Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘malizia’

16fd68e1cc1b848bd17297130ae08541Questo mondo banale ruota intorno a momenti e gesti banali in cui le persone si mostrano e si nascondono. Niente e diverso come nulla è normale. Tutti come intorno ad un tavolo a recitare la propria parte. Nuotando nel tentativo di non affogare nel niente. E i giornali non dicono quello che succede per non disturbare la digestione di chi ha ancora qualcosa da mangiare. E allora, se non lo dicono loro, i giornali, le televisioni, non succede niente. Non c’è nessuna guerra, nessuna epidemia, nessuna carestia. La crisi non esiste. C’è solo la stessa politica di sempre. L’uomo col sorriso che si mangia il gelato. Il prossimo film all’ennesimo festival. Il varietà del sabato. Il pomeriggio dalla parrucchiera, con la tinta e la messa in piega. Il gioco del lotto. L’ultimo sogno.
Lui non era così. Aveva risparmiato sui regali mandando un bigliettino e con quei soldi aveva provveduto ad una adozione a distanza. Lui era uno che si informava anche se l’informazione gli dava dolore. Non era tipo da nascondere la faccia sotto la sabbia. Ed era tipo da tornare sulle cose, da interrogarsi, da tenersi un dubbio e frugare in cerca di una risposta. Per lui era una consuetudine di lasciar passare almeno qualche giorno prima di tornare su di un fatto che lo avesse colpito particolarmente, anche questa volta è stato per questo. Il mondo stava esplodendo e nessuno sembrava rendersene conto. Se sfuggiva qualcosa al muto sopore allora era cosa che non riguardava solo gli altri. È stato per quel bisogno di metabolizzare le cose, di capire, anche se non sempre ci riusciva, che non ne aveva parlato prima. Sono le cose insolite quelle che ti lasciano maggiormente in preda dei dubbi, e quella, insolita, lo era per davvero.
Così lo aveva voluto un Natale diverso. Con i pacchetti ma con piccole cose dentro. Probabilmente lei non ne aveva saputo niente. Non era tra gli invitati. Non poteva dirsi era nemmeno tra gli amici. Era venuta con Bruno. Da quando si era separato l’amico arrivava sempre con una compagna nuova. A volte belle o carine come lei, a volte meno belle e persino talvolta volgari. Era convinto che rimorchiasse quello che capitava. Solitamente all’ultimo minuto. Non riusciva a tenersene una. Si stava anche un po’ lasciando andare. E lui aveva avuto bisogno di fare non poca fatica, ma in un tempo relativamente breve, per riconoscerla. Forse perché non era facile scordare una come lei, e non se l’era scordata. Anche se non era certo che il nome che credeva di ricordare fosse proprio il suo: Alberta. Così mentre tutti erano di là, e se ne sentivano le grida e il baccano, lui l’aveva ritrovata sotto l’albero: “Lui, cioè Bruno, è solo un amico, mi ha detto che lei, cioè te, si occupa di volontariato. Che è un uomo che legge e si informa. Che fa tante cose. Ho sempre avuto rispetto per le persone colte”.
Gli sembrava così giovane e solare. Intanto lei continuava a tenere il gatto sulle ginocchia e ad accarezzarlo. Solitamente quell’animale, che per la verità era femmina e sterilizzata, era un po’ scontroso, ma con lei se ne stava buono e la lasciava fare. Certo quella ragazza, che forse si chiamava Alberta, aveva gambe lunghe; e tacchi alti. E occhi che si scioglievano in quel sorriso. E tante domande e tante curiosità dipinte in viso: “Credo che sei stata informata male. Che almeno chi te l’ha detto sia stato un po’ troppo generoso. Non faccio nulla di speciale”.
Quell’anno praticamente l’estate non c’era stato, e l’inverno era arrivato pieno di interrogativi, nessuno avrebbe saputo dire se sarebbe continuato mite o rabbioso e rigido. Se i ghiacciai continuavano a sciogliersi e se il globo avrebbe continuato inesorabilmente a desertificarsi in fretta. Era passato anche l’ultimo appuntamento per avere rimorsi. Era arrivata con una pelliccia ecologica dal pelo lungo. Anche quella aveva fatto buona impressione ai suoi occhi. Ora, al caldo della casa, non faceva strano vederla con quel vestiario. A lui piaceva il suo abbigliamento informale, quella camicetta dorata senza maniche e un po’ scollata e quella gonna corta in jeans.
Non aveva bisogno certamente di molto trucco per essere bella. Le bastava sorridere: “E apprezzo ancora di più la modestia. Eppure lei potrebbe vivere bene. Non è certo quello che le manca. Ma lei… scusa posso darti del tu? con il lei finisco per inciampare e faccio spesso delle figure, dicevo, fammi capire, ma tu sei proprio tu, cioè quello che nascondeva la faccia sotto quella orribile sciarpa vinaccia? Scusa, ma te lo dovevo proprio chiedere. Un regalo? Ti sta proprio bene, cioè questa, cioè ti faceva proprio un cattivo servizio, l’altra, perché, adesso che ti posso vedere debbo dire che non sei proprio male. Era ora che te la togliessi. Quella di prima, intendo”.
Non capiva se era proprio un complimento e in parte doveva esserlo. Ricordava anche lui quella sciarpa, l’aveva portata tanto, per anni. Con quella si sentiva un po’ artista, ma non ricordava quando lei potesse averlo visto con quella addosso. Si era perso e disorientato a metà per il numero e la velocità in cui si era sentito versare addosso quel commento. Ma anche per la sua congenita mania di ragionare sopra ogni cosa, anche sulle quisquiglie. A volte avrebbe voluto essere più disinteressato, meno pignolo. Aveva molte domande che avrebbe voluto farle, ma, intanto che se le rigirava in testa, passava l’attimo e non sarebbe stato né gentile né rispettoso. C’era in quella giovane donna qualcosa di magnetico: “Di là, senti come si divertono. Sei sicura di volertene restare qui, da sola”?
Non riusciva a capire perché nella sua voce fosse entrato quel tono di rammarico: “M’è capitato tra le mani un libro bellissimo. Vetro di un tale Giuseppe Furno. L’hai letto? Dovresti. Parla di Venezia. Credo sia il primo che ha scritto. Venezia resta sempre una città incantevole. E la sua scrittura l’ho trovata affascinante e avvincente. Esattamente in vibrazione con l’ingranaggio. Forse non mi spiego bene. Perché te lo dico? Ecco, quello sarebbe stato un regalo appropriato per un tipo come te. Invece”…
Scusami Irene. Va tutto bene. Sono contento che sei venuta. Che ci siamo ritrovati”.
Agnese. Come quella che va a morire. Non fa niente. Non ti devi scusare. Un nome è solo un nome. Non potevo pretendere. Ero solo una ragazzina. Non mi hai regalato nemmeno uno sguardo. Comunque bella storia quella. Quella di quella Agnese, non la mia. Lei sì che era una donna. Una donna e importante. Credo che il babbo mi abbia chiamata così per quello. Mamma ha fatto le bizze ma lui non ha ceduto. Per lui la Resistenza era un vero valore. Loro andavano con le tette fuori, non certo mamma. Bei tempi. Io non avrei avuto molto da mostrare; a quell’età. Per quello nemmeno oggi. Non prendermi per svergognata. Basterebbe ascoltare per udire l’urlo delle bombe. Dove c’erano case non sono rimaste che rovine. Viviamo come nel ventre di una balena. Vorrei poter fare qualcosa, ma non sono brava come te. Comunque… Torniamo a noi. Non è una sciarpa che fa un artista. Non mi piaceva nemmeno molto la gente che allora frequentavi. Che ti stava intorno. Un giorno credo di averti fermato e di avertelo detto. O forse volevo farlo. Ma non credo di averlo fatto. O forse? Ma tu non hai capito. Forse per loro eri importante, ma erano una banda di sfigati. Non so cosa ci trovassi? Uno rischia di perdersi. Parla di mare e di avventure, il libro. Non lasciartelo scappare. Poi mi dici. Ora studio lingue orientali: il cinese. Ma non ti voglio annoiare. Non sono certo un tipo interessante; io. Possiamo restare qui ancora un po’? Non mi piace la confusione. Ora che ti ho ritrovato voglio conoscerti. Credevo non ti ricordassi di me. Allora stavo con Claudio e scopavo con Francesco. Non so perché ti dico queste cose. È passato così tanto tempo. È finita con uno e non mi importava abbastanza dell’altro. Sai perché te l’ho detto? Quando l’ho saputo era ormai troppo tardi. Lui non mi dice mai le cose per tempo. Ora mi sento ancora imbarazzata. È tuo il gatto? Così non ho fatto proprio a tempo. E sono arrivata senza nemmeno un regalo. Nemmeno piccolo. Spero che mi potrai scusare. Solitamente non sono così sbadata. Non è colpa mia”.
Avevo pregato tutti di non sprecare i soldi, di non buttarli. Di usarli in un modo migliore”.
Tutti vorrebbero un microfono. Anche quelli che non hanno nulla da dire. Anche i muti. E poi fanno la benzina ecologica col pane di interi popoli. Nell’altra mano aveva l’ulivo. Nell’altra mano aveva il kalashnikov; un AK-47. Non ne fanno più uomini così. Scusa. Vorrei che i miei soldi non andassero persi per strada. Che raggiungessero una di quelle scuole. Quelle fatte di sabbia, sogni e fantasia. Non sono insensibile come sembro. Non è la faccia che fa la donna. Nemmeno tu potevi essere quello che sembravi. Oppure a Emergency. Che ne pensi? Forse ti faccio anche troppe domande. E tutte assieme. È troppo facile stare dalla parte dei più forti. Troppo comodo. Non so se mi andrebbe una bibita. Non ti disturbare. Non sono sempre così loquace. È che va così. È che… lasciamo stare. Vorrei una figlia di nome Leila. Non mi fraintendere. Per favore. Ho il terrore che tu interpreti male ogni parola. Come in un esame. Ogni cosa a suo tempo. Non sono pronta. Piuttosto mi faccio monaca. Posso farti una confidenza: degli uomini mi piace il culo. Sì! glielo guardo. Tu… Scusa non mi dovevo… Il culo e gli occhi. Ti sto annoiando? Io adoro Chagall. Non chiedermi perché. E la Canterbury scene. Credo si dica così. Correggimi se sbaglio. E stendermi a prendere il sole nuda, dove nessuno mi può vedere. Ora che posso. Magari in riva al mare. Al mare trasparente. Tra gli scogli. E ascoltarne il respiro. Sai perché te l’ho detto? La storia con Claudio e Francesco. Lo so che non è importante. Cose da ragazzi. Lo sei stato anche tu. E poi, come ho detto, è finita subito. Ecco. È che mi sono ricordata di quella sciarpa. Del suo colore orribile. Per me è sempre stato un mistero. Non sapevo cosa pensare. Nemmeno se eri bello o interessante. Insomma… son cose che si pensano. Non riuscivo a farmi un’idea. Ci credi? E questo mi è rimasto in testa. Certo non pensavo di ritrovarti. È stata una sorpresa. Non ho collegato il nome quando… Dirai che sarebbe stato facile. Mi sarebbe sembrato inopportuno. Avevo trovato anche il tuo numero. Già! penserai che sono proprio una stupida. E io pensavo fosse solo un capriccio. Quasi volevo rinunciare. A venire, intendo. Però vedo che di pacchetti ne hai abbastanza. Poi ci ho pensato un po’ su. Anche se io non credo al natale e a tutte queste feste; soprattutto ai santi. Sono un po’ agnostica e un po’ atea. Qualcuno pensa che se una è carina non avrebbe bisogno di usare il cervello. Così ho pensato che proprio senza niente non potevo venire. Così ho pensato di regalarti qualcosa di personale: le… le mutandine. Certo, se non ti dispiace. Avrei voluto metterle in una carta dorata. Portarle con un bel fiocco blu. Non c’è stato tempo proprio per niente. Le ho portate addosso. Le ho messe pulite. Tanto ho i collant. È per le gonne. Non che siano troppe corte, ma preferisco sentirmi sicura. Solo che… solo che le ho messe sotto. Mi devo spogliare tutta. C’è un posto dove ti posso regalare il mio regalo”?
Se vuoi saliamo un attimo”.
Anche due”.

Annunci

Read Full Post »

Game overAvevo suonato sperando di non trovarci nessuno. Sapevo che era una speranza vana. Era durata meno di un minuto. Poi si era presentata alla porta la signora; sua madre. Sono rimasto forse troppo a lungo a guardarla, in silenzio. Alla fine, dall’alto della sua altezza, la donna mi aveva chiesto gentilmente: “Prego? Posso fare qualcosa per te”? Era una bella signora. Con un leggero trucco e i capelli in ordine. Con una vestaglia a piccoli rombi e le ciabatte di panno a fiorellini. Non si aspettava visite. E continuava ad attendere la mia voce. “Veramente… mia ha detto la professoressa… Sono venuto a portarle la lezione”. Lei rise del mio imbarazzo e, senza volersi prendere gioco di me, mi fece segno di entrare: “A me? O vuoi dire alla mia cara piccolina. A Psiche”? Avrei voluto sprofondare: “Sì! A sua figlia”. È stata la madre a accompagnarmi, attraverso il corridoio, fino alla sua tana. Al suo rifugio. Alla sua stanza. Ero così confuso che non sono sicuro che sia stata proprio lei. “Guarda chi c’è. È tanto gentile. Ti ha portato i compiti”. Non era così contenta di vedermi. Neanche un po’ di gratitudine. Se fosse stato per l’espressione della sua faccia avrei detto che le stavo recando un fastidio.
Psiche si è tolta sbuffando gli auricolari dalle orecchie e ha spento l’iPod nano. Una stanzina piccola a bene illuminata. Mi sono ricordato solo in quel momento che mi ero scordato di presentarmi. La cameretta aveva dentro le sue cose. Era personalizzata principalmente dai suoi amori nei post alle pareti che si sovrapponevano. Due manifesti di serie televisive che non conosco. Una famelica Kristin Bauer da cui avrei voluto farmi succhiare e vampirizzare anch’io. Una riproduzione gigante di una copertina di Super teen. Un sacco di facce che ci sorridevano di attori giovanissimi, e tra loro un giovanissimo Brad Pitt. Uno dei vecchi Metallica e un altro di un complesso metallaro probabilmente nuovo che non poteva suonare una musica tanto violenta quanto l’immagine che li propagandava. Il biglietto di un concerto. Non c’era un angolo di parete libero.
Una libreria con qualche libro, soprattutto di testi scolastici. E poi riviste di vario tipo e una combriccola di barbie. Un paio in sedute e le altre ritte in piedi. Come lei ha visto che le avevo notate si è precipitata a spiegarmi che sono lì da sempre, ma non ci gioca più da una vita. Un paio erano rimaste senza più vestiti. Su un altro ripiano una tigre di peluche. Un piccolo armadio basso, ai piedi di un piccolo letto, una piccola scrivania, un magnifico computer completavano l’arredamento della stanza. Mi ha lasciato che guardassi con calma, aspettandomi. Non restava molto pavimento libero. E a fianco al letto c’erano le sue scarpe da ginnastica. Sopra una sua tuta di pile. Un consueto disordine da stanza da ragazzi. Però lei aveva quella stanza tutta per sé.
Ho appoggiato lo zaino per terra, davanti all’armadio. Non proprio a mio agio. Non ci eravamo nemmeno mai parlati. Avevo sempre parlato poco con le ragazze della mia classe. Lo stretto necessario. Con lei nemmeno quello. E non ce n’era stato bisogno. Mi chiedevo ancora perché quel compito ingrato era toccato proprio a me. Appena soli abbiamo provato a studiare. Mi sono subito reso conto che quell’impegno non aveva futuro. Cioè non riuscivamo ad impegnarci abbastanza. Anzi nemmeno un poco. Lei era distratta. Per me era semplicemente una palla. Ne avevo sentito parlare fin troppo già quel mattino. Ero stato meno che attento. Poi lei accese il computer. Senza alcun motivo. Si limitò a lasciare scorrere uno screen-saver dove passeggiavano dinosauri tanto reali che sembrava di poterli toccare. Ne ero naturalmente affascinato, da quei bestioni.
Mi chiese distrattamente che ne pensavo dei suoi capelli viola. Della sua amica Giorella. Del tatuaggio che aveva sotto l’ombelico e del piercing. Non mi chiese di tutti gli orecchini che le massacravano l’orecchio dentro. Il tatuaggio non l’avevo ancora visto. Era una rosa con il gambo che finiva dentro i jeans. Dove non si poteva vedere. In verità non mi sembrava particolarmente interessata alle mie opinioni. Poi mi domandò cosa sapevo di computer. Temeva di aver preso un virus. La cosa sembrava interessarla di più, ma la delusi. A fatica cominciammo a parlare, e a poco a poco le parole divennero più facili. “Ci sei in Twitter”? Non ne capivo molto: “Ci vado poco”. “Allora sei uno stronzo”. Cosa avevo fatto? “Perché”? “Non mi hai messo tra i tuoi followers”. “Ho solo pochi amici”. “Provvedo io. Nick”? “Come”? “Ci fai? Che username usi. Stupido” “Il mio”. “Vuoi dire nome e cognome”? “”! “Ma sei fuori”? “Preferisco Facebook”. “Io sono SuperChicca. Forse è per quello… se mi avessi cercata, probabilmente non mi avresti trovata. L’hai fatto”? Intanto traffica sul cellulare. Alza gli occhi soddisfatta. A quel punto fa uno squillo anche il mio. Lei dice: “Fatto!” ma non so cosa.
Mi sorride compiaciuta: “Quanti ne hai”? “Di cosa”? “Di followers. E di cosa, sciocco”? “Pochi”. “Anch’io. Solo gli stretti amici. Credo quattrocento e settantatré. Ora, scusa, e settantaquattro”. “Io lo uso soprattutto per giocare. Ma mia madre mi controlla. Non vuole che stia troppo davanti. Troppo in rete. Si preoccupa per i miei occhi. E non vuole che mi rubi troppo tempo allo studio”. “Le madri sono tutte uguali. Non sanno far altre che fare le madri. E rompere. E a cosa giochi”? “Mah!!! Soprattutto con sparatutto. Non so se sai”. “Mi fai vedere”? Faccio partire Doom in modalità Arcade. Il gioco fila sciolto che è una meraviglia, per andare su pc. Deve possedere una super scheda. Vorrei chiederglielo, preferisco non essere curioso. E preferisco giocare. Lei mi si appiccica addosso alla spalla per vedere. Resterei a giocare sul suo finché non mi cacciano. Invece… forse non sono abbastanza attento. Distratto da lei e dai suoi commenti. Il primo incontro è brutto, cattivo e… armato fino ai denti. Una sorta di diavolo torreggiante con un ghigno malefico, una cassa toracica più larga dell’armadio di mamma a quattro ante, e una sputasentenze con cinque bocche da fuoco che non tacciono mai. Ci lascio subito la pelle. Game over.
Suona un’orazione funebre. La guardo, mi guarda. La guardo disingannato. Mi guarda e attacca a ridere. “Sei proprio imbranato”. Ci è scoppiata una grande, irrefrenabile, ridarella. “Sei proprio una ragazzina. Sfacciata. Sfacciata e smorfiosa. È tutta colpa tua”. “E tu un pisciasotto”. “E tu una puttanella”. “Ripetilo se hai coraggio”. Ci siamo messi a lottare. “Puttanella”. “Stupido”. Siamo precipitati sul letto. Credo che abbia cominciato lei. A spingermi per prima. Ma forse sono stato a farlo. Non ha nessuna importanza. Lei soffriva il solletico. Mi diceva “Stupido.” E “Smettila stupido”. E io che le solleticavo i fianchi. E lei che rideva come una pazza. E sgusciava come un’anguilla. Cercando di sottrarsi ai miei attacchi. E io non sono da meno, il solletico lo soffro anch’io. E non riuscivo a stare fermo. Provavo stoicamente a resistere. Con l’unico risultato che mi dimenavo come un forsennato. Ma non dicevo niente. Mi sembrava bello. Si era insinuato tra noi una sorta di cameratismo. La rovesciavo e poi me la ritrovavo sopra.
Sghignazzavo e nessuno era n grado di fermarsi, o almeno controllarsi. Credo che abbia cominciato lei. “Siamo amici”? “Amici”. E io ho cominciato a toccarla da per tutto. Le ho scompigliato i capelli. “Cretino”. Mentre lei mi ricambiava con lo stesso trattamento mi redarguiva: “Cretino. Mi spettini tutta”. Non riuscivo a fermarmi. Non riuscivamo più a fermarci. Era una risata dietro l’altra. Senza interruzione. Non credo di aver riso tanto in vita mia. Senza riuscire a ricordarsi il timore di non farci sentire. E nessuno dei due ne aveva intenzione. “Cretino. Mi spettini tutta. Poi cosa le racconto a quella”? Non la stavo ad ascoltare. “Mica posso farmi uscire tutta spettinata”. Le ho tirato le orecchie. “Stupido”. “Puttanella”. “Non dirlo”. “Dico quello che voglio”. Tutto ci sembrava così divertente. Ho ripreso ad attaccarla sui fianchi. “Fai il bravo”. Lei mi ha dato un piccolo morso sul collo. Mi ha infilato la punta del dito nel naso. Ha cercato di infilarmene un altro in un occhio. “Stupido”.
Lei aveva le mani rapidissime. Eravamo più che euforici. L’ho sculacciata con un rumore secco. “Stupido”. Si è vendicata cercando di graffiarmi. Poi ho sentito una scia umida sul collo. Nella confusione non ero certo di quello che stava accadendo. Non sono certo di nulla. La lotta era frenetica. Senza esclusione di colpi. Le ho dato un pizzicotto. “Stupido”. Lei non era più lei. Ci mettevo lo stesso impegno della strada. Non avrei mai voluto soccombere. Arrendermi. Impiegavo la stessa forza che avrei usato contro qualsiasi avversario. Forse non la stessa rabbia. Era una battaglia, e restava un gioco. Ci stavamo proprio divertendo. L’avevo provocata e stuzzicata, e le avevo solleticato l’ombelico. Non cedeva. “Arrenditi”. Non si arrendeva. Aveva cercato di restituirmi l’offesa. Avevo tutta la maglietta fiori dei pantaloni. “Stupido”. La pancia scoperta. La cinta slacciata. Cercavo di tenerle ferme le braccia. E lei scivolava come una saponetta. E intanto rideva con sguaiatezza.
Certe cose le ho guardate solo dopo. Mi sono trovato una tettina in mano. L’ho stretta. Era ancora proprio una ragazzina. Praticamente non ne aveva proprio. “Stupido”. Stavo stringendo solo un pugno di lana del suo maglione. Per un attimo mi è passata nella testa quella mia conquista. Un pensiero monello. Mi ha spinto via con un riflesso che è arrivato tardi, solo di pochi secondi. Per quell’attimo è tornata ragazza. Immediatamente e ridiventata compagnia di classe. Una stupida ragazzina. Un compagno. Il nostro… un semplice gioco. Solo una lotta. Solo che il suono del suo riso era cambiato. E i suoi occhi si erano chiusi. In quel momento hanno bussato alla porta. L’esuberante allegria ci si è soffocata in gola. Io son balzato sulla sedia cercando di infilarmi la maglietta.
Lei ha chiesto un attimo mentre si ravvivava con le dita i capelli. “Sì? Che c’è”? La voce della madre da dietro la porta fece fermare il mio cuore per la seconda volta: “Posso”? Lei era indispettita: “Certo! Entra pure”. Ci eravamo comportati come se in casa fossimo soli. Senza badare a niente. Ero pieno di vergogna. Speravo che potesse non aver udito le nostre risate. I nostri schiamazzi. “Stavate studiando”? Io prontamente ho cercato di reagire: “”! Credo di essere diventato rosso come la bandiera della Repubblica della Cina. Spero che la signora non l’abbia notato. Lei sembrava già più padrona di sé: “Stavamo finendo. Ci siamo presi solo un attimo di pausa”. Quella madre fin troppo premurosa: “Non hai offerto niente al tuo amico che è stato tanto gentile”? “Ha detto con non vuole niente”. Il suo fastidio era palese. Non mi sembrava l’atteggiamento giusto. “C’è qualcosa che non va, tesoro”? “Sai che non mi piace essere disturbata mentre sto studiando”. Nella mia profonda vergogna non trovai di meglio che dire che dovevo proprio andare. E scappare.
Quando fui per strada mi sembrava di essere fuggito ad un agguato. Di essermi salvato da un incubo. Di essermi trovato in bilico sul confine con un baratro. Ero terrorizzato. Pensavo a quella signora madre. Avevo una enorme confusione in testa. Andai a sbattere contro un cartello della segnalazione stradale. Con la testa per aria. Poi mi ritrovai a pensare a lei, alla mia compagna di classe. Ci ero andato di malavoglia. Non era niente di che. Non era ancora una ragazza. Ma aveva un sorriso simpatico. Era veramente una compagnona. Complice. In aula l’avevo sempre vista tutta seria. Sempre sopra i libri. Non l’avevo mai guardata. Invece… Quando sorrideva aveva un sorriso simpatico. Il suo viso diventava una smorfia gentile. Ed era stato divertente. E… Le avevo toccato un seno. L’avevo palpata. Non me ne ero nemmeno reso conto. Non ne ero più nemmeno sicuro. Anzi penso di poter dire che non aveva seno dentro quel reggiseno. Ma… acqua in bocca.

Read Full Post »

Un cacciatore da luna-parkSiamo stati tutti cacciatori. Dalle nostre parti, quando nasce un figlio, si controlla il sesso e ci si rattrista se è femmina o si gongola diversamente: “Un cacciatore”! In questo caso le donne sonno soddisfatte pensando ad un cacciatore di gonne. Gli uomini di più pensando ad una nuova doppietta. Prima lo era stato mio padre, e prima ancora in padre di mio padre, e così per generazioni. Era una tradizione di famiglia che risaliva a prima che fosse inventata la stampa.
Mi piaceva essere un cacciatore, e mi sentivo fiero con il petto in avanti. Mi faceva sentire importante, il padrone del mondo. Mi piaceva perché si andava a boschi e prati. Si incontravano gli amici di papà. Si faceva due chiacchiere. Tra adulti ci si dava una pacca sulle spalle. Per me… mi strizzavano energicamente una guancia. Se era il caso si fumava una cicca e si trincava un goccio. Poi si procedeva, ognuno nella propria direzione. E mi piaceva soprattutto per come si vestivano; vestirmi da vero cacciatore.
Fin da ragazzino avevo una buona mira al luna-park, e la stanza piena di peluche. Allora non avevo ancora la ragazza. E fin da piccolo lui mi ha portato con sé. Però, a quel tempo, mi lasciava solo portare lo schioppo, diceva che rischiavo di sprecare il colpo o peggio di sparare sul culo a King Red. E se la rideva per la battuta. A me andava bene anche così; anzi meglio. La selvaggina poteva stare tranquilla, non ho mai sparato a qualcosa che si muoveva. Lo ammetto: avevo ferito un leccio, e ammazzato qualche mela.
Mio padre è morto di fabbrica. Prima di dirci addio per andare in gita con la cassa della mutua –così ha detto– mi ha regalato il suo sciopo. Era un bell’arma, guardarla mi lasciava affascinato. Da allora ho cominciato ad andarci da solo. Da solo e senza fretta. Mi piaceva anche il silenzio intenso. Il frusciare del vento tra le foglie. L’odore. Quell’odore. Quegli sporadici cinguettii. Riempire la borraccia al ruscello. Quell’acqua limpida che gorgogliava nervosa tra le calma circostante. Poter entrare nell’orto di Elsa senza che nessuno potesse dirmi niente. E salutarla mentre lei mi sorrideva dalla finestra. Non era l’unica a cui facevo la corte. Non era l’unica che con gli occhi, qualche cenno o più apertamente mi invitava a corteggiarla. Nemmeno la più disponibile. Solo che fu lei a vincere la lotteria, e lei che alla fine sposai.
Continuai ogni domenica da uscire per andare per caccia, sempre senza sparare un colpo. Lei se ne andava a messa e poi mi aspettava preparando il pranzo. Non ho mai capito, né ho mai indagato, perché mia moglie non abbia mai sospettato nulla e non mi abbia mai chiesto come mai uscivo ogni festa e tornavo sempre a mani vuote. Non portavo mai una preda. Solo una volta pagai molto caro uno che avevo conosciuto quella mattina stessa e tornai con una lepre. La porsi ad Elsa tenendola tra l’indice e il pollice. Lei fece lo stesso con una smorfia di ribrezzo: “Ma è morta? Povera bestia”. Fummo costretti a regalarla al vicino. Non eravamo in grado di scuoiarla. Non sapevamo da dove cominciare per cucinarla. Credo che fu da allora che diventammo quasi vegetariani.
Era il mio unico vero svago e mi accompagnò per gran parte della mia vita. Credo che con mia moglie fosse subentrato una sorta di tacito accordo, non mi chiedeva mai com’era andata. Non parlavamo mai delle mie battute infruttuose. Semplicemente mangiavamo in silenzio e poi andavo a riposare mentre lei lavava i piatti. Ma niente dura per sempre. Col tempo diradai le mie uscite fino a smettere completamente di uscire la domenica, mi limitavo ad accompagnarla a messa. In verità cominciavo a faticare, mi stavano un poco tradendo le gambe. Le dissi che il tempo passa e con il tempo passano anche le passioni. Scherzai che solo tra noi sembravano non passare mai. Non era del tutto vero, ma nemmeno farlo.
Mi chiese perché non lo vendessi. Cercai di buttarla in burla: “Se arrivasse un ciurlo impazzito, o uno stormo di beccacce assassine”. Lei si mise a ridere. Non avevo cuore di liberarmene, era una storia di famiglia e di affetto. Mi ricordava papà. Ed era bello il luccichio della canna quando rifletteva un raggio di sole che le sbatteva contro. Alla fine, com’è d’uso, lo passai a mio figlio. Proprio come aveva fatto mio padre con me, eccetera. Glielo consegnai con un poco di timore, avevo paura che si ferisse da solo. Che si sparasse ad un piede. Quel nostro mondo stava ormai finendo. Lui chiese cosa se ne doveva fare, studiava da agronomo. Le sue parole mi tranquillizzarono. Lo appese sopra il caminetto con l’intenzione di non staccarlo mai da lì.
Un giorno non lo vidi più al suo posto. Gliene chiesi ragione. Mi mentì che l’aveva prestato per una mostra. Scoprii che lo aveva messo in soffitta a farlo soffocare di polvere. Per un attimo mi sentii tradito, percepii che tutto stava precipitando e che niente sarebbe più stato come prima. Lo pulii, lo ingrassai, lo lucidai e lo avvolsi in un panno morbido. Tutto senza essere visto. Mentre lui andava al lavoro. Lui sicuramente se avesse sparato per terra avrebbe mancato il bersaglio. Io insolitamente uscii. Elsa non mi chiese niente. Tornai nel bosco a passare le dita sulla ferita di quel vecchio leccio. Sulla corteccia qualcuno aveva scritto, dentro un cuore: Marta ama Pierino.

Read Full Post »

728_1000Io mi siedo sempre al solito posto. Naturalmente non per un diritto. È solo che arrivo presto, prima del pullman. È che lo prendo al capolinea. Salgo per primo o con i primi. Se serve lavoro di gomito. Spingo un po’. Con furbizia e senza troppa arroganza. Salvo rarissime occasioni il sedile è ancora libero. Così mi metto vicino alla porta della discesa. Questo tutte le mattine da quando lavoro all’erario, salvo naturalmente le feste. Mattina dopo mattina, puntuale alla stessa ora. Certi gesti si fanno abitudini, anche a nostro dispetto. Mi siedo e frugo in borsa. Prendo il libro e mi sprofondo nella lettura.
Sì! sono abitudinario. Non è un gran vizio. Mi piacciono le certezze. Sapere cosa trovo quando scendo. Quando giro l’angolo. A una festa o una serata. Prendere il caffè allo stesso bar, sempre macchiato con una lacrima di latte e mezzo cucchiaino di zucchero. Porto ancora la fede al dito. Prima di andarsene Marilena mi ha dato del noioso. Credo di essere solo preciso. E non ho la pretesa di capire tutto. Infatti Marilena non l’ho ancora capita. Se n’è andata lasciandomi pieno di domande e di misteri. Già è una fortuna che non mi ha cacciato. S’è presa solo le sue cose e le lenzuola ricamate. È sempre stata convinta che non ci sia casa senza di quelle.
Da alcuni giorni lo prende anche lei, voglio dire lo stesso pullman. L’ho notata subito, o quasi. Da allora mi sento distratto. Non posso dire che non disturba la mia lettura. Qualche volta è al cellulare, anzi spesso. Non riesco a sentire quello che si dicono. Penso che nella maggior parte dei casi parli con un’amica. Non è lei, è che da quando facciamo il viaggio assieme sono deconcentrato. I miei occhi scappano dalle pagine, perdo il segno. Rileggo più volte le stesse righe e poi rinuncio. Così mi arrendo e non ascolto le sue telefonate, ma la guardo telefonare. Forse se n’è accorta e i miei occhi la distolgono. È una ragazza attenta, e garbata. Solitamente lo fa guardando fuori dal finestrino o, come ora, abbassando gli occhi. Così la posso spiare anche meglio. Sì! perché non la osservo ma la studio. Non sono mai invadente. Non mi soffermo mai a lungo o con insistenza. Distraggo gli occhi velocemente. È solo che faccio sempre più fatica a non pensare a lei.
Un po’ mi sento un guardone, ma non posso non guardarla. Ormai nei miei pensieri la chiamo: la mia ragazza. La sogno da sveglio e mentre dormo. Niente di sconveniente, non ne sarei capace, ma è una presenza gentile, un rifugio, un pensiero delicato. Sento il suo profumo educato. Mi è capitato passandole vicino. Prima di scendere cerco di memorizzare bene com’è vestita, per trattenerla con me ancora per un po’. Per ricordarla bene. È solo un gioco, un vezzo. Mi nego la verità, non mi è mai successo, credo di esserne affascinato. E, anche se sono stato sempre molto attento, non sono certo che non si sia accorta di me.
Quando riesco a non distrarmi sono un buon osservatore. Le notizie al cellulare non devono essere molto buone. Ha gli occhi abbassati e sembra molto attenta. Adoro quella sua espressione tra il concentrato e l’imbronciato. Oggi ha una maglietta a righine sottili. Sotto indossa un reggiseno azzurro; lo riempie bene. Porta sandali con il tacco basso, è abbastanza alta, un po’ più di me. Ha due vere enormi ai lobi. Non ha mai bisogno di molto trucco. Dev’essere carina anche quando si alza dal letto; come si dice acqua e sapone. Si porta dietro una sporta e la borsetta enorme beige. Ha un paio di pantaloncini corti bianchi. Anche le gambe sono belle è affusolate. È caldo. Forse sono un po’ troppo corti. Forse frequenta qualche piscina. Non so dove può lavorare per andarci vestita così, in modo un po’… informale. Sembra più preparata per andare al mare anche se non è poi così caldo. L’acqua dev’essere ancora freddina.
Trovo il coraggio che non ho mai avuto. Aspetto la sua fermata. Raggiungo la porta subito dopo lei. Annuso il suo profumo, scendo e discretamente la seguo. Cammina come in punta di piedi; ritta e sicura. Entra in un’agenzia di viaggi. Mi siedo ad un bar proprio dirimpetto e continuo a guardare la mia bella. Nel frattempo telefono in ufficio per avvertire che tarderò oppure che mi prendo una giornata di ferie. Erminia si mostra sorpresa ma non fa commenti, si limita a dire che va bene. Non ho tolto gli occhi da lei nemmeno per un momento, nemmeno mentre parlavo al telefonino. Sta rispondendo a un cliente. Lei mi vede attraverso la vetrina. Mi sorride e mi saluta, mi fa proprio ciao con la manina. Mi guardo intorno; mi sembra impossibile. Sono solo col mio caffe macchiato freddo. Mi indica che si rivolgeva proprio a me. Le scappa da ridere. È deliziosa e le si illuminano gli occhi. Mi soffia un bacino e fa cenno di aspettare. E io aspetto e non lo devo fare per molto, si libera presto dell’intruso. Viene alla porta e mi dice che le dispiace ma, non può finire prima dell’una. Si scusa ma se voglio… Senza permetterle di finire le dico che sarò lì puntuale e così faccio.
Alle tredici sono già lì e lei mi ha visto arrivare. Mi regala un altro saluto e si mette fretta. Chiude la porta dell’agenzia con due giri di chiavi e mi raggiunge velocemente. È sbrigativa; mi chiede dove voglio che andiamo. Le propongo un ristorantino poco lontano; non è caro e si mangia bene. Accetta subito e sembra contenta. La faccio passare e ci accomodiamo. Preferisce quella gasata ma non disdegna anche un goccio di bianco. Cerchiamo di parlare del più e del meno, ma abbiamo ancora pochi argomenti in comune per sostenere una conversazione sufficiente. Sembra avere appetito. Ogni tanto nasconde i denti, le labbra e una breve risata dietro le dita. Si accorge del mio imbarazzo. Si scusa. Mi chiede se può parlare liberamente. Ha una voce cantilenante che cade come gocce di pioggia su una coppa di cristallo. Mi comincia a confessare che ha avuto una storia ma è finita, e finita male. Si versa un altro bicchiere di vino. Mi dice di scusarla e che è meglio lasciarsi dietro le malinconie. Che bisognerebbe sempre parlare solo di cose allegre. Di cose positive. Che in fondo la vita…
Insiste per pagare la sua parte, alla romana. Oggi è libera. Ha deciso di non riaprire l’agenzia. Ammette di non averne voglia. Andiamo verso il parco, ha ritrovato il suo buonumore. Il suono della sua voce è diventato ancora più squillante. A tratti sembra saltellare dalla gioia. Mi prende sottobraccio. Ha rubato un pezzo di pane per le anatre. Se ha un solo difetto non glielo riesco proprio a trovare. Mi confida che si sente libera, che sta proprio bene con me, come con uno zio saggio. Vorrei dirle mille cose ma non ci riesco. E temo che tra noi… sia ancora troppo presto. Preferisco la prudenza. Confesso solo di trovarla carina. Ma mentre proseguiamo sento la sua mano sfiorarmi il fondo schiena e questo le mette allegria. Non ho mai trovato una ragazza come lei, che non si fa cautele a esprimere il proprio parere.

Read Full Post »

robin-hood-proposes-to-maid-marian-robin-hoodVedi Quella strana magia del mattino
Era ancora sdraiata nel suo enorme divano sprofondata nella sua più cupa tristezza e immersa nella profonda solitudine. In quella cucina affollata solo di quella folta schiera di fantasmi muti. Impugnando il cellulare muto in una mano e uno yogurt senza calorie nell’altra. Era ancora da lavare, da pettinare e da truccare. Puzzava di sonno.
Alla televisione stava andando un episodio di quella stupida serie, piena di malattie e di storie tra le corsie, a cui lei non stava dedicando la minima attenzione. Certo che quei dottori erano proprio tutti dei gran fighi. Magari poteva farsi venire la varicella. Denunciare un mal di pancia. Si portò la mano alla fronte, quella con il vasetto di yogurt. Stava per combinare un vero disastro. Stava bene come un pesce con una salute di ferro, non fosse stato per l’umore nero. Era già decisa di voler annegare dentro un barattolo enorme di Nutella, quando all’improvviso le vibrò e suonò il cellulare. Dalla sorpresa lasciò cadere il barattolo di yogurt combinando quella catastrofe che in precedenza aveva solo rinviato.
Ciao Susan, sono Maggie. Volevo solo ricordarti che ci vediamo domani alle otto. In punto. Cerca di essere puntuale”. Era Maggie, cioè Margherita. Ma quella ragazza non aveva altro da fare che passare da un avventura ad un’altra. Eppure lei un uomo lo aveva. Era tutta emozionata, non era nuova al mondo del porno, ma lei era la prima volta che si faceva disegnare. E quella parte gliel’aveva trovata lei. Bo avrebbe voluto doversene pentire.
Era stata l’ultima trovata di quel cogliocello di Luigi: lavorare ai disegni per un cartone animato. Ci si era buttato a capo fitto. Non aveva trovato nessun Susanna nei fumetti. Alla fine aveva pensato ad una revisione di Robin Hood, naturalmente un Robin Hood per adulti. Per lui era facile trovare gli interpreti tra gli amici. Diversamente a volte pregava lei se aveva qualche amica bella e disponibile, eppure non era poi così difficile trovare ragazze disposte a tutto per illudersi e sentirsi attrici.
Lei, Margherita, doveva essere Lady Marian, bella si poteva dire bella, ma era una Lady Marian fin troppo smilza. Avrebbe dovuto mettere su qualche chilo, benedetta ragazza. Era secca come un chiodo. Alta sì, quasi quanti lei, ma le mancavano proprio le forme. Non aveva fianchi. Non aveva seno. Riempiva a stento una prima. Aveva sì occhi grandi facili a riempirsi di stupire come di delizia. Un bel ovale. La bocca forse era un po’ troppo larga e i piedi da fica Solo che… era fin troppo sfacciata, la ragazza; senza coda. Al di là di quello che richiede la parte una vera donna dovrebbe mantenere sempre un certo contegno, la sua dignità. Alla fine sarebbe stata lei a sposare il principe. In fondo non ci vuole un corso di recitazione drammatica per una parte come quella. Non aveva che due cose da dire. Era certa che sarebbe potuta andare bene. Come era certa che lo avrebbe riempito di corna. Certo il pane ce l’ha sempre chi non ha i denti.
René, cioè Renato, aveva le doti giuste del vero attore, una enorme passione. Sarebbe stato lui a fare l’arciere di Sherwood. Aveva una faretra gonfia e un dardo che colpiva diritto al cuore e al ventre. E lo sguardo da lupacchiotto. Non le era piaciuto solo quel commento sul suo didietro. Avrebbe avuto modo di fargli ingoiare quella leggera critica, di farlo pentire. Ma si trovava bene con lui e con tutti loro, si era trovata subito a proprio agio. E Margherita non poteva certo fingere gelosia se si prendeva un passaggio. Che lei ancora manco lo conosceva. Mentre lei la parte la conosceva a menadito, somigliava a tutte le altre, ma si poteva prendere il lusso di qualche improvvisazione. Mentre lei l’aveva già assaggiato.
Lei sarebbe stata una lady Cocca affamata e mai sazia; già senza penne. Glielo avrebbe fatto vedere a quella sciacquetta. Ornai non aveva patemi e sapeva muoversi disinvolta. Tonino avrebbe fatto Tonto. Era assolutamente adatto a quel ruolo. Doveva annusare prima di assaggiare e non capiva una pippa nemmeno dopo che gliel’avevi messa sotto il naso. Francesco sarebbe stato un credibile Little John, era grande e grosso come quello vero. Luigi si era dato la parte dello sceriffo di Nottingham. Era sempre tra i piedi, quello. Forse si credeva un Hitchcock. Gli stava bene il ruolo del vigliacco, solo che se toglieva gli occhiali andava a sbattere da per tutto. Nessuno avrebbe fatto nemmeno Re Riccardo né il Principe Giovanni. Era una produzione a basso budget, naturalmente. Cinque attori e noi due. Almeno si sarebbe distratta un po’.
Succedeva. A volte qualcuno, o qualcuna, si lasciava prendere la mano. Era per questo che Luigi preferiva per certe scene scattare qualche foto, e poi disegnare dalla foto. A lei non piaceva essere fotografata in quei momenti, in quelle pose. Si sentiva meno naturale. Temeva anche che lo stronzo facesse del commercio di quegli scatti. Potevano persino finire in mano a dei ragazzini. Cosa ci poteva fare? E poi… un indomani… Non si sa mai. Era decisa a godersi la sua tristezza aspettando la sera. Sarebbe rimasta così: acqua e senza nemmeno sapone. Certo che quella cioccolata spalmabile era una vera goduria. Magari si sarebbe fatta due uova e una bella fetta di pancetta. Poi, a letto, Susanna aveva un appuntamento con Ned Willard e Margery Fitzgerald[1]. Andava pazza per quel romanzo, l’aveva presa proprio di brutto. Lei amava le grandi storie d’amore; lei che non ne aveva una. Aveva deciso: doveva perdere almeno un paio di chili.

[1] Personaggi di La colonna di fuoco di Ken Follett.

Read Full Post »

Quella strana magia del mattinoVedi: Tre arance
È sempre triste prendere un caffè da sole. Anche a venticinque anni. Perché non ti senti più una ragazza. Perché non sai se sei già una donna. E ti sembra che qualcosa manchi. Che ti sia sfuggito tra le dita. Guardi il letto disfatto, vuoto. Pensi al libro che hai appoggiato al comodino. Ascolti il silenzio nelle stanze. Senti l’aroma che dalla moka si sparge in cucina. E allora pensi.
Vorresti tornare su quel letto e lasciati piangere sul cuscino. Tiri su con il naso. Tante storie e nessun amico a consolarle. Troppe storie o troppe poche che non vorresti raccontarti. Forse quel Carlo avrebbe potuto salvarti. Sapevi che aveva la fede al dito. L’avevi notata subito. Cosa importa? Ti sei detta. Non l’hai fatto, ma è come se l’avessi fatto.
Aveva quel maledetto anello anche il professore di “Economia aziendale”. Non lo ha fatto desistere. Non è stato d’impiccio. Non ha fatto differenza. Con quella voce piena di paroloni ti ha solo aiutato a lasciare quei banchi. Non ti ha mai mentito. Lo sapevi che non l’avrebbe mai lasciata. Non te ne sei data cruccio. Anche se non hai ancora capito cosa ti sarebbe servita quella maledetta materia nella vita. E hai continuato ad essere solo Susanna. Con quel corpo pieno di voluttà e di lusinghe. I tuoi chili in più. Sempre con quell’espressione offesa di disprezzo. In mezzo a quegli uomini vecchi. Sempre nel gesto di essere pronta a coprirti. E sempre già nuda. Forse era stato quello a tradirti.
Una storia, ogni storia, comincia prima; poi ti spogli. Farti trovare già nuda forse non è un buon inizio. Dovrebbe essere una fine. Quando non lo è forse è un disastro. L’annuncio della disgrazia. Chissà? Certo è che sei solo quella che sei. Che non ti è rimasto null’altro che ricordare e rimpiangere. Forse è stata tutto colpa di quell’imbecille di Luigi. Forse è inutile cercare sempre la colpa negli altri. Lui si è limitato a non dire che fare la modella per quella vignette era spogliarsi. Forse era convinto che lo sapessi da sola. Troppi forse per una mattina in cui anche il sole si mostrava pigro. Certo, Luigi non ti aveva dato il tempo di pensare. Nemmeno tu ti sei lasciata il tempo di pensare. Ti sei tolta tutto quasi prima che lui te lo chiedesse. Spiata, lusingata, sdegnosa e sempre desiderata. E sei rimasta vestita e spogliata solo di un lenzuolo, e solo perché lui te l’ha detto; quello stronzo del grande artista.
A volte le donne, tutte le don ne, sono le più grandi nemiche di se stesse. Forse lui, quel Luigi, voleva solo quello. Il resto era una scusa. Forse lui non ti avrebbe voluto dividere con nessuno. È sola tua la colpa se non sai dire di no. Certo non era un dongiovanni. Non poteva essere un Narciso. La storia sarebbe finita comunque, anzi non è nemmeno mai cominciata. E certe idee son venute in testa proprio a te. Volevi sentirti bella. Fingere di desiderare per essere desiderata, ma eri solo disperata. Disposta a tutto pur di non essere ignorata, una semplice nessuno. Pur di non tornare quella ragazzina grassa che nessuno invitava. Un poco principessa e un poco cortigiana. Lo hai sempre saputo che non era quello Amore.
Lui, Luigi, ti aveva spiegato chi era quella Susanna. Un nome conta poco. Era solo casuale. Lei era casta. Lui non ti ha spiegato il significato. E non ti vedeva grassa. Forse è per questo che hai provato della tenerezza. Che ti sei inventata dell’affettuoso desiderio. Mai del vero calore. Nemmeno per un attimo. Era tutto finto. Tutto una messa in scena. E certe idee gliele hai messe in testa proprio tu. Che forse lui nemmeno avrebbe voluto. E probabilmente, anzi quasi sicuramente, Ernesto era stato solo il mezzo per toglierti d’impiccio. Non avevi il coraggio di dirlo; di dire basta. Il coraggio non ti è mai mancato e non l’hai mai avuto. Per un sì sei sempre stata audace, per un no sempre vigliacca. E sapevi prima che cominciasse che anche con Ernesto non sarebbe durata. Nemmeno te lo sei chiesto. Eri già nuda. Un’altra storia cominciata dalla fine.
Forse avevi fatto anche del male. Certo quello che hai sempre ricevuto non ti ha mai fatto star bene. E queste mattine ne sono la conseguenza. Sdraiata sul divano, col caffè che ti si fredda in mano; sola. Sola come l’ultima delle donne. Girando il cellulare tra le dita. Incerta tra tanti nomi. Tanti nomi e nessuno. In una giornata feriale. In un mattino già inoltrato. Nomi non possono lenire le tue pene solo per un attimo. Darti un attimo di passione; o di distrazione? Frena le tue dita, sai già che sarebbe inutile; che non ci riusciresti. Ferruccio non è stato che una parentesi, un intervallo. Ti resta l’abito che hai messo per la festa del loro anniversario. L’abito di una segretaria, che giace là, nell’armadio, tra tanti altri. Certo sono quei nomi che ti hanno permesso di piangerti addosso in questa stanza. Che ti hanno pagato l’affitto.
Anacleto ti aveva chiesto di sposarlo. Persino il nome era ridicolo. Aveva fatto perfettamente la parte di uno di quei vecchi. Non sai ancora come sei riuscita a non scoppiare a ridere. Nemmeno si comincia solo per una cosa tanto banale. Lo avevi lascito frugarti. Non ti toccava l’anima, questo era il punto. Non aveva visto il tuo volto annoiato. Quella smorfia di insofferenza. Forse aspetta ancora quella risposta. Forse ha capito e non ti aspetta più. L’uomo non è poi così stupido. È in grado di capire anche senza un no, forse. Amedeo aveva una bella macchina. Non si può vivere solo in macchina. Non puoi aspettare che torni. Restare in ansia per un suo ritardo. Mettere le ciabatte dalla tua parte. Stare tranquilli mentre ci si spoglia. Leggere un buon libro. Non si può cucinare. Cercare uno yogurt nel frigo. Non si può guardare spaparanzati la tivù. E poi era una bella macchina ma con i sedili scomodi e poco bagagliaio.
Sono sempre le domeniche le giornate più atroci. Non voleva dividersi più per nessuno, e con nessuna. Era facile solo a parole. Tommy, cioè Tommaso, era caro ma non ci sapeva proprio fare. Avrebbe potuto imparare? Gli avrebbe potuto insegnare? Quando lo aveva incontrato aveva troppa fretta di vivere, bisogno di tutto, per avere la pazienza di aspettare. Forse, poverino, aveva scelto solo il momento sbagliato. Ma non sempre si può scegliere anche il momento. Certe cose corrono troppo. È questione di un attimo. Quando l’attimo è passato non c’è più nulla da fare. Resta solo il rimpianto. A volte nemmeno quello. Però le sue labbra avevano sempre un buon sapore. E usava un dopobarba, non aveva mai saputo il nome, veramente intrigante e di buon gusto. Peccato. Forse era lui il caso in cui le era veramente dispiaciuto. Peccato. Troppo tardi.
Era stata una sfortunata coincidenza che l’avesse vista con Gabriele. Gabriele era solo il figlio di una cara amica di sua madre. Era così giovane. Così inesperto. Aveva voluto solo essere gentile. La gentilezza non è mai ricompensata, si paga sempre. E poi come spiegare ad un uomo cosa vuol dire essere gentile? L’uomo pensa solo che devi essere solo sua. È essenzialmente egoista. Non era mai riuscita a essere solo di uno. Non ne era mai stata capace. Non si era mai sentita di poter appartenere ad uno solo. Nessuno l’aveva fatta sentire così sicura da essere disposta a rinunciare a tutto per lui. Da estorcerle quella promessa. La verità era che sognava solo dopo e da sola. Non era mai riuscita farlo veramente tra le braccia di uno. Un bacio non aveva mai suscitato alcun suono di campane. Forse aveva sempre preteso troppo. Il fatto è che in qualunque letto ti trovi poi il mattino ti svegli.

Read Full Post »

Un giro di chiaveDo sempre un giro di chiave alla porta. Anche quando non c’è nessuno e siamo soli. Figuriamoci quando c’è Nicoletta in giro. Per chi non mi conosce Nicoletta è la nostra collaboratrice domestica. Per loro spiegherò che è una donnetta come tante. Niente di particolare. Bassina e un po’ robusta. Con i capelli come le donne di una volta. Una figura che sembra schiacciata al suolo. Sempre in jeans e maglietta. Estate e inverno. Unica differenza è che d’inverno si cambia quando arriva. Utilizzando l’altro bagno. Mai avuto delle fantasie su di lei. Non sono uno di grandi stravaganze.
Come dicevo è una mattina come tutte le altre. Me ne sto tranquillo seduto sul trono. Certo sento i rumori del suo gran d’affare. La scopa che sbatte contro il battiscopa. Le porte che si aprono e si richiudono. Anche quelle degli armadi. Come dicevo ero appartato con il giornale in mano. Faccio un sobbalzo. Senza bussare lei apre l’uscio e mette dentro la testa Scusa, non sapevo che fossi qua. Naturalmente lei fa per andarsene e richiudere quella maledetta porta. Mi si blocca tutto: Tranquilla, non è nulla, e ho quasi finito. Forse non lo dovevo dire. Non si sa mai cosa dire quando si è sopresi con le brache calate. Ci ripensa ed entra ridendo e si mette a pulire, senza far caso a me. A me che a quel punto sono pieno di vergogna. E appoggio il giornale. Comunque non riuscirei a leggere. Ho la testa altrove. Vorrei vedere un altro.
Non ho mai visto una donna delle pulizie a ore tanto principessa quanto Nicoletta. Maestra nel brontolare e con qualche parola volgare che le scappa talvolta dalle labbra. Cioè è spiccia con quella lingua. Innamoratissima del suo Alfredo. Il suo Edo è un pezzo d’uomo. E deve avere una pazienza infinita. Ormai è con noi da una vita, Letta. Ci raccontiamo tutto. Soprattutto lei ama metterci al corrente delle vicissitudini e delle sue disgrazie. E per quelle è sempre pronta. Ne ha sempre una di nuova. Mentre imperterrita continua nelle sue incombenze mi chiede se ho già preso il caffè. Mi dice che dopo me lo prepara. Ma dopo. Preferirei che andasse a mettere la moka sul fuoco subito. Non ho il coraggio di chiederlo. Solitamente lei lascia i bagni per ultimi. Cos’è questa novità?
Mi ragguaglia sulle ultime e su come hanno passato il fine settimana. Con gli amici. Sulle solite peripezie che deve attraversare ogni mattina per arrivare puntuale. Storie sempre uguali, leggende da pullman di linea. Capisco che quel darmi le spalle risoluta e testarda molesta anche lei. Lo capisco da come alza gli occhi al cielo e si sistema una ciocca. Non so proprio che fare. Le chiedo la prima cosa che mi viene: Dov’è Giacinta? È al telefono con mammina. Sempre per chi non ci conosce, Giacinta è la mia dolce metà. La mia consorte. Insomma mia moglie, anche se non ci siamo mai sposati. So che quando è al telefono con mamma le telefonate non finiscono mai. Lo sappiamo entrambi.
Non è che me ne stia lì a guardarla. Non riesco ad alzarmi. Non lo posso fare, con lei presente. Lei lucida la batteria di miscelatori dandomi le spalle. Forse potrei approfittare del momento, della distrazione. Non ci riesco proprio. Sono gli occhi che continuano a fissarlo, il suo culo basso di jeans. Più che robusto. Imprigionato. Anche se ride di nuovo e mi dice Fai finta che io non ci sia. non è possibile perché lei c’è. È lì e prende a raccontarmi le bizze del vecchio padre. È avanti con gli anni, suo padre. Non è mai stato quello che si può definire un brav’uomo. Ora non c’è più con la testa. Vive da solo, ma ha bisogno di tutto. Intanto sistema il bicchiere con gli spazzolini e il tubetto del dentifricio. Passa lo straccio sul portasapone. Pulisce il grande specchio. La guardo in viso su quello specchio e scopro che sta ancora ridendo. Per fortuna non mi sono alzato.
Se la posso fissare allo specchio è perché ci possiamo vedere. Il suo tempo corre veloce. Mi guarda in viso. Si volta e ride. Ride del mio imbarazzo. Controllo che non mi si veda niente. Anche se la mia posizione non può essere certo delle più eleganti. Lei non abbassa gli occhi. Semplicemente è come se tutto fosse normale. O non ci fossi: Scusami, ma ora dovrei fare il water; o preferisci che inizi dal bidet?
Mi chiedo se è una domanda trabocchetto. Del resto sarebbe solo dilungare la seccatura. Non mi scappa più, è passato. Non colgo la differenza. Vorrei dirle che se esce un attimo la lascio libera di fare. Invece le dico: Fai come vuoi.
Sai come sono fatta, ho il mio ordine, sono metodica. Preferisco fare come ogni giorno. Meglio che comincio dal water. E allora alzati. Che sarà mai?
Ma
So com’è fatta; e non so del tutto com’è fatta. Ride. Ride che sembra sfidarmi. L’ho sempre vista così, in quei panni. China sui pavimenti o davanti al lavello. Nemmeno mai in camera a rifare i letti. Cerco sempre di evitare di esserle d’intralcio. Se lei è in una stanza vedo di essere in un’altra. Stamattina sembra tutto cospirare. Sembra che tutto sia diverso e insolito. Vorrei tanto sapere cosa è cambiato. Come ha passato la notte. Non sono mai stato invadente. Me ne sto zitto. Io sì ma lei no: Dai che sai che pulisco bene. Stamattina, vorrà dire, che mi tocca… pulire anche te.
Non posso far altro che fare come dice. Mi alzo con i pantaloni abbassati, alla caviglia. Pieno ancora di quella vergogna. Penso di essere sufficientemente ridicolo. Ma, tra la distrazione degli occhi e il suo parlare, sono anche orgoglioso; almeno un pochino. Oltre quello che sarebbe lecito e che vorrei. A lei sfugge un Cazzo! e un Perbacco. L’ho spiegato prima che ha la lingua libera e veloce. Dovevo ancora scoprire quanto. Si congratula e mi dice che ha sempre saputo che sono Un vero signore.
I veri signori non si trovano mai in simili situazioni. Credo. Cerco farfugliando di scusarmene. Mi chiede Di che? Mi dice anche Fai il bravo. Vorrei fare da me, ma lei non me lo permette. Da una lucidatina anche al mio rubinetto. Dimostra che, quando vuole, ha una pazienza pari se non superiore al suo amatissimo Edo. E poi mi dice soddisfatta che anche a lei piace il caffè con il latte, ma con Il latte a parte. Questa non la capisco proprio. Lei dà sempre il meglio di sé in tutto quello che fa.
Non posso negare che la mia vita è un po’ cambiata. La mattina prendo ancora prima il caffè. Poi vado a fare i miei bisogni. Ma ho imparato a non chiudermi a chiave. Lei mi raggiunge sempre, o quasi. Con il suo solito Scusami, posso? Salvo non sia il suo giorno libero. O non ci sia proprio Giacinta nei paraggi. A volte lo scordo. Sembra sia diventato uno dei suoi doveri. Nemmeno quello che le costa più sacrificio. E devo ammetterlo, la brava Betta, è proprio una vera maestra nel lucidare tutto.

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: