altrove le persone sono automobilisti, vanno di fretta, salgono e scendono da una macchina. E’ difficile anche un saluto. Ma qui la mia condizione è normale. Come anche un bambino sa qui non circolano le vetture.
E’ così che mi imbatto in un numero rilevante di sguardi. Perché quando fai ripetutamente la stessa strada, alla medesima ora, e i gesti diventano abitudine, ti sembra di conoscere le persone che incroci. In fondo sono sempre le stesse. E non fai caso a quelli con la valigia. E’ la mia una città piena di figure e valigie. Ma a quell’ora del mattino riesci ancora a camminare spedito. Non si fermano davanti all’improvviso. Non pascolano riempiendo tutto il passaggio; distratti come fosse un unico bazar. Ma degli incontri quotidiani rilevi persino una eventuale assenza. Perché sai quasi il punto esatto dove spunteranno da dietro l’angolo, dove ti scosterai per fare spazio perché la calle si restringe. Magari ti accorgi quando qualcuna va dal parrucchiere. Di una strana e ingiustificata allegria. O al contrario di uno sguardo leggermente basso. Ad esempio stamane non ho incrociato il ragazzo che raccoglie la sua chioma rasta in enormi berretti di maglia come portasse in testa un bongo. Poi, anche quando arrivo, prendiamo tutti i medesimi posti.
Mentre cammino spedito per non perdere quell’autobus più o meno distratto la mia folla è lì. Come se mi aspettasse lungo il percorso. Osservarsi di sfuggita è quasi un muto cenno di saluto. Così, se non ho molto da pensare, mi lascio a fuggevoli riflessioni. Non è la prima volta che lo faccio. In qualche occasione ne resto proprio affascinato: c’è qualcosa di più bello degli occhi di una donna? Io mi son sempre innamorato degli occhi. Non c’è niente che parli di più di uno sguardo. Che sia altrettanto suadente. E sensuale. O onesto. O malizioso. Le donne sono donne soprattutto negli occhi. E Clelia li ha freddi come il ghiaccio. E Alda li ha disarmati che ne resta tutta nuda, di una nudità indifesa. E Flavia li ha fissi sul suo accompagnatore. Forse solo un collega. Forse molto di più. Per quanto ne so potrebbe anche essere solo un compagno di strada. E quelli di Giovanna hanno il tepore di un caminetto in inverno; col freddo gelido che graffia alle finestre. E poi quelli di tutte le donne, della mia e delle altre vite. Decisamente non c’è nulla di più affascinante. Soprattutto di quelli di una donna che ama?
Spesso do un nome a quelle persone per ricordarmi di loro. Per distinguerle. A volte mi capita persino di immaginare una storia. Veramente un pezzettino di storia. Lungo tanto il suo cammino assieme. E gliela calzo addosso, sulla loro pelle, solo per il loro volto. Solo per una loro espressione. Ma è solo un gioco. Con quelle persone, salvo rare eccezioni, tutto si ferma lì. Ma torniamo a quegli occhi e agli occhi di donna. Se le parole sono pietre gli sguardi sono sussurri quasi impercettibile. Aliti più che leggeri. Ma mica sempre. Vorrei cominciare parlando di Rossana, solo perché ce l’ho vicina. Lei che sta scrivendo il suo di post. E mi racconta la vita in uno sguardo. Di Lei e del suo viso sereno. Quando strizza l’occhio, non lo fa di sovente e solo per richiesta, beh! non lo sa proprio fare. Storce la bocca e tutto il volto si accartoccia attorno alla palpebra che si socchiude. Eppure i suoi occhi sono mobili e raccontano ogni cosa. Tutto di Lei. Persino quello che dovrebbero non dire.
Lei è un po’ assente da questo viaggio. Lei non è più assolutamente un incontro più o meno casuale. Mi vive sempre accanto. Ma anche lei l’ho incontrata una prima volta. E per un attimo ci siamo parlati solo guardandoci; col silenzio degli occhi. Non sapevamo ancora che non ci saremmo scordati più. Ha occhi morbidi di velluto, Rossana. Occhi mansueti. Di quegli occhi che mi rasserenano e fanno sperare nel mondo. Sono occhi generosi. Sono occhi che hanno eppure guizzi selvatici. Ha occhi di donna piena d’amore. D’amore, dicevo. Ma sono occhi nudi, che espongono. Perché occhi disarmati e disarmanti. Davanti alla grande offesa non possono che trovare la resa. Perché sono occhi buoni. E istigano alla fiducia. Anche se la vita dovrebbe avermi insegnato che è sempre meglio non abbassare mai la guardia. Non importa se lei dice che sa stare sola, perché lei ci crede. Ma chi cerca l’amore, chi cerca dolcezza, può trovarci tutta la tenerezza del mondo. E se un pazzo si accontenta commette l’errore più infamante. Ma lei appartiene ad un’altra storia. E oggi lei riempie le mie giornate. Sono altri quelli che passano e si limitano a sfiorarmi. Che si soffermano solo per quell’attimo.
Come dicevo nella maggior parte sono donne di cui conosco solo gli sguardi. Alcune di quelle donne hanno occhi che sfidano. Di quelli che non si abbassano mai. E sembrano d’improvviso disprezzarti. Voler affermare che non sei niente nel loro percorso. In qualche caso si soffermano un attimo di più. In qualche altro si scostano rapidamente non senza aver affermato che dovevi essere tu a distogliere l’attenzione. Come un normale: cosa vuoi? Forse solo in forma più volgare. Altre hanno occhi solo sicuri di se. Di quelli che ti guardano e se sei distratto ti chiedono perché non li guardi. Che esasperano anche la bellezza che non c’è. Che le fa sicure e vincenti. Orgogliose. Oggi Carlina appare più che mai soddisfatta di se. Magari è la maglia che ha scelto. Forse solo perché le piace il colore. Forse le sottolinea il seno, e si vanta di se e non so per cosa. Se è la maglia non si è resa conto che la porta sotto il giaccone. Che non la posso ammirare Così debbo limitarmi al suo sorriso. La bionda invece abbassa subito gli occhi appena incontra i miei. Lascia che vadano distratti lungo i muri e dove mette i piedi. E’ più bella di quanto crede. La romena, che forse non è nemmeno romena, forse è italiana quanto me, chissà perché il suo naso e la forma del viso mi fanno pensare che lo sia, cammina in modo strano e mi racconta guardandomi delle sue scarpe. Oggi ne indossa un paio da ginnastica completamente argentate. E si muove come quei pagliacci dei circhi con i piedi lunghi e un andare che sembra suggerirti di guardare proprio quelli.
Poi c’è lei. Anche lei la vedo tutte le mattine. A volte sorride solo con gli occhi. A volte le si illumina tutto il viso. E forse nemmeno è un sorriso. Forse quella luce è semplicemente il suo modo di guardare. Oppure con occhi di gatta pronti alle fusa ma anche a denudare gli artigli. A volte invece gli occhi mi evitano. Si nascondono. Mi rifiutano. Sembrano aver fretta. O anche rimproverarmi qualcosa. Forse una distrazione. Dopo accendo sempre la prima sigaretta. E’ la più varia, non parca di sorprese. E nel suo incedere, nel suo fisico ha una grazia strana. Tutta sua. Pare più piccola anche se alta non è. Il baricentro basso e le gambe, nei jeans, grosse. Giovedì era in compagnia. Se non ricordo male non l’avevo mai vista con qualcuno. M’è sembrato che abbia voluto farmi notare quel particolare; che non era sola. Ma è stato solo un attimo. Le nostre vite non ci possono dare di più. Come potrei chiamarla? Non ora. Ci penserò un altro momenti. E’ questo, come gli altri, solo un rapporto fatto di sguardi. E spesso sembrano denunciare attimi di malizia nei suoi pensieri. E ha una pelle ambrata che sembra sempre ricordare una tintarella non ancora del tutto sbiadita. E capelli neri pieni di riccioli forse fissati con qualche gel. E sovente uno le cade di traverso, sulla fronte. Eppure non sono mai riuscito a dare un colore ai suoi occhi.
Potrei anche dire che in quel breve attimo io la amo. Solitamente la incontro all’altezza della bella chiesa di marmo bianco. Ma poi c’è subito dopo quel bar dove la banconiera è sempre pronta a guardare fuori. E anche dai suoi mi lascio brevemente rapire. Ma spesso negli occhi di qualcuna leggo l’invito che cerca di dirmi perché la dovrei trovare avvenente. Non sempre sanno interpretare il mio interesse, ma a volte sì, e capita che sono attratto proprio da quella parte che loro ritengono più interessante. Di mio garbo. Quella di ieri, ad esempio, ne aveva veramente tanto. Lei lo sapeva e in un attimo ne eravamo consapevoli e soddisfatti entrambi. Avrei voluto fermarla e chiederle magari una banalità, ma andavo di fretta. E poi non ho saputo mai trovare con facilità le parole. Soprattutto con un’estranea. E loro lo sono tutte, estranee. Anche se il mio cervello si fa le sue storie. Anche dopo che le ho avute nella mia fantasia. Perché tutto resta solo fantasia. Semplicemente un gioco. Dove decido le parti e loro non hanno voce. Allora persino quella altezzosa è costretta a ringraziarmi e a chiedermene scusa. Diventa molto confidenziale e amichevole e disponibile. Potrei scrivere un intero romanzo sugli occhi delle donne. Un romanzo di soli occhi. Ma stamane pioveva. Con l’ombrello tutto riusciva più difficile. E sono molte notti ormai che non esco più per divorare occhi come i suoi ,o diversi, magari chiari, ma che comunque mi richiamano una emozione.

Read Full Post »

Ci sono uomini. Ci sono uomini che riescono a fingere (+ o – bene) del compito disinteresse. Ognuno per motivazioni e finalità proprie. Che non fossero così garbati guarderebbero e come. In fondo sono uomini, nel senso di maschi, e guardare ce l’hanno nel sangue. Ci sono uomini che si girano (+ o – teatralmente) davanti ad un espressione di notevole interesse. Uomini che non riescono a trattenersi dal sottolinearla con fischi o suoni vari. Ci sono infine uomini che davanti ad una donna con qualche, anche minima, evidente avvenenza non riescono a non lanciarsi in commenti. Commenti che spesso toccano punte di particolare volgarità. Proprio ieri ne ho visto uno che per una bionda, a dir il vero sciapa, ha tamponato il cofano di una Cherokee ferma. E lui era a piedi. Insomma ci sono anche uomini che sentono il dovere comunque di corteggiare.
Incontro Michelangela. Succede spesso lavorando nella stessa società. Ora davanti alla macchinetta per il caffè, ora per i corridoi, ora per le scale. Da alcuni giorni porta spesso scollature vertiginose. E non è che non abbia argomenti. Forse ha realizzato il suo stato di separata. E mi ritrovo spesso davanti le sue tette. Mi raggiunge sempre quel drammatico dubbio: uno sguardo (+ o – insistito) la vedrebbe a disagio o la offenderebbe un ben mimato disinteresse. Il fatto è che Sabrina, tanto per chiarirmi le idee, mi ha spiegato: “Mi vesto, mi agghindo e mi spoglio solo per il mio uomo”. Una donna con le tette fuori la vedono tutti e la dovrebbe guardare uno. Ci vorrebbe, che ne so, un’etichetta; un avviso. A volte quell’uno non sempre è in grado di saperlo. A volte solo lei sa di lui. E inoltre ci sono donne che vogliono decisamente richiamare l’attenzione di quei tutti.
Mi ricordo Elvira, incontrata l’altro lunedì. Elvira ha un paio di tette eccezionali. Eccezionali perché non né ha. Le ha cercate l’intera squadra del Fansculiamolo Rugby club, poi tutta la marina mercantile, un numero innumerevole di volontari e altri individui assortiti, inutilmente. Tutti senza alcun risultato. Affonda le sue scolature con l’unico misero risultato che è arrivata a mettere in mostra il piercing sull’ombelico. E’ disperata perché la nuova maglietta è costretta ad indossarla senza mutandine per non farne vedere l’elastico e/o il colore.. Alla fine ha deciso di farsi tatuare due boe di segnalazione, con tanto di catarifrangenti fosforescenti per la notte, per indirizzare gli appassionati del genere. Per altri meriti di appassionati non ne troverebbe molti. Chi non la guarda viene ringraziato da un’occhiata sprezzante. Chi la guarda deve sorbirsi la sua logorroica nullità. Ma l’uomo spesso si accontenta o cerca il suo male. Così lei per passarsela se la passa. Non dico che la evito.
Non che ci siano solo le tette, perché Sonia ha un notevole culo e Riccarda di notevole ha tutto, tranne il nome, ma parliamo di tette. Anche Giusy, che si chiamerebbe Albertina, ha due tette notevoli. Per ragioni opposte. Sono da lasciare senza fiato. Sono due monumenti. Due veri cocomeri. E dure come il marmo o quasi. Si rischia sempre di sbatterci addosso. Quando le ho chiesto informazioni sul chirurgo s’è offesa ma poi, alla fine, mi ha dato l’indirizzo. Mi ha detto, il chirurgo, di averle ridotte di quattro taglie abbondanti. Ho chiesto cosa ne aveva fatto di quelle quattro taglie abbondanti; così per dire. Ha precisato confidenzialmente che essendo di ottima qualità se l’è portate a casa. Anche se non è sua abitudine portarsi a casa il lavoro. Ora le tiene sul comodino. Hanno dimostrato più volte di essere utili. Avevo pensato a qualcosa di simile. Non ho avuto coraggio di chiedere che rinunciasse per me. E non so se sarebbe stato disposto a farlo. Due tette senza la donna attaccata devono essere una grande comodità.
Poi, giusto ieri, esco con Ivana. Si sta insieme da quasi un anno. E Ivana è quella che si dice una gran bella… figliola. Ha indossato per me una minigonna vertiginosa. Non si poteva muovere senza mostrare tutti i suoi segreti. Ero lusingato che si fosse fatta bella per me. Ero inorgoglito di averla al mio fianco. Ero eccitato dalla sua provocazione. Non ero il solo. Per tutta la giornata era tutto un eccitarsi. Alla fine non ero più così contento che per mostrare le gambe a me mostrasse gli slip a tutti. L’ho pregata di indossare per la prossima volta un paio di pantaloni. Oggi ho già avuto modo di pentirmi del mio consiglio. Tutti cercano di ricordarsi dove l’hanno conosciuta o almeno incontrata. Le aprono la porta. Con una scusa o l’altra stiamo prendendo l’aperitivo in quattro. Mi manca decisamente un po’ di intimità. Lei invece sembra perfettamente soddisfatta. E a suo agio. Sono inoltre sorpreso che le altre guardino me con più interesse.
Anche quando vivevo da solo nell’invitare un’amica a cena non ho mai pensato di dover esibire le mie doti amatorie. Oggi sono felice con Ivana. Giusy, che di nome farebbe Albertina, lo sa. Eppure ho l’impressione che le sue scollature profonde le indossi per me. O anche per me. Ci sono mille cose che eccitano i miei sospetti. Non sono propriamente un guardone e nemmeno quello che si definirebbe un bell’uomo. Ho visto come le donne osservano i belloni. Anche in modo sfacciato. O che sguardo assumono per parlare del loro attore preferito. Solitamente non mi guardano così. Non provoco simile attenzione. E interesse. In quel momento al loro fianco mi sento solo una comparsa. So che mi è fedele per mancanza di quell’occasione. E a volte ho persino avuto, con qualcuna, il sospetto che era e sia stata disposta ad accontentarsi anche di meno. Per esempio non ho mai avuta la certezza di Rebecca con Carlo. E Carlo mi pareva l’ultima delle tentazioni. Senza la sua auto sportiva varrebbe meno del niente. Il fatto è che l’uomo non riesce a non guardare le donne.
Quando sono con Gerardo mi accorgo che anche lui guarda le donne. Ma le guarda in modo diverso. Non so. Sembra spogliarle. Accarezzarle tutte. E non lesina le parole. Il complimento. E se appena può le fa seguire, quelle parole, dai fatti. Ho la sensazione che Toni Schiavon, detto Matusalem quattro polmoni ,fatichi a ricordarsi perché le segue con gli occhi. Poi si confida in apprezzamenti che mi imbarazzano ancora. Ci fantastica sopra. Sogna di farci cose che non sarebbe più in grado di fare. Tempi ed acrobazie più che d’altri tempi da guinnes dei primati. O da palesi spacconate. Poi respira singhiozzando enfisemicamente l’aria della sua bombola di ossigeno. Si scorda di tutto e cerca ricordi lontani. Si sfila le cannule e sorseggia il suo caffè. Finisce sempre così: se ne torna con una depressione latente. Non è mica sempre così facile guardare una donna.

Read Full Post »

da Frammenti di dialogo

poesiaAmavo quella donna dagli occhi azzurri
Amavo la sua giovinezza e la sua gioia di vivere
Amavo la sua voce stridula e argentina –
e il suono delle sue divertite risate
come acqua che scorre e precipita sulla pietra –
Il suo seno accennato e le caviglie affusolate
Il suo seno largo e le magliette scollate
Le sue braccia sottili e le sue energiche
Amavo i suoi occhi verdi senza pudore
e anche i suoi che si celavano nell’imbarazzo
e anche i suoi e altri ancora
Quanto ho amato? Non so né importa
Cosa mi resta? Un calendario colmo di ricordi e d’amore
Se ho sofferto ho avuto tutte le ricompense
E ogni amore lo porto stretto, con me, sempre, nel petto¹.


1] E’ solo una piccola e modesta cosa, ma avevo promesso ad un’amica di rete di scriverla e di dedicarla.

Ad una ragazza con un sorriso così luminoso che illumina il giorno; spero che lei sappia e sappia capire.

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: