Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Shuhada Street’

Mamma li turchi

C’era una volta… una città fiorente in oriente, anzi in medio-oriente: Hebron, che vuol dire amico. Una città di commercio e artigianato (una delle più antiche ininterrottamente abitata da più tempo). Dicevamo c’era e c’è ancora una città di circa 200.000 abitanti in quella terra dove le religioni sono nate e avevano imparato a vivere insieme.
Un bel giorno, anzi un brutto giorno come in certe storie, del lontano 1976 un gruppo di “immigrati” di religione ebraica decisero di occupare il centro storico e commerciale della città confiscando terre e case perché anche quella era parte di una “terra promessa”. E’ così che affluirono nel centro storico e commerciale della città (unico caso in questa tormentata terra) 700 persone per “vivere” appunto nell’antico quartiere ebraico. Una delle colonie più violente di tutta la Palestina, perché Palestina si chiama quella terra.
Un freddo inverno, più esattamente il 26 febbraio 1994, uno di questi coloni (di origine statunitense), l’eroico Baruch Goldstein, armato di fucile automatico, entrò nella moschea di Hebron ma con sua sorpresa non trovò il feroce Saladino e le armate dell’Islam ma solo fedeli mussulmani che eseguivano la preghiera del tramonto, per non essersi recato inutilmente in mezzo a quegli infedeli cominciò a sparare all’impazzata. Alla fine il colono Goldstein perse la vita sul posto, non prima di aver avuto il tempo di massacrare 29 palestinesi e di ferirne gravemente oltre 100.
Dopo questo episodio di sangue, esattamente nel 1997, si decise di dividere la città in due, da una parte il suo centro storico, appunto con la nominata Shuada street, e dall’altra il resto di quella estesa e popolata città, e per garantire la sicurezza Israele inviò nel luogo un contingente di circa 1.500 soldati in assetto di guerra a dirigere il traffico e sorvegliare le “normali” attività, come si conviene in ogni luogo di questo mondo civilizzato. E’ bene non scordare che questi nuovi crociati, che in qualunque altro posto verrebbero chiamati invasori e occupanti, si installarono in una terra che non fa parte del cosiddetto stato di Israele essendone ben fuori dai suoi confini.
Da bravi soldati portatori di Pace e di ordine pensarono bene di usare checkpoint, cancelli, cavalli di frisa, e ogni altro tipo di barriera per separare le due comunità chiudendo completamente quel centro storico, simile a qualsiasi Bazar colorato, odoroso e affollato o alle nostre Mercerie, ad ogni attività commerciale esistente e all’ingresso ma solo per la comunità palestinese. Le serrande dei negozi vennero abbassate e sigillate e le abitazioni dei testardi residenti vennero piombate e murate le porte (i pochi domiciliati rimasti da allora sono costretti ad entrare nelle loro case attraverso quelle dei vicini, tramite buchi sui muri o addirittura passando dai tetti). Ora la “città vecchia” è deserta, non fosse per il passaggio sporadico di coloni sempre in cerca di “rissa” e di soldati abbondantemente armati, è solo un ghetto tanto che Hebron viene anche chiamata Ghost City.
Il Carnevale è quello spazio dell’anno dove vanno al potere per pochi giorni quelli che il potere non l’hanno mai avuto, gli ultimi, e chi sono tra gli ultimi i più ultimi degli ultimi se non i Palestinesi cacciati dalla loro terra e tormentati nelle “riserve” in cui viene loro concesso di provare a sopravvivere? Oggi festeggiano allegramente con noi per le strade di Venezia due amici palestinesi, Izzat Karaki e Jawwad Abu Aisha dei Giovani contro gli insediamenti (Youth Against Settlements) di Hebron per continuare a coltivare il sogno che la loro città torni ad essere una città. Un sogno di Pace dove, come in ogni favola col lieto fine, non ci sono i cattivi e i buoni ma solo gli esseri umani. Un sogno di Libertà: Open Shuhada street.

Assopace Palestina
e
Restiamo umani con Vik

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: