Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Tantalo’

fulmineDoveva essere un po’ confuso, se ricordava bene era il giorno in cui aveva creato il vino. Naturalmente lei, sempre lei, diceva che a inventarlo era stato Noè. Quel casinista di Noè che a fare una cosa aveva fatto tutto quel casino e aveva incasinato tutto. Si chiese se poteva usare la parola casino o se non era un termine inopportuno. Tornò subito alle sue alte riflessioni. Che poi lei, sempre lei, parlava perché aveva la bocca, e la lasciava andare. Che centrava Noè? Era già prima, nemmeno aveva i calzoni corti il suo Noè. Quello gli aveva detto: fai piovere un po’ ma un bel po’ che vedrai che ti combino. L’aveva visto. Uomo era. Vatti a fidare degli uomini. Insomma era dal tempo del tempo. Gli uomini, che hanno questo affannoso bisogno di contare, una vera e propria mania, perché poi cominciassero da quello mica lo aveva ancora capito? Per andare poi avanti e indietro. Insomma quelle stupide creature degli uomini lo sapevano anche loro che i primi ubriachi gironzolavano per le vie di Hajji Firuz Tepe quando era ancora quello che loro chiamavano neolitico, cioè dall’età della pietra. E poi chi l’aveva creata l’uva? E allora era come se avesse creato direttamente il vino; o no? Insomma quel giorno. Si era allontanato per fare i suoi bisogni. Non si pensi a cose materiali. Lui era Dio o no? I suoi erano naturalmente bisogni spirituali. Doveva riflettere. Insomma starsene un po’ in disparte, lontano da lei e dalle sue ciance. Un po’ traballante lo era. Era molto più giovane allora. Non che fosse vecchio ma erano ben passati un bel po’ di millenni e non aveva allora tutti i pensieri che si ritrovava ad avere. Allora non aveva ancora creato nemmeno la scrittura, si poteva raccontare quello che si voleva, non che sia cambiato poi molto, e si sentiva più arzillo. Doveva essere all’incirca il periodo in cui aveva sistemato quel maledetto cornuto di diffamatore, ma non ne era certo. La memoria a volte fa brutto scherzi. Quello, se era possibile, era quasi peggio di Lei. Ma stava bene nelle sue labbra la parola “cornuto”; era educata? Non si capacitava per tutti quei dubbi. A volte è complicato essere Dio che quello comunque le corna ce le aveva per davvero. Insomma anche quello era sistemato. Allora perché darsi tante pene? Perché anche avesse voluto non pensarci glielo ricordavano continuamente. L’avevano messo anche per scritto come nel codice alessandrino. Doveva farlo senza dita, l’uomo. Che si mettessero d’accordo anche quelli perché a Lui sentirsi chiamare Signore degli eserciti, Lui che era contro la guerra, e contro tutte le cose inutili e stupide, non è che gli andasse a genio. Anzi non gli garbava per nulla. Certo che nemmeno asserire che Lui aveva creato tutto quello dal nulla solo per bontà originaria gli sfagiolava; buono si ma fesso no.
Nessuno l’avrebbe mai convinto che ci si fosse messa anche quella Niobe, superba come non se n’erano mai viste; e pure suo padre Tantalo (bella famiglia la sua, non ci si capiva un accidente), e tutti quelli come loro. Quando piangevano loro parevano veramente aprirsi le cataratte del cielo. Le loro lacrime scorrevano come torrenti. Insomma gli restava il sospetto che quelli centrassero e non poco. Comunque, insomma non voleva campare scuse ma non era proprio del tutto in forma quel giorno, che se avesse riposato il sabato anziché la domenica non si sarebbe trovato in tutti quei pasticci. In fondo non aveva chiesto poi molto. Si fosse fatto un cornetto con cappuccino, come tutti, invece di fregarsi proprio quella mela, l’ultima rimasta, lasciando spoglio il melo, e non solo quello, tutto sarebbe andato meglio e tutti sarebbero andati d’amore e d’accordo. E’ inutile che Lei continuasse a dire che se l’era presa troppo. Il troppo lo decideva Lui. Non è mai troppo quando si tratta di principi. Solo che mica l’avrebbe immaginato che sarebbe finita così. E di lì sempre peggio. Dalla scoperta della ruota a quella della ruota del lotto gli sembrava che tutto fosse andato a precipizio, a catafascio.

Annunci

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: