Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘squadrismo’

La grande manifestazione di Roma

Foto di Elena Bellini

Tra i tanti video “amatoriali” sugli scontri del 15 ottobre a Roma in uno c’è una frase sulla quale ho soffermato in particolare la mia attenzione. E’ rivolta ai “violenti” tra i “dimostranti” da un “poliziotto” in tono di spregio e di sfida: “…mi fate schifo. Siete tutti cagasotto”. Perché mi soffermo su questo poche e povere parole di astio che non rappresentano nemmeno chissà quale novità? Forse rappresentano solo ignoranza e intolleranza. Mi soffermo considerando che la piazza non è unita, è anzi frantumata. Ci si unisce solo nella piazza, dentro al vocabolario degli slogan, anzi ci si divide in una semplificazione tra chi vuole utilizzare gli strumenti del pacifismo e chi invece crede nella necessità dello scontro anche violento. Onestamente mi sembra una inutile semplificazione. Quel poliziotto è un frammento di uno stato frammentato. Certo che finché si tollerano interi settori degli apparati dello stato che deviano dallo stesso ordinamento statuale, come è sempre stato, interi settori con profonde matrici fasciste, nessun confronto è possibile tranne quello della Resistenza, qualsiasi Resistenza portata attraverso qualsiasi forma si renda possibile. E’ però sconsolante il modo in cui la sinistra, nelle sue organizzazioni, non ha capito quella piazza andando completamente in confusione. O diamo delle risposte progettuali o rischiamo una deriva autoritaria come risposta.
Io non credo, in tutta onestà, nel grande complotto. Non ho mai creduto in una regia occulta. Credo che un corpo disordinato produce sia gli effetti dello scontro sia una situazione di instabilità che porta la “paura” (che destabilizza) e la conservazione (la richiesta di ordine come sicurezza). Quella piazza ha bisogno di una leadership? Non se ne esce allo stato attuale. Non vedo apparire figure significative al di sopra di quelle divisioni. Ma perché non una “intelligenza” diffusa, una scienza multipla? Ma queste domande mi portano fuori tema, non sono un teorico. Cerco di dire solo alcune cose piuttosto pratiche. La rivoluzione come cambiamento radicale della società può passare attraverso strumenti difformi. La storia ci insegna che è passata attraverso la lotta armata come attraverso un movimento popolare pacifista. Unico dato comune è in quel “popolare”. Ora abbiamo Pacifismo e pacifismo e Violenza e violenza. Non starò qui a soffermarmi in analisi, magari altrove o un’altra volta. Mi sembra solo che la situazione attuale sia piena di incognite ma anche di speranze. Mi pare sia alquanto complicata. Io credo che un “movimento” dovrà inventarsi nuovi strumenti di lotta. E che nulla dovrebbe essere trascurato. E’ pur vero che la mia visione, che può apparire utopia, mi spinge a sostenere che solo una lotta “pacifica” di massa può portare quel cambiamento radicale costruendo contemporaneamente una nuova concezione di struttura statuale. Solo un paese di uomini liberi sarà un paese realmente libero. La domanda in fondo è ancora la stessa: Ma chi aveva interesse a non far arrivare quel mare di folla nella “loro” Piazza?

Read Full Post »

Roma dopo gli scontriRoma: 15 ottobre 2011. Arriviamo in piazza della Repubblica con moltissimo anticipo. Ci metto un po’ per capire dove siamo. Anche la politica è un’arte. Questo movimento (15-M più conosciuto come “indignados”) è un soggetto multiplo, una sorta di idra dalle moltissime teste. In grossa parte dice niente bandiere. La traduzione di quella parte è: nessuna bandiera di appartenenza, di partito; tutti sono responsabili di questa crisi. La totalità la riconosce come quella famosa crisi strutturale. Alcuni si spingono persino oltre l’utopia e vorrebbero mettere in piazza assieme destra e sinistra. Nella realtà in piazza già troneggia un enorme striscione: “Falce e martello”. Subito dopo arrivano in pompa magna, con tanto di gazebo e bandiere, quelli di SEL. Come dire che spuntano all’improvviso quelli che fino a ieri erano solo fantasmi impalpabili. La rete dopo si divide tra chi nega il diritto a queste presenze e quelli che soffrono della mancanza della destra. Non sono certo sbigottito: non c‘è piazza, almeno di questo tipo, in Italia possibile senza la sinistra e nel corteo la sinistra rappresenterà una presenza se non totale molto maggioritaria. Quella dietro le proprie orgogliose bandiere di appartenenza e quella, come noi, dietro istanze specifiche come, appunto, la richiesta di giustizia per la Palestina (ma di ciò ho più che parlato). Di cosa vogliamo parlare allora?
Alcune osservazione schizofreniche, altre di assoluta improvvisazione priva di veri strumenti di analisi, altre ancora solo parziali o funzionali e comunque davanti ad un fatto di tale rilievo richiederebbe lo sforzo di cercare di capire. Sospeso tra chi condanna incondizionatamente quella violenza (e forse tutta la violenza), chi a giochi fatti ancora continua a cavalcarla e glorificarla e quelli che condannano per pavidità qualsiasi espressione ancor ferma ma pacifica. Vorrei provarci almeno su alcune piccole cose senza la presunzione di riuscirci perché a volte è sottile la frontiera che passa tra eversione e sovversione, cioè può sembrare quasi labile. Riparto allora da un piccolo messaggio di accompagnamento ad una testimonianza fotografica trovato in rete: “qua colgo l’occasione per ringraziare pubblicamente l’esemplare servizio d’ordine svolto dai compagni del “Cafiero” di Roma, senza i quali difficilmente avremmo portato le chiappe più o meno incolumi”. E’ naturale che dopo la violenza le anime candide la condannino in toto e ne prendano le distanze e venga criminalizzata qualsiasi forma di violenza fino alla resistenza. Che cosa c’è in gioco, a mio avviso, in quella manifestazione: “la possibilità di dare da sinistra «una prospettiva, una piattaforma, un progetto» alle variegate proposte di quella indignazione spontanea e generalizzata fatta di mille anime”. Il tempo ci dirà chi ha partecipato agli scontri e, se c’è, chi li ha provocati e fomentati.
Parte una caccia alle streghe contro gli anarchici e gli antagonisti che va respinta. Io non condanno nessuno soprattutto i compagni né accetto di entrare nella logica della delazione. Onestamente io non ho ancora elementi per parlare almeno con approssimazione di responsabilità e credo sia sbagliato criminalizzare un intero movimento. Però dobbiamo andare a fondo prima di una sollevazione indignata in difesa generalizzata dei coraggiosi. Il primo arrestato, o tra i primi, il lanciatore di estintore, si dimostra essere un ragazzo bene estimatore di Hitler. Non corro in soccorso di questo tipo di “compagni”; scusate ma dopo una pausa qualche domanda dovremmo porcela. Come dicevo certo FB è uno strumento schizofrenico se il 18.10 trovi commenti come questo da parte di una persona non giovanissima di cui è inutile fare il nome non essendo un caso singolo: “sarò considerato una merda ma sabato godevo come un riccio…” quando la stessa persona sabato 15, di ritorno, per esempio non solo li definisce teppisti ma va oltre esternando così il suo pensiero: “NON BLACK BLOC… QUELLI VESTITI DI NERO CON I CASCHI E IL TATOO S.P.Q.R. SONO FASCISTI …e Alemanno li conosce…”. A questo punto si tira in ballo il Che, la Resistenza, i tupamaros fino ai fedain, tutte figure (o figurine?) su cui si può tornare e probabilmente tornerò ma non ora perché renderebbe il post eccessivamente lungo. Mi preme dire che sono stati richiamati tutti, a mio avviso, in modo improprio e inopportuno. Comunque non mi nascondo certo che in momenti simili ci possano essere quelli che possiamo definire “danni collaterali”. Non è questo il posto idoneo, ripeto non è questo, per parlare di “guerra per bande” o di “guerriglia urbana” o di “strategie insortive”. Non credo alle notizie che ci vendono i giornali e le televisioni. I primi obiettivi colpiti non erano certo strategici. Nessun centro del potere ha tremato, tutt’altro. Nella manifestazione oceanica c’erano donne, bambini e invalidi, con loro si sarebbe dovuta prendere e difendere quella Piazza. Sono stati messi in pericolo. Molti in quella piazza, me compreso, nemmeno ci sono mai potuti arrivare. Non i pavidi. I numerosi e organizzati Compagni del PMLI nemmeno sono partiti, nella pratica. Tutto stava finendo ed erano ancora davanti alla stazione Termini. Quale politica si nascondeva dietro quelli scontri che sono almeno inizialmente sembrati come semplici atti di vandalismo? Difendiamo i Compagni ma non evitiamo i distinguo. Col senno del giorno dopo dobbiamo capire cosa abbiamo ottenuto e cosa abbiamo perso. Non posso finire che con: “niente finisce, tutto continua”. ORA E SEMPRE RESISTENZA.

Read Full Post »

Forgone polizia incendiatoRoma, 15 ottobre 2011. Mi è stato chiesto di raccontare la mia esperienza. Naturalmente ero sul posto, in pancia alla manifestazione, assieme alla mia Compagna e a vecchi e nuovi amici. Separati da nostro figlio e dalla figlia di un’amica e da altri nostri amici. Credo che non lo farò perché l’ha già testimoniato fin troppo bene Lei e perché nessuno ha visto nulla. Cioè ognuno ha visto solo un piccolo frammento di un film che mi pare, a me sessantottino, di aver già visto sgradevolmente più di una volta. Mettere insieme i frammenti è alquanto difficile e forse ancora presto. E guarda caso si torna a parlare di strategia della tensione. A questo gioco non ci sto. Dicevo: ero nella pancia della fiumana incredibile e interminabile di quella manifestazione di cui nessuno da ancora numeri, almeno approssimativi, più verso la testa che al centro, anzi quasi in testa. Ero a testimoniare la presenza della Freedom Flotilla e la nostra attenzione al problema della Palestina. Allora, se non un resoconto molto personale, cosa posso raccontare? Vorrei fare solo una piccola premessa su quel fiume in piena e poi narrare una storia che in quanto storia è frutto solo di fantasia, forse un po’ surreale, come sembravano essere quelle figure nere che abbiamo visto. Incutevano una certa soggezione ma più che paura si trattava di un senso di incredulità, di figure appunto surreali, da un altro mondo. Ai pochi che abbiamo visto gli abbiamo gridato inutilmente dietro. Io è pochi altri li abbiamo anche apostrofati in malo modo. Non hanno fatto caso a noi. Avevano qualcosa di più importante da fare: andare alla loro guerra che era solo loro. Mi spiace perché sarà solo quella e poche l’altre l’immagine che resterà di questa grande protesta mondiale.

Noi, io e Lei alla manifestazioneOra proviamo ad analizzare da chi era composta quella manifestazione. Chi va in piazza e in quella piazza, come me, non ci arriva mai? La manifestazione è indetta, in modo spontaneo (spontaneo?), in varie parti del mondo dal movimento 15-M più conosciuto come “indignados”, fin qui è aria fritta. Un movimento apartitico; circa 900 (novecento) piazze nel mondo scendono a protestare. Si vede dal mattino che l’utopia di mettere insieme, sugli stessi obiettivi, un popolo che va dall’estrema sinistra “disubbidiente” all’estrema destra “eversiva” è appunto solo utopia. Nessuna bandiera, s’era detto, si intendeva nessun simbolo di partito. Io Comunista ero stato un po’ emarginato pur non avendo tessere o referenti in una sinistra che mi riempie di perplessità; nella quale stento a vedere un progetto. Di bandiere e simboli di partito è piena la piazza fin dal primo mattino. Una manifestazione senza quella sinistra non è realtà nel nostro paese e di questo ero orgoglioso seppure io rappresentavo un’istanza particolare. Comunque la parola d’ordine era in estrema sintesi “Noi il debito non lo paghiamo”. Uno slogan in sé sovversivo che potrebbe scardinare (finalmente) dalle basi questa società “borghese”. Una parola d’ordine per “abbattere” lo “sfruttamento dell’uomo sull’uomo” di questo “capitalismo” e della “finanza”. Il resto è contorno. Mi chiedevo è mi chiedo se su questo, che credo si incarni nel tessuto stesso di qualsiasi elaborazione marxiana, la sinistra sia in grado di elaborare risposte, di prospettare un futuro, di incarnare un progetto; questa sinistra confusa e nebulizzata. Qui finisce la mia premessa con l’ultima mia considerazione più volte ripetuta in rete: “Ecco il coraggio e la lotta in cui credo. Ci vogliono più coglioni a fare da scudo umano che a sfasciare mille vetrine”.

Immagine di Vittorio ArrigoniOra la storia e scusate se non è una storia molto originale. Questo è solo un racconto di pura fantasia. Personaggi e altro sono solo frutto di una mente malata che si lascia all’immaginazione. Da giorni c’è un via vai strano per la città, un indaffararsi che passa quasi completamente inosservato. C’è tensione ma nessuno può né vuole crederci. La paura non può fermare la manifestazione. Il meccanismo è già in moto, entrambi i meccanismi. E’ mattino presto ma non prestissimo. Un capitano vicino alla pantera parla con alcuni individui. A vederli sono inquietanti, sanno di quelli che chiamano “black blocs”, eppure sono tranquilli, intenti nel loro chiacchiericcio. Non puoi covare sospetti, sono così disinvolti, quasi normali. Non si può tramare gli ultimi dettagli così alla luce del sole. C’è il teorema Kossiga a fungere da vademecum; credo sia inutile ripeterlo per l’ennesima volta. Sono storie di un’altra Italia e quando sono vere il gioco si fa pesante, si mette in gioco la vita. Sono storie di un Italia dove c’erano parti dello stato “deviate”, golpiste. Sono uno stupido sessantottino. E la marea parte e non parte perché siamo in troppi e i più sono ancora in Piazza della Repubblica. Da un furgone scendono quegli individui ed altri. Alcuni sono poliziotti in borghese ma stranamente sembrano i cattivi della nostra storia. Da un’altra parte sbucano quelli, i cattivi veri, un misto di ultras della curva e di fascisti che sono usciti da Casa Pound, che poi un po’ sono la stessa cosa e comunque non si può notare la differenza. Si muovono sicuri, sono addestrati, si vede. Sanno che troveranno ragazzi, la maggior parte molto giovani, con in corpo un carico di adrenalina senza controllo facile da far infiammare. Raccolgono il loro armamentario che avevano in precedenza preparato e nascosto e precedono il corteo. Solo una piccola parte cerca di entrarci da uno slargo. Sistematicamente iniziano la distruzione di qualsiasi cosa si trovano davanti, non si danno nemmeno cura di accanirsi su quelli che si potrebbero definire simboli di opulenza o almeno obiettivi simbolici. Spargono la voce che ci sono disordini, che la polizia carica. Lontano si comincia a vedere una grande e alta colonna di fumo. Le prime auto sfasciate e quelle incendiate. Si trascinano dietro questo seguito di giovani che sognano l’avventura e la grande lotta. Si muovono verso la testa del corteo per invitare i manifestanti ad unirsi a loro. Il corteo li respinge coraggiosamente quanto decisamente, li sfida e li apostrofa pesantemente. Li riconosce, cioè li riconosce nell’ideale che incarnano: gli grida fascisti. La piccola parte infiltrata esce dal corteo senza averne mai fatto parte, cacciati dallo stesso corteo. Stampa e televisioni sono già state invitate alla festa, a quella della distruzione indiscriminata. Uno di loro si stacca dal branco e si accanisce contro gli arredi di una chiesa. La polizia lascia un furgone al centro della piazza, aperto, e loro gli danno fuoco, fa parte dall’inizio della sceneggiatura. Gli strani individui che sono apparsi all’inizio di questa storia tranquillamente se ne vanno. Alcuni si permettono di salutare romanamente ormai paghi del lavoro e certi dei risultati. Lasciano nella piazza quei ragazzi che si son riusciti a trascinare dietro e che credono che quella sia la rivoluzione. Lì lasciano in preda alle forze dell’ordine (ordine o disordine?) disorganizzate, in preda alla paura, impreparate. Scoppia la battaglia delle vittime. Il capitano è davanti alla televisione e sogghigna soddisfatto: le immagini son quelle di una battaglia. Nessuno bada più alle tante centinaia di migliaia di persone che hanno cercato qui, come in quasi tutto il mondo, di cambiare la storia e la società. Silvano è tutto orgoglioso dice che gli ha gridato che gli avrebbe spaccato il culo e che questa volta gliele hanno date. Umberto ha due costole incrinate e un occhio nero e gonfio e tornando a casa circospetto improvvisamente si sente defraudato. Uno stormo di trolls si accanisce in rete intorno a quelli che erano stati nei giorni precedenti i luoghi di organizzazione della protesta. Intanto una voce fuori campo invita alla delazione. Partono i titoli di coda. Propongo di farli accompagnare dall’Internazionale e di aggiungere alla fine: ORA E SEMPRE RESISTENZA.

Un aspetto della manifestazione: il camion rosso.

Read Full Post »

Alcuni giorni fa Galatea (ancora Lei) disegnava uno splendido post. Ancora una volta una storia famigliare, di vita quotidiana, di vissuto. Il tema era l’intolleranza. Se vogliamo chiamarlo per nome è razzismo, xenofobia.
Ne è seguita una sorta di rivolta incredula. La domanda più frequente era se quello era il resoconto di un fatto o semplicemente il parto della sua fantasia. Infondo il protagonista, Paolino, mostrava semplicemente odio verso il diverso, nello specifico l’extracomunitario. Nemmeno il clandestino, nemmeno l’immigrato ma proprio lo straniero in quanto tale; il diverso. Infondo il protagonista, Paolino, mostrava ancor più semplicemente una totale mancanza di pietà, anche di quella che viene chiamata pietà cristiana. Eppure di cose simili parlano tutti i giorni i nostri giornali di carta o la rete, le televisioni, le radio e persino i discorsi a tavola; proprio come il protagonista del post. Ma forse riusciamo a vedere la degradazione nell’altro ma mai in noi; come in una sorta di autotutela. Oggi chi vuol attaccare, ad esempio, il rom, prima di iniziare a discorrere premette sempre e noiosamente: “Io non sono razzista ma“…
Le cattive compagnie sono sempre gli altri. La cattiva coscienza alberga sempre nell’altro. Ma c’è uno strano cambiamento nell’uomo che ti guarda o che ti legge. Oggi, chi come lei grida, con forza, E adesso mi sono rotta, viene visto con sospetto. Lo stesso sospetto che riscontro ogni giorno, a voce, nei miei incontri di bar o per la strada o ovunque. Anche il lettore attento legge e prima di tutto si chiede “per chi suona la campana”? Da che parte sta la voce parlante cioè se è di destra o di sinistra (per usare una vecchia terminologia utile qui solo per permetterci di comunicare).
Allora “l’incredulo di sinistra” mostra la propria solidarietà per un imbarbarimento della società a “Governo di Destra”.
Allora “l’incredulo di destra” attacca per il buonismo e una deriva che porterebbe chissà a quali sventure; ma lui le prevede tutte. Una risposta che può essere un saggio di questo atteggiamento ha un passaggio come questo, in prospettiva di un governo diverso dal presente: “l’Europa aprirà le Alpi come una cerniera lampo e noi andremo alla deriva verso la Libia“.
Ora, in un paese normale, in un paese che non esiste, la destra dovrebbe fare la destra e la sinistra la sinistra. Se non vogliamo usare questi termini obsoleti: per essere un paese normale, normalizzato, un paese con un futuro, dovremmo dire che in politica ci sarebbe bisogno di una forza seria conservatrice e di una altrettanto seria e responsabile progressista o riformatrice. Chi si da il fastidio di leggere scelga se vuole altri termini per identificare i soggetti politici. Non ho che questi termini approssimativi, per il momento, a mia disposizione, nel tentativo di essere chiaro. Le ideologie sono morte e noi usiamo ancora il loro linguaggio. Dice un proverbio, almeno dalle mie parti, che chi semina pioggia raccoglierà tempesta. Certo i tempi sono duri, duri e amari, e forse a chiamarli duri è anche poco.
Io mi sono sempre occupato di capire dove sbaglia la mia parte. Non ho mai creduto di avere il diritto, ne la qualità, per guardare al di là della “linea d’ombra”. Ora guardiamo invece, per un attimo, con sospetto, cosa un italiano, di qualunque credo politico, si dovrebbe aspettare da una “destra”. La difesa della magistratura, così come la certezza della pena e un certo tipo di politica della sicurezza, in quel paese normale che non esiste, sarebbero temi di bandiera di quella destra moderna e responsabile. Un serio intervento per la regolamentazione del mercato e per una dinamica ripresa dell’economia anche è tema che dovrebbe appartenere soprattutto a destra; non viviamo forse, usando sempre un termine usurato, in un paese a sistema capitalistico?
Vorrei, a questo punto, ritornare solo su due cose. Una delle priorità di questo paese sono realmente le frequenze televisive, ancora una volta, cioè la possibilità dello stesso presidente di poter usufruire di quelle frequenze? Tralasciando il leggero conflitto di interessi e lo scontro con una normativa europea decisamente vetero-comunista, credo di no e se il problema è posto così, in questi semplici termini, pare quasi un problema di libertà. In realtà stiamo tenendo fuori la parte più importante del problema: il cavaliere, già psiconano o cainano, sta utilizzando, in deroga, tali frequenze che spettano di diritto ad altro soggetto economico ed imprenditoriale (Europa7). Lui non difende un diritto, il suo diritto è quello di trasmettere, per quel canale (Rete4), attraverso il satellite. In realtà lui nega il diritto ad un altro (non ad un fazioso comunista o ad un rom ma alla stessa Europa7).
Parliamo di sicurezza. Per anni si è lasciata voce, su tale tema, solo ed unicamente alla lega. Tralasciamo per un attimo le gravi responsabilità della “sinistra”. All’inizio la voce della lega sembrava procedere per slogans, per paradossi, e non è stato dato il giusto valore al significato di quelle parole. Improvvisamente tutti hanno rincorso la lega lasciando spazio a un deriva di destra estrema. Di destra estrema, non di destra moderna, responsabile e civile, magari anche populista.
Con questo non si vuole assolutamente sostenere che il problema delle migrazioni non esiste. Il risultato è quello che abbiamo davanti agli occhi. L’odio ora per il rom, ora quello indiscriminato per l’extracomunitario, ora quello altrettanto indiscriminato per il romeno che non vogliamo capire che invece è comunitario al pari nostro. Non possiamo meravigliarci, a questo punto, se i nostri figli, così come i padri di quei figli, hanno reazioni razziste. Infondo sono quindici anni che non diciamo che si deve combattere la illegalità ma solo che bisogna combattere quei “loro”. Non importa se delinquono, li dobbiamo combattere a prescindere, per mille motivi che sarebbe troppo lungo elencare e occuperebbero troppo spazio che già troppo ne abbiamo usato.
Ora, con fare da verginelle, ci si sorprende se un personaggio (più o meno di fantasia, poco conta), Paolino, figlio nostro, figlio di amici, un ragazzo insomma, li vuole sputare. La realtà è diversa, certamente. Deve essere certamente migliore. A Napoli si brucia un campo rom; già ma quelli sono zingari e i bambini di Ponticelli hanno già capito che la parte giusta è quella del fuoco. A Milano gli si da la caccia per gli autobus, li si bracca come in una qualsiasi retata, ma certamente quelli sono clandestini (attenzione a non lasciare il biglietto a casa). A Roma si spaccano le vetrine (la storia ricorda fatti simili e lo fa con vergogna) e le teste, a bastonate, ma sono comunque extracomunitari, anche se regolari. E poi chi spacca le cose ha tatuato il che, che diamine; è squadrismo si, ma di sinistra, anzi è un fatto personale. A Verona si uccide uno a botte semplicemente per una sigaretta o perché aveva il codino, e quello è italiano, un concittadino, uno come noi. Ma anche questo e squadrismo si, ma mica politico, è solo figlio della stupidità. Dove possiamo poi trovare tanta meraviglia se un nostro figlio, Paolino, li vuole solo sputare?
Paolino infondo è un “gentile”. Strano, e pensare che sono loro, certo quelli che non delinquono di loro, che tengono ancora in piedi gran parte della nostra economia. Strano perché sono sempre loro, certo quelli di loro che non delinquono e che lavorano, non in nero, che dovrebbero pagare in futuro le nostre pensioni. Speriamo non se la prendano troppo perché altrimenti temo una grande miseria per il nostro futuro; per le nostre vecchiaie.

Quello che segue è un canto di deportati in un lager. La versione che preferisco è quella di cui è riportato il testo, che possedevo solo in vinile ed è rimasta nel mio passato; così purtroppo non posso farla suonare in questo blog[1]:


[1] Dopo aver postato ho trovato una copia del canto con il testo che riporto. Conto di metterlo alla prossima occasione.

[Audio “http://se.mario2.googlepages.com/Cantodeideportati.mp3”%5D

CANTO DEI DEPORTATI

Fosco è il cielo sul liv[id]ore
di paludi senza fin
tutto intorno è già morto o muore
per dar vita agli aguzzin.

Sul suolo desolato
con ritmo disperato, zappiam!

Una rete spinosa serra
il deserto in cui moriam
non un fiore su questa terra,
non un trillo in ciel udiam!

Sul suolo desolato
con ritmo disperato, zappiam!

Suon di passi, di spari e schianti,
sentinelle notte e dì;
colpi, grida, lamenti e pianti
e la forca a chi fuggì.

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: